Maggio 24, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

La Corte Suprema della Carolina del Nord annulla le nuove mappe di voto :: WRAL.com

La Corte Suprema della Carolina del Nord venerdì ha cancellato le nuove mappe di voto approvate dai repubblicani a novembre e le ha ordinato di ridisegnarle, una decisione che potrebbe aiutare i democratici nel ciclo elettorale del 2022 e impedire ai repubblicani di espandere il loro potere alla Camera degli Stati Uniti e all’Assemblea generale della Carolina del Nord.

L’Alta corte ha emesso una decisione 4-3 divisa lungo le linee di partito, ribaltando una decisione del tribunale di grado inferiore il mese scorso che confermava le mappe e risolvendo una questione che incombeva sulle elezioni primarie, che era già stata posticipata in modo che il sistema giudiziario potesse ascoltare la sfida dei gruppi elettorali.

Le mappe che delineano i distretti congressuali e legislativi nello stato hanno fortemente favorito il GOP, con il partito che dovrebbe vincere 10 o 11 dei 14 seggi della Camera degli Stati Uniti in palio. Le mappe, disegnate dalla maggioranza del GOP del legislatore, hanno anche dato ai repubblicani una migliore possibilità di assicurarsi maggioranze a prova di veto alla Camera e al Senato dello stato.

“Quando un piano distrettuale rende sistematicamente più difficile per un gruppo di elettori eleggere una maggioranza di governo rispetto a un altro gruppo di elettori di uguali dimensioni, l’Assemblea Generale viola incostituzionalmente il diritto fondamentale di voto di quell’elettore”, i quattro democratici registrati al Supremo Stato La corte ha scritto nella loro ordinanza.

La corte ha stabilito che i repubblicani devono presentare le nuove mappe di voto a un tribunale di grado inferiore entro le 17:00. 18. Le mappe devono poi essere approvate da una giuria di tre giudici entro le ore 12.00 del 12 febbraio. 23. Qualora i nuovi confini legislativi e congressuali non fossero presentati in tempo, i giudici avrebbero il compito di selezionare un piano.

READ  Boris Johnson promette aiuti finanziari e militari dopo aver incontrato Zelensky a Kiev

Stato Sen. Ralph Hise, un repubblicano della Carolina del Nord occidentale che ha co-diretto il processo di disegno della mappa, ha criticato la decisione della corte, sostenendo che i giudici stabiliscono un precedente che sarà difficile da sciogliere. Hise è stato uno dei numerosi leader repubblicani citati nella causa intentata dai gruppi per i diritti degli elettori, che hanno affermato che le mappe del GOP violavano i diritti delle Carolina del Nord a elezioni libere e pari protezione ai sensi della legge.

“Giudici democratici, avvocati e attivisti hanno lavorato di concerto per trasformare la Corte Suprema in un organismo politico per imporre le loro idee politiche”, ha affermato Hise in una nota.

La sentenza della Corte Suprema dello stato afferma che i funzionari elettorali dovrebbero aspettarsi che i distretti siano finalizzati entro febbraio. 23 e le primarie svoltesi come previsto il 17 maggio.

“Lavoreremo per rispettare il programma e gestire le elezioni nei nuovi distretti”, ha affermato Pat Gannon, portavoce del Consiglio elettorale statale.

Il presidente della Camera repubblicana Tim Moore, che è stato anche nominato nella causa, ha affermato in una dichiarazione che “l’opinione della maggioranza non si basa sulla legge, sui precedenti o sulla storia di questo stato, ma piuttosto sui capricci politici di 4 giudici su 7”.

Michael Whatley, presidente del Partito Repubblicano della Carolina del Nord, ha dichiarato in una dichiarazione: “Siamo estremamente delusi dal fatto che i quattro democratici della Corte Suprema abbiano scelto l’opportunità politica piuttosto che la ragione per invalidare le mappe tracciate dall’Assemblea generale dell’NC. Questo palesemente .la decisione partigiana è in contrasto con secoli di precedenti giudiziari e legislativi e contraddice direttamente qualsiasi semplice lettura della Costituzione della Carolina del Nord.

Il presidente della Corte Suprema Paul Newby, un repubblicano, dissenziò, affermando che gli elettori e i legislatori dovrebbero essere quelli a regnare nella riorganizzazione distrettuale partigiana. Anche i suoi colleghi del GOP, il giudice Phil Berger Jr., il figlio del leader del Senato Phil Berger, anche lui nominato nella causa, e il giudice Tamara Barringer, si sono opposti alla decisione della corte.

READ  Kathy Barnette sbatte i rivali del GOP a un evento chiuso mentre i riflettori sulla speranza del Senato della Pennsylvania si intensificano

“A meno che e fino a quando le persone non modifichino la legge per limitare o vietare la pratica del gerrymandering partigiano, questa Corte è priva di standard legali soddisfacenti o gestibili e quindi deve rifiutarsi di risolvere tale richiesta”, ha scritto Newby.

Il Partito Democratico dello stato e i leader del partito hanno affermato che la sentenza aiuterebbe a proteggere il diritto di voto dei residenti.

“Una sana democrazia richiede libere elezioni e la Corte Suprema della Carolina del Nord ha ragione a ordinare il ridisegno dei distretti incostituzionalmente manipolati”, ha affermato il governatore Roy Cooper in una nota. “Rimane ancora più lavoro e qualsiasi revisione legislativa deve riflettere il pieno intento di questa decisione. “

La decisione dà il via libera alle elezioni primarie che l’Alta corte ha rinviato a dicembre. La corte aveva posticipato il deposito dei candidati di 10 settimane, dall’8 marzo al 17 maggio, per garantire che il caso potesse farsi strada attraverso il sistema giudiziario. Una giuria della Corte superiore della contea di Wake, inclusi due repubblicani e un democratico, ha deciso all’unanimità il mese scorso di mantenere le mappe in posizione.

Sebbene abbiano trovato prove di “riorganizzazioni partigiane filo-repubblicane” che potrebbero generare risultati elettorali “incompatibili con i principi democratici”, i giudici della Corte Superiore hanno stabilito che non avevano il potere di frenare i poteri cartografici del legislatore.

La Corte Suprema statale ha quindi accettato di ascoltare rapidamente l’appello dei gruppi di voto.

La questione centrale nel caso di riorganizzazione distrettuale riguardava meno se i legislatori del GOP avessero disegnato mappe di voto intese a rafforzare il loro potere politico. Piuttosto, l’attenzione si è concentrata sul fatto che i tribunali statali siano autorizzati a fare qualcosa al riguardo.

READ  La persona più anziana del mondo compie 119 anni e spera di raggiungere il suo 120esimo compleanno

I gruppi per i diritti di voto che sfidavano le mappe hanno sostenuto che i confini che i repubblicani tracciavano i diritti dei residenti violati secondo la costituzione dello stato a libere elezioni e pari protezione ai sensi della legge.

Allison Riggs, uno degli avvocati dei querelanti, questa settimana ha sostenuto davanti ai giudici che le mappe dovrebbero essere cancellate perché diluiscono il potere di voto delle minoranze razziali, in particolare degli elettori neri che scelgono in modo schiacciante di eleggere i democratici.

Venerdì, Riggs ha definito la sentenza della corte “una vittoria inequivocabile per gli elettori neri della Carolina del Nord che sono stati più danneggiati da questo estremo gerrymander partigiano”.

I repubblicani hanno notato che gli elettori neri non sono un monolito e hanno affermato di non aver utilizzato i dati razziali per disegnare le mappe.

“Non sono stati utilizzati dati razziali, quindi non è stato possibile discriminare le minoranze”, ha affermato in tribunale Phil Strach, un avvocato che rappresenta i legislatori del GOP.

Solo uno dei tre repubblicani registrati nell’alta corte, Newby, ha parlato durante le discussioni orali. Ha notato che un’elezione “equa” non è esplicitamente concessa agli elettori.

Strach ha affermato che le clausole di libera elezione e di pari protezione della costituzione statale non affrontano il gerrymandering partigiano. Ha anche avvertito i quattro giudici democratici della Corte Suprema dello stato che lo hanno interrogato che potrebbero essere visti come legiferanti dal banco se cancellano le mappe. Newby acconsentì nel suo dissenso.

“I requisiti della maggioranza sono così vaghi da consentire solo a questa Corte di determinare in definitiva la costituzionalità di un piano”, ha scritto Newby. “Con questa sentenza, la maggioranza va oltre il tradizionale processo decisionale giudiziario a favore di una modifica giudiziale della costituzione”.