Settembre 26, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

La Russia invade l’Ucraina, Mariupol attacca dal Mar d’Azov

Veduta di un edificio residenziale distrutto da un bombardamento russo a Makariv, il 16 marzo. (Mohammad Javad Abjoushak / SOPA Images / LightRocket / Getty Images)

Le forze ucraine hanno cercato negli ultimi giorni di riconquistare il territorio dai russi, secondo un alto funzionario della difesa statunitense, che le ha descritte come “Abile e volenteroso” fare così.

Ecco la situazione sul campo:

Contrattacchi vicino alla capitale: Sembrava esserci stato un contrattacco ucraino a nord e ad ovest di Kiev fatto qualche progressomettendo a repentaglio gli sforzi russi per circondare la capitale e minacciando la capacità delle forze russe di rifornire le unità avanzate che sono esposte a nord della città.

Makariv: Una di queste aree è Makariv, una città strategica a 30 miglia (48 chilometri) a ovest di Kiev. Dopo giorni di combattimenti, le forze ucraine ripreso il controllo della città, hanno detto martedì le forze armate ucraine in un post su Facebook. La CNN non ha potuto confermare l’affermazione. Makariv aveva subito danni significativi dagli attacchi aerei russi in corso, con video mostrando una devastazione diffusa. Se le forze ucraine consolidare il loro controllo di Makariv, sarebbe diventato più difficile per le forze russe proteggere gli approcci occidentali a Kiev e poi spingersi più a sud.

A nord di Kiev: Ci sono anche indicazioni che le forze russe hanno subito battute d’arresto a nord di Kiev, nelle aree che hanno tenuto quasi dall’inizio dell’invasione. UN breve video geolocalizzato dalle truppe ucraine della CNN che camminano nella città di Moschun, a circa 20 miglia (35 chilometri) a nord della capitale. Video drone ucraino geolocalizzato durante il fine settimana mostrato la distruzione dell’armatura russa nella stessa area.

Inondazioni del fiume Irpin: Sono state mostrate le immagini satellitari di lunedì inondazioni crescenti dal fiume Irpin. La CNN aveva precedentemente riferito che una diga lungo il fiume Dnepr stava allagando il bacino del fiume Irpin e i suoi affluenti. Il fiume è fondamentale per l’avanzata russa verso Kiev; se i russi non possono attraversarlo, non possono prendere Kiev da ovest. Non è chiaro come la diga abbia iniziato ad allagarsi: se i cancelli siano stati aperti apposta dagli ucraini o se sia stata colpita da un attacco militare.

READ  Almeno 6 uccisi nel Montana Pileup durante la tempesta di polvere

Borodyanka: Circa 12 miglia (20 chilometri) a nord di Makariv si trova la città di Borodyanka, che è stata detenuta dalle forze russe e cecene sin dall’inizio della campagna. Se gli ucraini dovessero prendere Borodyanka, le unità russe avanzate potrebbero essere tagliate fuori. Il campo di battaglia è fluido e i russi potrebbero invertire le recenti perdite. Ma se gli ucraini detenessero Makariv ed estendessero il loro controllo sull’area, le posizioni russe tra la città e Kiev diventerebbero vulnerabili, ostacolando ulteriormente il loro obiettivo di spingersi a sud oltre l’autostrada principale est-ovest per circondare la capitale.

Cherson e Mykolaiv: UN ha detto un alto funzionario della difesa degli Stati Uniti Gli ucraini stanno combattendo per riprendersi la città meridionale di Kherson, oltre a respingere le forze russe dal nord-est di Mykolaiv, costringendole a riposizionarsi a sud della città. Il funzionario ha avvertito che gli Stati Uniti non possono dire se queste mosse fanno parte o meno di un “piano operativo più ampio” degli ucraini, ma ha definito la difesa ucraina “agile” e “agile”.