Novembre 30, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

La Corte Suprema respinge la richiesta di Trump di intervenire nel caso dei documenti

WASHINGTON – Giovedì la Corte Suprema ha respinto la richiesta dell’ex presidente Donald J. Trump di intervenire nel contenzioso sui documenti sequestrati dalla sua tenuta in Florida, un pungente rimprovero che ha bloccato i suoi sforzi per ottenere l’accesso ai documenti riservati trovati lì dall’FBI.

L’ordinanza di sentenza unica della corte non ha rilevato dissensi e la corte non ha fornito alcuna motivazione, affermando solo che la sua domanda di revoca della sospensione emessa da una corte d’appello federale è stata respinta.

L’ordinanza della Corte Suprema di giovedì, l’ultima di una serie di casi in cui ha trattato il sig. Trump una battuta d’arresto legale – significa che il maestro speciale nel caso, e il sig. Il team legale di Trump non avrà accesso a quei documenti.

L’ordinanza del tribunale è arrivata durante un’udienza di una commissione della Camera che indagava sul sig. La condotta di Trump in relazione al gen. 6 attacco al Campidoglio e non molto tempo prima votato per citarlo in giudizio.

Sig. Trump, che può sembrare coinvolto in un contenzioso, ha avuto alterne fortune nei tribunali, ma è stato spesso infuriato da quella che vede come una mancanza di lealtà o deferenza nei suoi confronti da parte della Corte Suprema, che ha tre giudici nominati da lui.

A gennaio, ad esempio, la Corte Suprema ha rifiutato la sua richiesta a bloccare il rilascio dei record della Casa Bianca detenute dall’Archivio Nazionale in materia di gen. 6 attacco, respingendo di fatto la sua pretesa di privilegio esecutivo. La corte ha sospeso una sentenza della corte d’appello secondo cui il sig. Il desiderio di Trump di mantenere la riservatezza delle comunicazioni presidenziali è stato controbilanciato dalla necessità di un resoconto completo dell’attacco.

Solo il giudice Clarence Thomas ha notato un dissenso. È emerso più tardi che sua moglie, Virginia Thomas, aveva inviato una raffica di messaggi di testo alla Casa Bianca di Trump sollecitando gli sforzi per ribaltare le elezioni del 2020.

Sig. La domanda di emergenza di Trump nel nuovo caso è stata indirizzata al giudice Thomas, il membro della corte che sovrintende alla Corte d’Appello degli Stati Uniti per l’11° Circuito, ad Atlanta, che si era pronunciata contro l’ex presidente. Il giudice Thomas ha deferito il ricorso all’intera Corte Suprema e non vi era alcuna indicazione che fosse in disaccordo con l’ordinanza di rigetto del sig. La richiesta di Trump.

READ  L'etica del governo emargina le star dello sport

Nel 2020, mentre il sig. Trump era ancora presidente, si è pronunciata la Suprema Corte che non aveva il diritto assoluto di bloccare il rilascio dei documenti finanziari richiesti dai pubblici ministeri di New York.

“Nessun cittadino, nemmeno il presidente, è categoricamente al di sopra del dovere comune di produrre prove quando chiamato in un procedimento penale”, ha dichiarato il presidente della Corte Suprema John G. Roberts Jr. ha scritto per la maggioranza I giudici Thomas e Samuel A. Alito Jr. dissenziente.

La corte ha rinviato quel caso ai tribunali di grado inferiore per ulteriori procedimenti. Dopo che si sono pronunciati di nuovo contro Mr. Trump, ha chiesto ai giudici di ascoltare un nuovo appello nel 2021.

Con una sconfitta decisiva, il tribunale ha rifiutato di ascoltare il caso, aprendo la strada al rilascio degli atti. Non ci sono stati dissensi noti.

Durante la CasaJan. 6 udienza di giovedì, la commissione ha presentato le prove del sig. La reazione arrabbiata di Trump a la decisione del tribunale nel dicembre 2020 respingere una causa del Texas che aveva chiesto alla corte di respingere i risultati elettorali in quattro stati campo di battaglia che aveva perso.

Un’e-mail dei servizi segreti del giorno di quella decisione diceva: “La Corte Suprema ha negato la sua causa. Adesso è livido”.

Il comitato ha ascoltato la testimonianza di Cassidy Hutchinson, un ex aiutante della Casa Bianca, descrivendo il sig. La reazione di Trump alla decisione sul caso elettorale. Sig. Trump, ha detto, era “infuriato per la decisione e per quanto sia sbagliata, e perché non abbiamo fatto più chiamate e, sai, solo il suo tipico sfogo di rabbia”.

Nell’ultimo caso, il sig. briscola ha chiesto alla corte la scorsa settimana per entrare nell’intricata disputa sui documenti sequestrati in Florida, affermando che la corte d’appello non era competente a rimuovere circa 100 documenti contrassegnati come classificati da una revisione di quei materiali.

READ  Incontra cani poliziotto che fiutano la malattia del governo 19 nelle scuole del Massachusetts

La decisione di giovedì riguardava un sottoinsieme degli oltre 11.000 file sequestrati ad agosto dalla sua residenza e dal club privato in Florida, Mar-a-Lago, circa 100 o documenti con contrassegni classificati.

In un Decisione di 29 pagine Il mese scorso, l’11° Circuito ha sospeso una sentenza di un giudice del processo federale in Florida “nella misura in cui impone al governo l’uso dei documenti classificati e richiede al governo di presentare i documenti classificati al maestro speciale per la revisione”.

A tale decisione della corte d’appello, non firmata, si sono aggiunti i giudici Britt Grant e Andrew L. Brasher, nominati dal sig. Trump e il giudice Robin S. Rosenbaum, nominato dal presidente Barack Obama.

La sentenza era scettica nei confronti del sig. Le argomentazioni di Trump. “Non possiamo discernere perché querelante” — Mr. Trump – “avrebbe un interesse individuale o avrebbe bisogno di uno qualsiasi dei 100 documenti con segni di classificazione”, ha scritto la giuria.

Sig. La sfida della Corte Suprema di Trump a quella sentenza è stata curiosa in due modi: è stata depositata quasi due settimane dopo l’intervento della corte d’appello e ha fatto quella che, nello schema delle cose, era una modesta richiesta. Questi fattori hanno suggerito che il sig. Gli avvocati di Trump avevano lottato per trovare un modo per placare un cliente difficile che chiedeva di appellarsi almeno per alcuni aspetti del suo caso alla Corte Suprema.

Nel loro deposito, il sig. Gli avvocati di Trump non hanno chiesto alla Corte Suprema di ribaltare una parte più importante della sentenza della corte d’appello, che ha consentito al Dipartimento di Giustizia di continuare a utilizzare i documenti con segni di classificazione nella sua indagine penale sul sig. La gestione da parte di Trump dei documenti del governo.

Tuttavia, sottoporre a revisione i circa 100 documenti con contrassegni di classificazione avrebbe notevolmente complicato il processo perché il primo passo sarebbe stato mostrare i file al sig. Gli avvocati di Trump in modo da poter decidere se sostenere che qualcuno è protetto dal privilegio avvocato-cliente o esecutivo.

READ  Dipartimento di Giustizia Obiezioni al rilascio dell'affidavit utilizzato per cercare nella casa di Trump

Alcuni dei file con questi contrassegni sono altamente classificati — top secret, con ulteriori restrizioni di accesso per le cosiddette informazioni sensibili a compartimenti stagni. Un avvocato del governo ha chiesto se qualcuno dei Mr. Si può ritenere che gli avvocati di Trump soddisfino gli standard, inclusa la “necessità di sapere”, da mostrare loro.

Sig. Il deposito di Trump la scorsa settimana aveva indicato problemi più grandi.

“Le circostanze senza precedenti presentate da questo caso – un’indagine sul 45° presidente degli Stati Uniti da parte dell’amministrazione del suo rivale politico e successore – hanno costretto il tribunale distrettuale a riconoscere la significativa necessità di una maggiore vigilanza e ad ordinare la nomina di un maestro speciale .per garantire l’equità, la trasparenza e il mantenimento della fiducia pubblica”, si legge nell’applicazione.

Un avvocato per il sig. Trump, Christopher M. Kise, non ha risposto a una richiesta di commento.

In un deposito martedì, il Dipartimento di Giustizia ha affermato che i giudici non dovrebbero intervenire perché la corte d’appello aveva l’autorità di pronunciarsi sulla questione ristretta in discussione nel sig. La richiesta della Corte Suprema di Trump. A quanto pare i giudici erano d’accordo.

La scorsa settimana, l’11° Circuito ha chiesto memorie su un programma relativamente vivace sul più ampio ricorso del Dipartimento di Giustizia da un settembre 5 sentenza dal giudice Aileen M. Cannon del distretto meridionale della Florida che nomina un maestro speciale. Quel briefing si concluderà il 19 novembre 17, e la corte d’appello ascolterà presumibilmente le argomentazioni nelle prossime settimane.

Nel frattempo, il maestro speciale nominato dal giudice Cannon il 7 settembre 15il giudice Raymond J. Dearie della Corte distrettuale federale per il distretto orientale di New York, sta continuando il suo lavoro nell’esecuzione delle istruzioni del giudice Cannon per identificare i documenti che possono essere soggetti al privilegio di avvocato-cliente o esecutivo.

Charlie Selvaggio reportage contribuito.