Maggio 27, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

La BP afferma che venderà il 20% delle azioni del gigante petrolifero russo Rosneft per l’invasione del Cremlino in Ucraina

“L’attacco della Russia all’Ucraina è un atto di aggressione che sta avendo tragiche conseguenze in tutta la regione. BP opera in Russia da oltre 30 anni, lavorando con brillanti colleghi russi. Tuttavia, questa azione militare rappresenta un cambiamento fondamentale. Ha portato il consiglio di amministrazione della BP a concludere, dopo un processo approfondito, che il nostro coinvolgimento con Rosneft, un’impresa statale, semplicemente non può continuare “, ha affermato domenica il presidente della BP Helge Lund in una dichiarazione.

Il brusco divorzio segna la fine di uno dei più grandi investimenti mai realizzati nel mondo occidentale in Russia, considerata così politicamente importante che il presidente russo Vladimir Putin e l’allora primo ministro britannico Tony Blair ha partecipato personalmente a una cerimonia di firma per una parte fondamentale dell’accordo nel 2003.

Le più grandi aziende mondiali di chip per computer hanno iniziato a interrompere le vendite in Russia dei componenti elettronici vitali, per conformarsi alle sanzioni guidate dagli Stati Uniti. E l’Unione Europea vieta i voli russi dal suo spazio aereo.

La quota del 19,75% di BP in Rosneft rappresentava più della metà delle riserve petrolifere della compagnia britannica.

L’investimento era stato a lungo politicamente teso, dati i legami di Rosneft con il Cremlino. Il colosso petrolifero è presieduto da Igor Sechin, ex vice primo ministro russo e alleato di Putin. Gli Stati Uniti ha sanzionato Rosneft e Sechin nel 2014dopo la prima invasione russa dell’Ucraina e l’annessione della Crimea.

Non è chiaro se BP troverà un acquirente per le sue azioni o semplicemente se ne andrà. Ma la società sta già sostanzialmente cancellando Rosneft dai suoi libri contabili, dicendo che non riconoscerà più una quota dell’utile netto, della produzione o delle riserve di Rosneft.

READ  Poligono di tiro di Grantville Georgia: 3 persone uccise

“L’invasione non provocata dell’Ucraina da parte della Russia deve essere un campanello d’allarme per le imprese britanniche con interessi commerciali nella Russia di Putin”, ha affermato il segretario Kwasi Kwarteng.

Venerdì, dopo che la Russia ha iniziato la sua invasione, Kwarteng ha convocato il CEO di BP Looney a una riunione per esprimere la sua preoccupazione per la holding Rosneft, il Financial Times e altri media hanno riferito.

Una portavoce della BP ha confermato l’incontro ma ha affermato di non poter commentare quanto discusso.

BP ha iniziato a costruire la sua partecipazione nella società e nei suoi predecessori nel 1997 e ha investito molti miliardi nell’impresa nel corso degli anni.

In una dichiarazione, Looney si è detto “profondamente scioccato e rattristato dalla situazione che si sta verificando in Ucraina”.

“Ci ha indotto a ripensare fondamentalmente alla posizione di BP con Rosneft. Sono convinto che le decisioni che abbiamo preso come consiglio non solo siano la cosa giusta da fare, ma siano anche nell’interesse a lungo termine di BP”.

Dudley, un americano che era responsabile degli sforzi di BP per ripulire dopo la fuoriuscita di petrolio della Deepwater Horizon nel 2010 nel Golfo del Messico e poi diventata l’amministratore delegato della società, non è stato immediatamente contattato per commentare. Inoltre, non è stato possibile raggiungere immediatamente Rosneft per commentare.