Maggio 27, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

La Corea del Nord riporta per la prima volta un caso covid positivo

Segnaposto durante il caricamento delle azioni dell’articolo

TOKYO – La Corea del Nord giovedì ha riportato la prima notizia coronavirus scoppio dall’inizio della pandemia quasi due anni fa, con i media statali che hanno dichiarato una “seria emergenza nazionale”.

Il rilevamento della sottovariante ommicron BA.2 del coronavirus nella capitale, Pyongyang, è uno sviluppo preoccupante per un Paese che ha un sistema sanitario fragile, incombente crisi umanitaria e rimane una delle due nazioni al mondo che non ne hanno amministrato nessuno coronavirus vaccini.

Gli esperti avvertono che la Corea del Nord rischia di diventare l’epicentro di nuove varianti a causa della bassa immunità della popolazione al virus.

Con la riapertura del mondo, la Corea del Nord è uno dei due paesi senza vaccini

La Corea del Nord fino ad oggi ha affermato di non avere casi positivi, sebbene molti esperti dubitassero della veridicità di tale affermazione. L’annuncio, tuttavia, suggerisce che le circostanze di questo focolaio hanno giustificato un’ammissione pubblica.

I media statali nordcoreani hanno affermato che domenica sono stati condotti test su un gruppo di persone di un’organizzazione sconosciuta a Pyongyang che mostravano sintomi di febbre. I risultati hanno successivamente indicato che erano stati infettati dalla sottovariante BA.2.

La Corea del Nord era già stata sottoposta a un rigido blocco pandemico, vietando turisti, diplomatici, operatori umanitari e la maggior parte del commercio via terra con la Cina. Giovedì, il leader nordcoreano Kim Jong Un ha intensificato i controlli alle frontiere, ordinando il blocco di tutte le città e contee. I media statali hanno definito l’epidemia “la più grave emergenza nazionale”.

READ  Gli atleti russi e bielorussi potranno partecipare come neutrali ai Giochi Paralimpici Invernali del 2022

NKNews, un sito web con sede a Seoul incentrato sul monitoraggio della Corea del Nord, aveva segnalato questa settimana che alle persone di Pyongyang è stato ordinato il blocco, dopo aver avvertito di un “problema nazionale”. Gli individui hanno detto al punto vendita che c’erano acquisti presi dal panico e carenze di forniture poiché i residenti temevano un blocco prolungato nella capitale.

Nelle ultime settimane, i media statali nordcoreani hanno ripetutamente messo in guardia sull’adozione di maggiori precauzioni covid a causa dei focolai lungo il confine con la Cina, esortando il pubblico a “rafforzare il lavoro anti-epidemia in preparazione alla prolungata emergenza”.

Il Politburo ha accusato l’epidemia di “incuria, lassismo, irresponsabilità e incompetenza” del settore epidemico, secondo i media statali. Sebbene Kim sia stato occasionalmente aperto sui fallimenti e sui problemi del suo regime, ad esempio ammettendo che il paese “crisi alimentare“È degno di nota la Corea del Nord ammettere errori nelle sue misure antivirus.

Giovedì, Kim ha messo in guardia contro ulteriori errori e ha chiesto una maggiore vigilanza lungo il confine con la Cina. Ha detto che il pubblico nordcoreano aveva già posto fine a una “lotta anti-virus di emergenza prolungata” e avrebbe superato la crisi.

“Ciò che è più pericoloso per noi del virus è la paura non scientifica, la mancanza di fiducia e la forza di volontà”, ha detto Kim, secondo i media statali.

Sopravvivere alla “macchina del tempo”: aiutare i disertori nordcoreani nel sud

Go Myong-hyun, ricercatore presso l’Asan Institute of Policy Studies di Seoul, ha affermato che, sebbene questo non sia probabilmente il primo caso di coronavirus in Corea del Nord, potrebbe aver rappresentato un’opportunità per Kim per sottolineare i suoi sforzi per controllare il virus, in particolare visti i rapporti già vorticosi sul blocco di Pyongyang.

READ  Aggiornamenti delle foto dal vivo dell'Halfpipe maschile: Ayumu Hirano vince l'oro nella corsa finale

“Penso che il motivo principale per cui il regime sta ufficialmente riconoscendo l’esistenza del covid nel Paese sia perché è successo a Pyongyang e il regime sa che il mondo lo scoprirà prima o poi”, ha detto Go. “Probabilmente si tratta più di dimostrare il controllo piuttosto che di chiedere aiuto”.

Pyongyang ha ripetutamente rifiutato offerte di milioni di dosi da a Sforzo di vaccinazione globale sostenuto dalle Nazioni Unite. quello della Corea del Nord rigoroso blocco delle frontiereche consente solo un livello minimo di scambi con la Cina, ha esacerbato la crisi alimentare del paese, secondo le Nazioni Unite.

Kee Park, un esperto di salute globale presso la Harvard Medical School che ha lavorato a progetti sanitari in Corea del Nord, ha invitato la comunità internazionale ad aiutare la Corea del Nord a rispondere alla violazione, anche con offerte di vaccini e terapie mRNA.

“Dovrebbero riconsiderare ulteriori misure per proteggere la loro popolazione, compresi i programmi di vaccinazione a livello nazionale”, ha detto Park. “È nell’interesse di tutti aiutare la Corea del Nord a rispondere alla violazione. Nessuno vuole un’altra variante”.