Settembre 26, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

La centrale nucleare si è avvicinata al “disastro da radiazioni”, afferma Zelenskiy, tra le richieste di una visita urgente delle Nazioni Unite Ucraina

Volodymyr Zelenskiy ha affermato che il mondo ha evitato per un soffio un “disastro da radiazioni” poiché l’ultima linea regolare che fornisce elettricità alla centrale nucleare ucraina di Zaporizhzhia è stata ripristinata poche ore dopo essere stata tagliata dai bombardamenti.

Lo ha detto il presidente ucraino funzionari dell’International Atomic Energia L’Agenzia (AIEA), l’organismo di controllo nucleare delle Nazioni Unite, deve avere accesso urgente al sito.

Zelenskiy ha accusato i bombardamenti di giovedì da parte dell’esercito russo di incendi nei pozzi di cenere di una vicina centrale a carbone che ha scollegato il complesso del reattore, il più grande impianto di questo tipo d’Europa, dalla rete elettrica. Ha detto che i generatori diesel di riserva hanno assicurato l’alimentazione e hanno mantenuto l’impianto al sicuro.

“Se il personale della nostra stazione non avesse reagito dopo il blackout, saremmo già stati costretti a superare le conseguenze di un incidente radioattivo”, ha detto in un discorso serale. “La Russia ha messo Ucraina e tutti gli europei in una situazione a un passo da un disastro radioattivo”.

I funzionari dell’AIEA dovrebbero avere accesso al sito entro pochi giorni, ha affermato, “prima che gli occupanti portino la situazione al punto di non ritorno”.

Sono in corso i negoziati per la visita del sito da parte dell’organismo di controllo nucleare dell’ONU e l’alto funzionario nucleare ucraino ha detto al Guardian che gli ispettori dell’AIEA potrebbero arrivare entro la fine del mese.

Fino ad allora, la continua lotta mette a dura prova la pianta, e potenzialmente gran parte di essa Europa, a rischio. Un incidente nucleare potrebbe diffondere radiazioni in tutto il continente.

La società nucleare ucraina Energoatom ha affermato che l’incidente di giovedì ha rappresentato la prima disconnessione completa dell’impianto nei suoi quasi 40 anni di attività. L’elettricità è utilizzata per i sistemi di raffreddamento e di sicurezza.

La Russia, che ha invaso l’Ucraina a febbraio, ha catturato l’impianto a marzo e da allora lo controlla, sebbene i tecnici ucraini lo utilizzino ancora.

Russia e Ucraina si sono accusate a vicenda di bombardare il sito, alimentando i timori di un disastro nucleare. La Casa Bianca ha chiamato Russia di accettare una zona smilitarizzata intorno allo stabilimento, dopo che Joe Biden ha parlato con Zelenskiy giovedì.

Il dipartimento di stato americano ha anche messo in guardia la Russia dal reindirizzare l’energia dal sito.

“L’elettricità che produce appartiene giustamente all’Ucraina e qualsiasi tentativo di scollegare l’impianto dalla rete elettrica ucraina e reindirizzarlo alle aree occupate è inaccettabile”, ha detto ai giornalisti il ​​portavoce Vedant Patel. “Nessun Paese dovrebbe trasformare una centrale nucleare in una zona di guerra attiva e ci opponiamo a qualsiasi tentativo russo di armare o dirottare energia dalla centrale”.

L’AIEA ha affermato che l’Ucraina l’ha informata che l’impianto ha temporaneamente perso la connessione, “sottolineando ulteriormente l’urgente necessità di una missione di esperti dell’AIEA per recarsi alla struttura”.

“Non possiamo permetterci di perdere altro tempo. Sono determinato a guidare personalmente una missione dell’AIEA presso l’impianto nei prossimi giorni”, ha affermato il direttore generale dell’organizzazione, Rafael Grossi.

Scrivendo su Telegram, Vladimir Rogov, un funzionario nominato dalla Russia nella città occupata di Enerhodar vicino allo stabilimento, ha affermato che le foto satellitari hanno mostrato la foresta locale in fiamme. Ha detto che le città della zona hanno perso energia per diverse ore giovedì.

“Ciò è stato causato dalla disconnessione delle linee elettriche dalla centrale nucleare di Zaporizhzhia a seguito delle provocazioni dei combattenti di Zelenskiy”, ha affermato Rogov. “La disconnessione stessa è stata innescata da un incendio e da un cortocircuito sulle linee elettriche”.

Esperti nucleari hanno avvertito del rischio di danni alle piscine di combustibile nucleare esaurito dell’impianto o ai suoi reattori. I tagli alla corrente necessaria per raffreddare le piscine potrebbero causare un disastroso tracollo.

Ci sono state crescenti preoccupazioni internazionali in merito sicurezza nella più grande centrale nucleare d’Europa. È stato occupato dalle forze russe dall’inizio della guerra e ora lo stanno utilizzando per ospitare veicoli e attrezzature militari.

Il complesso ha fornito oltre il 20% del fabbisogno di elettricità dell’Ucraina e la sua perdita aumenterebbe il governo.

Il capo di Energoatom ha detto al Guardian mercoledì che gli ingegneri russi avevano elaborato un progetto per scollegare permanentemente l’impianto dalla rete nazionale e collegarlo invece alla rete elettrica russa. Petro Kotin ha affermato che il piano era apparentemente mirato a mantenere l’alimentazione elettrica all’impianto se tutti i collegamenti con l’Ucraina fossero stati interrotti dai combattimenti, come è avvenuto giovedì. Ma l’Ucraina teme che la Russia possa deliberatamente tagliare le linee.

Le forze russe e ucraine hanno raggiunto una relativa situazione di stallo negli ultimi mesi, in parte dopo che l’Occidente ha fornito nuovi missili a lungo raggio che hanno ostacolato le linee di rifornimento della Russia e la capacità di continuare con le sue offensive. L’Ucraina afferma inoltre di non avere le armi necessarie per lanciare una controffensiva decisiva.

Con Reuters e Agence France-Presse

READ  Boris Johnson difende le azioni mentre altri alleati conservatori si dimettono