Ottobre 6, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

La Russia invita l’Ucraina, Zelensky si rivolge al Parlamento australiano

ucraino i governatori militari nel paese orientale hanno riferito di pesanti bombardamenti giovedì in mezzo a un apparente spostamento da parte dell’esercito russo per reindirizzare gli sforzi militari al Donbas regione.

“Riteniamo chiaramente che il trasferimento di [military] la tecnologia nella nostra direzione sta iniziando ora”, ha affermato Serhiy Haidai, capo dell’amministrazione militare della regione di Luhansk, in un commento televisivo.

“E mentre l’equipaggiamento e il personale vengono consegnati, i nostri nemici stanno semplicemente sparando in modo più denso e potente. Qui è già coinvolto tutto: aerei, artiglieria, armi di grosso calibro, mortai – tutti gli insediamenti vengono bombardati”, ha detto.

Separatamente, Pavlo Kyrylenko, capo dell’amministrazione militare della regione di Donetsk, ha dichiarato su Telegram che le forze russe durante la notte hanno continuato a bombardare nella parte centrale della regione.

“A Maryinka, Krasnohorivka e Novomykhailivka, il nemico ha usato di nuovo proiettili al fosforo bianco”, ha detto, riferendosi alle munizioni che sono vietate o circoscritte dal diritto internazionale nelle aree popolate.

Undici civili feriti della comunità Maryinka, inclusi quattro bambini, sono stati portati all’ospedale cittadino di Kurakhiv”.

Evacuazione programmata: Funzionari ucraini e russi hanno annunciato che un’importante evacuazione è prevista per giovedì dalla città assediata di Mariupol, nel sud-est dell’Ucraina.

Haidai, l’amministratore regionale di Luhansk, ha affermato che sono in corso anche sforzi per evacuare i civili dalle piccole città della sua regione, anche senza accordi di questo tipo con la parte russa.

“La nostra evacuazione va avanti ogni giorno senza i cosiddetti corridoi umanitari”, ha detto. “Non ci fidiamo degli orchi [a derogatory Ukrainian term for Russian troops] molto, e in secondo luogo, non sono proprio d’accordo con quei corridoi. Sarebbe molto importante per noi evacuare le persone da Rubizhne e Popasna, gli insediamenti che sono sotto il massimo fuoco.

“Ci sono combattimenti proprio nelle città. E da quelle città è impossibile evacuare le persone e persino fornire aiuti umanitari, poiché lì si stanno verificando bombardamenti così densi”.

Haidai ha aggiunto: “Quindi lavoriamo come al solito, gli autobus di evacuazione arrivano costantemente da Kreminna, da Lysychansk, da Severodonetsk, in parte da Rubizhne, dal territorio controllato dai nostri difensori. E a volte i nostri vettori irrompono a Popasna, dove raccolgono alcuni piccoli gruppi di persone».

READ  Cosa aspettarsi udienze del 6 gennaio giorno 5: