Luglio 4, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

La Germania si rivolge al carbone mentre la Russia limita le forniture di gas

La Germania prevede di compensare il taglio delle forniture di gas russe aumentando la combustione del carbone, il combustibile fossile a più alta intensità di carbonio in termini di emissioni.

Bloomberg | Bloomberg | Getty Images

La Germania ha affermato che il deterioramento della situazione del mercato del gas significa che la più grande economia europea deve limitare l’uso del gas naturale per la produzione di elettricità e bruciare più carbone per un “periodo di transizione”.

Il ministro dell’Economia Robert Habeck domenica ha avvertito che la situazione sarà “veramente rigida in inverno” senza misure precauzionali per prevenire una carenza di forniture.

Di conseguenza, la Germania cercherà di compensare il taglio delle forniture di gas russe aumentando la combustione del carbone, il combustibile fossile a più alta intensità di carbonio in termini di emissioni e quindi l’obiettivo più importante da sostituire nella transizione verso le alternative rinnovabili.

“È amaro, ma in questa situazione è quasi necessario ridurre il consumo di gas. Dobbiamo e faremo tutto il possibile per immagazzinare quanto più gas possibile in estate e in autunno”, ha affermato Habeck in un comunicato del Partito dei Verdi. traduzione.

“I serbatoi di stoccaggio del gas devono essere pieni in inverno. Questo ha la massima priorità”, ha aggiunto.

Che arriva poco dopo un avvertimento inquietante dal gigante energetico russo Gazprom ha esacerbato i timori di un’interruzione completa della fornitura all’Unione europea.

Gazprom ha dichiarato la scorsa settimana di avere ulteriormente limitato le forniture tramite il gasdotto Nord Stream 1 che va dalla Russia alla Germania sotto il Mar Baltico.

Gazprom ha citato un problema tecnico per il taglio della fornitura, affermando che il problema derivava dal ritardo nella restituzione delle apparecchiature servite dalla tedesca Siemens Energy in Canada.

Habeck ha respinto tale affermazione, affermando che la mossa era motivata politicamente e progettata per turbare la regione e aumentare i prezzi del gas.

Non è ancora noto quando o se i flussi di gas del Nord Stream 1 torneranno a livelli normali.

‘Il nostro prodotto, le nostre regole’

In commenti infuocati che potrebbero aver inviato campanelli d’allarme in tutte le capitali europee, il CEO di Gazprom Alexei Miller ha dichiarato giovedì che la Russia giocherà secondo le proprie regole dopo che l’azienda ha dimezzato le forniture alla Germania.

“Il nostro prodotto, le nostre regole. Non giochiamo secondo regole che non abbiamo creato”, ha detto Miller durante una sessione di panel al St. Forum economico internazionale di San Pietroburgo, secondo il Moscow Times.

Anche Italia, Austria e Slovacchia hanno riportato riduzioni dell’offerta dalla Russia.

I responsabili politici in Europa si stanno attualmente affrettando a riempire i depositi sotterranei con forniture di gas naturale per fornire alle famiglie carburante sufficiente per mantenere le luci accese e le case calde prima che ritorni il freddo.

L’UE, che riceve circa il 40% del suo gas attraverso il gasdotto russo, sta cercando di ridurre rapidamente la sua dipendenza dagli idrocarburi russi in risposta all’assalto durato mesi dal Cremlino in Ucraina.

“La situazione tesa e i prezzi elevati sono una diretta conseguenza della guerra di aggressione di Putin contro l’Ucraina. Non c’è errore. Inoltre, è ovviamente la strategia di Putin per turbarci, aumentare i prezzi e dividerci. Non lo permetteremo. Difendiamo noi stessi in modo risoluto, preciso e premuroso “, ha detto Habeck.

Gli impianti di stoccaggio della Germania hanno attualmente una capacità di circa il 56%, al di sopra dei livelli di stoccaggio nello stesso periodo dell’anno scorso, ha affermato Habeck.

“Le quantità mancanti possono ancora essere sostituite e i serbatoi di stoccaggio del gas sono ancora in fase di riempimento, anche se a prezzi elevati. La sicurezza dell’approvvigionamento è attualmente garantita ma la situazione è grave”, ha aggiunto.