Maggio 27, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

La Russia ordina alle forze ucraine a Mariupol di arrendersi entro domenica mattina

Un residente locale siede accanto a un incendio in un cortile esterno a un edificio danneggiato a Mariupol, in Ucraina, il 14 aprile. (Alexander Ermochenko / Reuters)

Nel suo ultimo video discorso di sabato al popolo ucraino, il presidente Volodymyr Zelensky ha affrontato la situazione nella città portuale assediata di Mariupol e ha promesso un futuro migliore una volta terminate le ostilità.

“La situazione a Mariupol rimane la più grave possibile. Solo disumana”, ha detto Zelensky. “La Russia sta deliberatamente cercando di distruggere tutti quelli che si trovano a Mariupol”.

Si stima che circa 100.000 persone rimangano a Mariupol e nelle sue immediate vicinanze, che sono in gran parte sotto il controllo russo, con le truppe ucraine confinate in sacche di resistenza.

“Ci sono solo due modi per influenzare questo”, ha detto Zelensky. “O i nostri partner daranno all’Ucraina tutte le armi pesanti, gli aerei necessari e, senza esagerare, immediatamente … O un percorso negoziale, in cui anche il ruolo dei partner dovrebbe essere decisivo”.

Zelesnky ha detto che il suo governo ha cercato ogni giorno di porre fine all’assedio di Mariupol: “Militari o diplomatici: qualsiasi cosa per salvare le persone. Ma trovare questa soluzione è estremamente difficile”.

“Sebbene abbiamo sentito molte intenzioni da coloro che volevano aiutare e che sono davvero in posizioni di influenza internazionale, nessuna di esse è stata ancora realizzata”. Ha aggiunto.

Il 25 marzo il presidente francese Emmanuel Macron ha proposto un’evacuazione di massa via mare, ma il piano non è andato da nessuna parte. Zelensky ha detto che ogni giorno lui o il capo delle forze armate o il capo della squadra negoziale ucraina erano stati “in contatto con i nostri difensori di Mariupol. Ogni giorno”.

Ricostruire la nazione: Zelensky ha anche affermato che il suo governo ha iniziato a pianificare un futuro postbellico.

READ  La NASA vede un relitto "oltre il mondo" su Marte con l'elicottero Ingenuity

“Oggi ho tenuto un incontro dedicato alla ricostruzione delle nostre città”, ha detto. “Certo, questa è una quantità enorme di lavoro. Ma ancora meno che difendere lo stato in guerra”.

Il Presidente ha aggiunto: “Ora è un momento storico, il momento in cui possiamo risolvere una volta per tutte tanti vecchi problemi dell’intero ambiente della nostra vita”.

Zelensky ha affrontato la situazione abitativa e quella che ha definito la “vera modernizzazione delle nostre città”.

“Milioni di persone sanno quanto sia difficile ottenere una casa, guadagnare soldi per il proprio appartamento, costruire una casa… Oggi ho stabilito un compito per fornire un alloggio temporaneo a tutti i nostri sfollati interni [internally displaced.]… Coloro la cui casa è stata distrutta dalla guerra. Alloggi temporanei fino a quando non ricostruiremo le loro case”.

Una priorità, ha detto, sarebbero le case per i veterani per “fornire alloggi a tutti coloro che hanno difeso o stanno difendendo lo stato, che hanno lavorato o stanno lavorando nell’interesse della società e non hanno un alloggio proprio. Non può sia più il caso che una persona dedichi tutta la sua vita al servizio militare, ma si ritiri senza avere un appartamento proprio».

Zelensky ha anche detto che erano in programma dei memoriali, uno dei quali “racconterà la storia del ponte distrutto nella regione di Kiev, che collegava Irpin e Bucha con Kiev. La storia delle persone che fuggirono dagli invasori russi a Kiev usando questo ponte e questa strada. “

Il ponte era la via di fuga per migliaia di civili in fuga dai bombardamenti russi a marzo.