Gennaio 29, 2023

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

La domanda di mutui aumenta, poiché i tassi di interesse scendono al minimo degli ultimi mesi

La buona brigata | Digitalvisione | Immagini Getty

I consumatori sono tornati dalle festività natalizie per trovare i tassi ipotecari al punto più basso da settembre e stanno rispondendo in modo drammatico.

Il volume delle domande di mutuo è aumentato di quasi il 28% la scorsa settimana rispetto alla settimana precedente, secondo l’indice destagionalizzato della Mortgage Bankers Association.

Il tasso di interesse contrattuale medio per i mutui a tasso fisso di 30 anni con saldi dei prestiti conformi ($ 726.200 o meno) è sceso al 6,23% dal 6,42%, con punti che sono scesi a 0,67 da 0,73 (inclusa la commissione di attivazione) per i prestiti con un calo del 20% pagamento. pagamento.

I tassi hanno raggiunto un massimo recente di circa il 7,2% alla fine di ottobre nel sondaggio dell’MBA, ma hanno chiuso l’anno al 6,58%. Un anno fa il tasso medio sul fisso trentennale era del 3,64%.

La domanda di rifinanziamento ha fatto la mossa più grande, con un aumento del 34% rispetto alla settimana precedente, ma era comunque inferiore dell’81% rispetto alla stessa settimana di un anno fa. La quota di rifinanziamento dell’attività di mutuo è aumentata al 31,2% delle domande totali dal 30,7% della settimana precedente.

Le richieste di mutuo per l’acquisto di una casa sono aumentate del 25% di settimana in settimana, ma sono state inferiori del 35% rispetto alla stessa settimana di un anno fa.

“Mentre entriamo nell’inizio della stagione degli acquisti primaverili, tassi ipotecari più bassi e più case sul mercato contribuiranno all’accessibilità economica per gli acquirenti di case per la prima volta”, ha affermato Mike Fratantoni, vicepresidente senior e capo economista presso l’MBA.

READ  Concorso del governatore della Virginia tra Young e McAuliffe: cosa sapere

Il mercato, tuttavia, non sta registrando alcun aumento delle scorte. Il numero di annunci attivi è superiore di circa il 21% rispetto a un anno fa, secondo Redfin, un’agenzia di intermediazione immobiliare. Ciò è dovuto principalmente al fatto che le case sono ora sul mercato più a lungo, con molte meno vendite. I nuovi annunci di case in vendita sono in calo del 22% su base annua.