Settembre 26, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

La diffusione “silenziosa” della poliomielite a New York spinge il CDC a considerare ulteriori vaccinazioni per alcune persone

Il caso è stato trovato nella contea di Rockland, che ha un tasso di vaccinazione antipolio incredibilmente basso. Dott. José Romero, direttore del Centro nazionale per l’immunizzazione e le malattie respiratorie del CDC, ha osservato che la maggior parte delle persone con poliomielite non ha sintomi e quindi può diffondere il virus senza saperlo.

“Ci sono un certo numero di individui nella comunità che sono stati infettati dal poliovirus. Stanno diffondendo il virus”, ha detto. “Lo spread è sempre una possibilità perché lo spread sarà silenzioso”.

Una squadra di investigatori della malattia CDC ha viaggiato la scorsa settimana dal quartier generale dell’agenzia ad Atlanta alla contea di Rockland, e sono “abbastanza nervosi” per il fatto che la poliomielite “potrebbe sfuggire al controllo molto rapidamente e potremmo avere una crisi tra le mani”, ha affermato un medico della comunità leader che ha incontrato la squadra.

“Loro sono — qual è il contrario di cautamente ottimista?” ha affermato un altro leader della comunità, un esperto di educazione ai vaccini, che ha anche incontrato il team del CDC nella contea di Rockland. Entrambi i leader hanno chiesto l’anonimato perché non sono autorizzati a parlare pubblicamente.

La poliomielite può causare paralisi e morte incurabili, ma la maggior parte delle persone negli Stati Uniti è protetta, grazie alla vaccinazione. Altri, tuttavia, potrebbero essere vulnerabili al virus per una serie di motivi.

Le persone non vaccinate e sottovaccinate sono vulnerabili e i tassi di vaccinazione contro la poliomielite nella contea di Rockland e nella vicina Orange County, appena a nord di New York City, sono di circa 60%paragonato a 93% a livello nazionale, entro i 2 anni. Immune-compromesso Le persone possono essere vulnerabili anche se sono completamente vaccinate.
Romero ha affermato che il CDC sta valutando una varietà di opzioni per proteggere le persone dalla poliomielite, inclusa l’offerta ai bambini della zona di una dose extra di vaccino, come stanno facendo ora le autorità sanitarie del Regno Unito in Londrao raccomandando dosi extra a determinati gruppi di adulti.

“Stiamo esaminando tutti gli aspetti di come affrontare questo problema. A questo punto, non abbiamo una risposta definitiva”, ha detto.

READ  L'incendio del New Mexico squarcia un bastione ispanico

Un “assassino silenzioso”

Il caso di poliomielite della contea di Rockland è il primo caso identificato negli Stati Uniti in quasi un decennio.

Il virus è stato rilevato anche in liquame nella contea di Rockland e nella vicina contea di Orange. I campioni positivi erano geneticamente legati al singolo caso, ma non sono stati segnalati altri casi negli Stati Uniti.
Adulto di New York con diagnosi di poliomielite, primo caso negli Stati Uniti in quasi un decennio
Circa 3 persone su 4 infette dalla poliomielite non ce l’hanno sintomi, ma sono ancora in grado di diffondere il virus ad altri, secondo il CDC. Tra gli altri, la maggior parte presenta sintomi come mal di gola o mal di testa che potrebbero essere facilmente trascurati o confusi con altre malattie. Solo un numero relativamente piccolo, circa 1 persona infetta su 200, rimane paralizzato. Alcuni di quelli che sono paralizzati muoiono perché non riescono a respirare.
Alla fine degli anni ’40, epidemie di poliomielite Disabilitato una media di oltre 35.000 persone all’anno negli Stati Uniti. Una campagna di vaccinazione iniziò nel 1955 e i casi crollarono rapidamente. Oggi, un giro completo di vaccinazioni contro la poliomielite infantile — quattro dosi tra 2 mesi e 6 anni — è efficace almeno al 99%, secondo il CDC.
Ma negli ultimi decenni, alcuni piccoli gruppi non lo hanno fatto vaccinato i loro figli contro il virus. Uno di loro è all’interno della comunità ebraica ultraortodossa di New York, inclusa la contea di Rockland.

Gran parte del resto della comunità religiosa ebraica nella contea di Rockland si è radunata attorno agli sforzi per educare gli “outlier” che si rifiutano di vaccinare, ha affermato il leader della salute della comunità.

READ  Aggiornamenti in tempo reale: la Russia invade l'Ucraina

“Questo è un killer silenzioso, come il monossido di carbonio, e non sappiamo quando ci colpirà”, ha detto.

“Un comunicato stampa non lo taglierà”

L’educatore del vaccino ha affermato che il team del CDC è stato intento ad apprendere i modi migliori per comunicare con i membri di questa comunità, che tendono a non utilizzare Internet e invece ottengono molte delle loro informazioni dalla piattaforma di messaggistica WhatsApp e dai giornali della comunità.

Questa settimana, la contea di Rockland e gli operatori sanitari locali hanno distribuito un’infografica in diverse lingue, incluso lo yiddish, che annunciava:La poliomielite si sta diffondendo nella contea di Rockland.”

L’educatore del vaccino nella contea di Rockland ha affermato che negli incontri con il team del CDC “abbiamo parlato della necessità di messaggi che risuonano e un comunicato stampa non lo taglierà”.

Dott. Mary Leahy, CEO del più grande fornitore di assistenza sanitaria nella contea di Rockland, Bon Secours Charity Health System, membro di WMCHealth, ha partecipato a riunioni con il CDC e ha affermato che per convincere le persone che non stanno vaccinando i propri figli contro la poliomielite a capire la gravità .della malattia, “mi rivolgo ai nonni e ai bisnonni che hanno vissuto effettivamente i giorni della poliomielite negli anni ’40 e ’50”.

Questo ha senso per Romero.

“Sono cresciuto in Messico. Ho visto questa malattia, le complicazioni”, ha detto. “Sono andato a scuola con i bambini che avevano l’apparecchio”.

Ha detto che molti americani non riconoscono gli effetti “devastanti” della “paralisi permanente” della poliomielite.

“Penso che la maggior parte del pubblico americano non abbia mai visto un caso di poliomielite. Le persone hanno perso quella paura, se vuoi, della malattia”.

READ  La prima donna primo ministro svedese, Magdalena Anderson, si è dimessa poche ore dopo il suo insediamento a seguito di una sconfitta di bilancio.

Danielle Herman e John Bonifield della CNN hanno contribuito a questo rapporto.