Agosto 9, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

La Russia dice che il ritiro della stazione spaziale della NASA è meno imminente di quanto indicato in precedenza

La Stazione spaziale internazionale (ISS) fotografata dai membri dell’equipaggio della spedizione 56 da un veicolo spaziale Soyuz dopo lo sgancio, il 4 ottobre 2018. NASA/Roscosmos/Handout via REUTERS/file Photo

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

WASHINGTON, 27 luglio (Reuters) – Funzionari spaziali russi hanno informato le loro controparti statunitensi che Mosca vorrebbe continuare a far volare i suoi cosmonauti sulla Stazione Spaziale Internazionale almeno fino alla costruzione del proprio avamposto orbitale, ha detto mercoledì a Reuters un alto funzionario della NASA.

Yuri Borisov, il nuovo direttore generale dell’agenzia spaziale russa Roscosmos, ha sorpreso la NASA martedì annunciando che Mosca intendeva porre fine alla partnership di lunga data con la stazione spaziale “dopo il 2024”. leggi di più

Kathy Lueders, capo delle operazioni spaziali della NASA, ha dichiarato in un’intervista che i funzionari russi più tardi martedì hanno detto all’agenzia spaziale statunitense che Roscosmos vorrebbe rimanere nella partnership mentre la Russia lavora per rendere operativo il suo avamposto orbitale pianificato, chiamato ROSS.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

“Non stiamo ricevendo alcuna indicazione a nessun livello lavorativo che qualcosa sia cambiato”, ha detto Lueders a Reuters, aggiungendo che le relazioni della NASA con Roscosmos rimangono “come al solito”.

La stazione spaziale, un laboratorio scientifico delle dimensioni di un campo da calcio e in orbita a circa 400 km sopra la Terra, è stata occupata ininterrottamente per più di due decenni nell’ambito di una partnership guidata da Stati Uniti e Russia che include anche Canada, Giappone e 11 paesi europei.

Offre una delle ultime resistenze alla cooperazione tra Stati Uniti e Russia, anche se il suo destino è stato messo in discussione da quando la Russia ha invaso l’Ucraina a febbraio.

READ  Le tribune della corrida in Colombia crollano, provocando morti e feriti

Non è stato ancora raggiunto un accordo formale per estendere la partecipazione della Russia oltre il 2024. La NASA, la Russia e gli altri partner della stazione hanno in programma di discutere la prospettiva di estendere la reciproca presenza nel laboratorio fino al 2030 durante una riunione periodica venerdì del consiglio che sovrintende alla gestione della stazione, ha affermato Lueders.

Roscosmos ha pubblicato mercoledì sul suo sito web un’intervista con Vladimir Solovyov, il direttore di volo per il segmento russo della stazione spaziale, che avrebbe affermato che la Russia doveva rimanere sulla stazione fino a quando ROSS non sarà operativo.

“Ovviamente, dobbiamo continuare a far funzionare la ISS fino a quando non avremo creato un arretrato più o meno tangibile per ROSS”, ha affermato Solovyov. “Dobbiamo tenere conto del fatto che se fermiamo i voli con equipaggio per diversi anni, sarà molto difficile ripristinare ciò che è stato ottenuto”.

I segmenti americano e russo della stazione spaziale sono stati deliberatamente costruiti per essere intrecciati e tecnicamente interdipendenti.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Segnalazione di Joey Roulette; montaggio di Jonathan Oatis e Will Dunham

I nostri standard: I principi di fiducia di Thomson Reuters.