Novembre 30, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

La NASA saluta il prossimo tentativo di lancio di Artemis I a causa di una tempesta tropicale

Dopo l’incontro di sabato mattina, il team Artemis della NASA ha deciso di rinunciare all’opportunità di lancio del 27 settembre e ora sta preparando il mega stack di razzi lunari per il rollback.

“Martedì si prevede che la tempesta tropicale Ian si sposterà a nord attraverso il Golfo del Messico orientale come un uragano, appena al largo della costa sud-occidentale della Florida. Un fronte freddo sarà anche drappeggiato attraverso la Florida settentrionale spingendosi verso sud”, ha affermato la meteorologa della CNN Haley Brink . .

“La combinazione di questi fattori meteorologici consentirà un aumento delle possibilità di pioggia in gran parte della penisola della Florida martedì, inclusa l’area di Cape Canaveral. Si prevede che rovesci e temporali saranno numerosi e diffusi in tutta la regione. I venti di tempesta tropicale provenienti da Ian potrebbero arrivano anche martedì sera attraverso la Florida centrale”.

Nel frattempo, il razzo Space Launch System e la navicella spaziale Orion continuano a sedersi sulla rampa di lancio del Kennedy Space Center in Florida.

I membri del team continuano a monitorare il tempo mentre prendono una decisione su quando riportare la pila di razzi nell’edificio di assemblaggio dei veicoli a Kennedy. La NASA riceverà informazioni dalla US Space Force, dal National Hurricane Center e dalla National Oceanic and Atmospheric Administration per informare la loro decisione.

Gli ingegneri hanno rinviato la loro decisione finale su quando tornare indietro mentre raccolgono dati e analisi aggiuntivi. Se il team decidesse di riportare indietro il razzo all’interno dell’edificio, quel processo inizierebbe domenica sera tardi o all’inizio di lunedì.

I preparativi possono abbreviare il processo di tre giorni necessario per riportare la navicella all’interno. E una volta che il veicolo sta viaggiando sul trasporto cingolato a movimento lento, possono essere necessarie 10 ore o più.

READ  Serena Williams inizia gli US Open con una convincente vittoria in singolo

La pila del razzo può rimanere sul pad e resistere a venti fino a 85 miglia orarie (74,1 nodi). Se la pila deve rientrare nell’edificio, può sopportare venti sostenuti a meno di 46 miglia orarie (40 nodi).

Venerdì, il team di Artemis ha affermato che il 2 ottobre era una data di lancio di riserva. Ma è improbabile che venga fissata una nuova data di lancio fino a quando non sarà stata presa la decisione di rollback.

“L’agenzia sta adottando un approccio graduale al suo processo decisionale per consentire all’agenzia di proteggere i suoi dipendenti completando in tempo utile per soddisfare le esigenze delle loro famiglie, proteggendo al contempo l’opzione di andare avanti con un altro opportunità di lancio nella finestra corrente se le previsioni meteorologiche migliorano”, secondo un comunicato della NASA.

Le preoccupazioni per il sistema meteorologico che si sta formando nei Caraibi hanno messo le condizioni meteorologiche solo del 20% favorevoli per un lancio, secondo un previsioni pubblicate dalla US Space Force di venerdì.

I vincoli al lancio richiedono che la missione Artemis I non voli attraverso precipitazioni. I vincoli di lancio sono progettati per evitare fulmini naturali e innescati da razzi ai razzi in volo, che potrebbero causare danni al razzo e mettere in pericolo la sicurezza pubblica, secondo la Space Force.

Un fulmine innescato da un razzo si forma quando un grande razzo vola attraverso un campo elettrico atmosferico sufficientemente forte, quindi una nuvola che non produce fulmini naturali potrebbe comunque causare fulmini innescati da un razzo, secondo la Space Force.