Gennaio 29, 2023

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

La Russia incolpa l’uso del telefono cellulare dei suoi soldati per il micidiale attacco missilistico

  • 89 soldati russi uccisi nello sciopero di Capodanno – Ministero della Difesa
  • Bakhmut sul fronte orientale ancora teatro di intensi combattimenti
  • Kiev ribadisce la convinzione che la Russia lancerà una grande mobilitazione
  • Questa storia include contenuti prodotti in Russia, dove la legge limita la copertura delle operazioni militari russe in Ucraina

MOSCA, 4 gennaio (Reuters) – Mercoledì il ministero della Difesa russo ha accusato l’uso del telefono cellulare da parte dei suoi soldati di un micidiale attacco missilistico ucraino che ha detto di aver ucciso 89 militari, aumentando il bilancio delle vittime riportato da 63.

Lo sciopero di Capodanno, il singolo incidente più mortale che Mosca abbia riconosciuto dall’inizio della guerra, ha fatto arrabbiare i commentatori russi a favore della guerra, sempre più espliciti su quella che vedono come una campagna poco convinta e incompetente in Ucraina.

Le critiche sono state rivolte ai comandanti militari piuttosto che al presidente russo Vladimir Putin, che non ha commentato pubblicamente l’attacco, che ha inferto un ulteriore colpo dopo le importanti ritirate sul campo di battaglia negli ultimi mesi.

Il ministero della Difesa russo ha affermato che quattro razzi ucraini hanno colpito una caserma russa temporanea in un istituto professionale a Makiivka, città gemella della capitale regionale occupata dai russi di Donetsk, nell’Ucraina orientale.

Sebbene sia stata avviata un’indagine, il ministero russo ha affermato che il motivo principale dell’attacco è stato l’uso massiccio di telefoni cellulari da parte dei militari, che ha descritto come illegale.

“Questo fattore ha permesso al nemico di tracciare e determinare le coordinate della posizione dei soldati per un attacco missilistico”, ha affermato in una dichiarazione rilasciata poco dopo l’una di notte (2200 GMT di martedì) mercoledì.

READ  Biden e Putin hanno una conversazione di due ore sull'Ucraina

La Russia ha di fatto chiuso ogni opposizione diretta alla guerra, con critiche aperte bandite da severe regole sui media. Ma ha dato relativamente libero sfogo ai blogger nazionalisti a favore della guerra, molti con centinaia di migliaia di follower sui social media.

Semyon Pegov, corrispondente di guerra insignito dell’Ordine al coraggio da Putin, ha detto su Telegram che puntare il dito contro le truppe che utilizzano i telefoni cellulari “sembra un vero e proprio tentativo di incolpare”. C’erano altri modi in cui l’Ucraina avrebbe potuto individuare la base, ha detto.

Pegov ha affermato che il bilancio delle vittime aumenterà ulteriormente: “I dati annunciati sono molto probabili per coloro che sono stati immediatamente identificati. L’elenco dei dispersi, purtroppo, è notevolmente più lungo”.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskiy, che commenta raramente specifici attacchi militari ucraini, martedì non ha fatto menzione dell’attacco in un discorso video.

L’Ucraina inizialmente ha detto che centinaia di russi sono stati uccisi a Makiivka. Da allora ha evitato di fornire dettagli.

“GRANDE OFFENSIVA RUSSA”

Zelenskiy ha detto che la Russia è pronta a lanciare una grande offensiva.

“Non abbiamo dubbi che gli attuali padroni della Russia lanceranno tutto ciò che è rimasto e tutti quelli che possono radunare per cercare di invertire le sorti della guerra e almeno ritardare la loro sconfitta”, ha detto Zelenskiy in un discorso video.

“Dobbiamo interrompere questo scenario russo. Ci stiamo preparando a questo. I terroristi devono perdere. Qualsiasi tentativo della loro nuova offensiva deve fallire”, ha continuato.

Con la Russia che perde territorio nella seconda metà del 2022, Putin ha ordinato la prima chiamata di riservisti dalla seconda guerra mondiale. Kiev ha affermato per settimane che la Russia intende ordinare un’altra campagna di coscrizione di massa e chiudere i suoi confini per impedire agli uomini di sfuggire alla leva.

READ  Harvard dettaglia i suoi legami con la schiavitù e i suoi piani di riparazione

Nell’ultimo segno che il Cremlino potrebbe prendere in considerazione una tale mossa, un gruppo poco noto che afferma di rappresentare le vedove dei soldati russi ha lanciato un appello a Putin affinché ordini una mobilitazione su larga scala di milioni di uomini.

Mercoledì lo stato maggiore delle forze armate ucraine ha dichiarato che la Russia ha lanciato sette attacchi missilistici, 18 attacchi aerei e più di 85 attacchi da sistemi missilistici a lancio multiplo nelle ultime 24 ore su infrastrutture civili in tre città, Kramatorsk, Zaporizhzhia e Kherson.

“Ci sono vittime tra la popolazione civile”, ha detto. La Russia nega di aver preso di mira i civili.

I rapporti sul campo di battaglia non potevano essere verificati in modo indipendente da Reuters.

Lo stato maggiore ucraino ha anche affermato che le forze russe hanno continuato a concentrarsi sull’avanzata nell’area di Bakhmut, una città a Donetsk ora in gran parte ridotta in rovina dopo mesi di combattimenti, cercando anche di migliorare le loro posizioni altrove lungo la linea del fronte in quella regione.

Mikhail Razvozhayev, il governatore di Sebastopoli in Crimea insediato dalla Russia, ha dichiarato mercoledì sull’app di messaggistica Telegram che i sistemi di difesa aerea hanno abbattuto due droni vicino all’aeroporto militare di Belbek.

Putin ha in programma di parlare con il presidente turco Tayyip Erdogan mercoledì, ha detto a Interfax il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, l’ultimo di una serie di conversazioni che i due leader hanno avuto dall’inizio della guerra.

La Turchia ha agito come mediatore insieme alle Nazioni Unite per stabilire un accordo che consentisse l’esportazione di grano dai porti ucraini. Ma le possibilità di seri colloqui di pace sembrano remote, con Mosca che chiede a Kiev di accettare l’annessione delle terre sequestrate e l’Ucraina che promette di cacciare le truppe russe da tutto il suo territorio.

READ  Sarah Palin annuncia la corsa per il seggio della Camera degli Stati Uniti dall'Alaska

Putin ha lanciato quella che definisce una “operazione militare speciale” in Ucraina il 15 febbraio. 24, citando minacce alla sicurezza russa e la necessità di proteggere i russofoni. L’Ucraina ei suoi alleati accusano Mosca di una presa di territorio non provocata in stile imperialista.

Reporting da parte degli uffici Reuters; Scritto da Michael Perry e Gareth Jones; Montaggio di Simon Cameron-Moore e Peter Graff

I nostri standard: I principi di fiducia di Thomson Reuters.