Novembre 27, 2021

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

La bozza di accordo COP26 invita i paesi ad aumentare la riduzione delle emissioni entro la fine del 2022. Cos’altro c’è dentro

Normalmente le bozze di accordi COP vengono diluite nel discorso finale, ma c’è anche la possibilità di rafforzare alcuni elementi a seconda di come finiscono i combattimenti tra i paesi.

Il documento “riconosce che gli effetti del cambiamento climatico sono minimi durante un aumento della temperatura di 1,5°C rispetto a 2°C e continua a compiere sforzi per controllare l’aumento della temperatura fino a 1,5°C”.

Gli scienziati affermano che il mondo ha bisogno di controllare il riscaldamento globale a 1,5 gradi Celsius sopra i livelli preindustriali per evitare un peggioramento della crisi climatica e avvicinarsi a una situazione catastrofica.

Un’analisi chiave rilasciata martedì ha detto che il mondo Nel percorso di riscaldamento a 2,4 gradi. Ciò significa che i rischi di grave siccità, incendi, inondazioni, aumento catastrofico del livello del mare e carenza di cibo aumenteranno drasticamente, affermano gli scienziati.

L’obiettivo principale della presidenza britannica della COP26 è “mantenere in vita 1,5 persone”, quindi questo linguaggio definitivo è l’aspettativa di essa e di altri paesi leader del clima.

Diversi paesi, tra cui Arabia Saudita, Russia, Cina, Brasile e Australia, hanno espresso opposizione al cambiamento in vari incontri negli ultimi sei mesi prima della COP26.

Il primo ministro britannico Boris Johnson ha parlato mercoledì con il principe saudita Mohammed bin Salman, in cui “hanno discusso dell’importanza di fare progressi nei negoziati negli ultimi giorni della Cop26”, si legge nell’appello di Downing Street.

“Se l’obiettivo del controllo del riscaldamento globale per raggiungere 1,5° C deve essere mantenuto in vita, tutte le nazioni devono venire al tavolo con maggiore ambizione”, ha affermato.

La bozza riconosce che realizzare questo cambiamento è un “atto significativo ed efficace” per tutti i paesi e territori che chiamiamo il “decennio critico”.

Per controllare il riscaldamento globale di 1,5 gradi Celsius entro il 2100, è necessaria una riduzione rapida, profonda e sostenibile delle emissioni globali di gas serra, compresa la riduzione delle emissioni globali di anidride carbonica del 45% entro il 2030 rispetto al 2010 e il raggiungimento dello zero netto nel mezzo. Century, “usa un linguaggio in linea con l’ultimo rapporto delle scienze del clima delle Nazioni Unite.

Lo zero netto è la quantità di gas serra emessi nell’atmosfera che viene semplicemente rimossa con mezzi naturali come piantare più alberi per assorbire l’anidride carbonica o catturare i gas con la tecnologia.

“È importante riconoscere l’importanza dell’obiettivo di 1,5 gradi in questo accordo”, ha affermato William Collins, professore di meteorologia presso l’Università di Reading, che aveva anche bisogno della scienza per mostrare i tagli alle emissioni più profondi di questo decennio.

Ma ha aggiunto: “Gli impegni attuali a Glasgow non sono nemmeno sufficienti per far fronte a questi tagli entro il 2030. Se i paesi non iniziano un percorso diretto verso questi livelli di emissioni del 2030, sarà troppo tardi per rinnovarli entro il 2025”, ha affermato. , Indica che la prossima volta i paesi sono obbligati a riconsiderare i propri obiettivi.

READ  Terence Crawford ferma Shawn Porter per mantenere il WBO Welderweight Championship - come è successo | Gli sport

“Si spera che questo livello di ambizione possa essere raggiunto a Glasgow; in caso contrario, i paesi dovrebbero essere riportati nei negoziati l’anno prossimo”.

Piani di emissione dei paesi

Per controllare il riscaldamento globale a 1,5 gradi, ogni paese deve avere un piano in linea con quell’obiettivo.

La linea più significativa della bozza, che esorta i firmatari entro la fine del 2022 a presentare nuovi obiettivi per ridurre le emissioni nel prossimo decennio, affermano gli scienziati, è importante se il mondo vuole mantenere il riscaldamento al di sotto dei 2 gradi. E vicino a 1,5.

Il mondo è sulla buona strada per un riscaldamento di 2,4 gradi nonostante le promesse della COP26, rileva l'analisi

David Vaskov, direttore dell’Iniziativa internazionale per il clima con l’Organizzazione mondiale delle risorse, ha accolto con favore l’obiettivo del 2022 come un progresso.

“È quindi un linguaggio importante perché pone le basi affinché i paesi si facciano avanti con obiettivi rafforzati per l’integrazione con Parigi”, ha affermato, aggiungendo che l’accordo di Parigi del 2015 ha fissato il limite del riscaldamento globale a 2 gradi. Con una preferenza per 1.5.

Anche se è stato concordato sei anni fa, i piani sulle emissioni di molte parti Non connetterti con quell’obiettivo.

Ha avvertito che “entro la fine del 2022, l’Arabia Saudita e la Russia saranno nominate paesi contrari ai nuovi impegni” e che ci sono “certamente parti che lo sostengono”. La CNN si è avvicinata a quei paesi martedì sullo stesso problema e ne sta cercando di nuovi. Commento.

Alcuni esperti, come Vasco, hanno accolto con favore la mossa, affermando che i paesi devono sviluppare nuovi piani prima del 2025.

Ma dopo che il Rapporto sulla scienza del clima delle Nazioni Unite di agosto ha mostrato che il cambiamento climatico stava avvenendo più velocemente di quanto si pensasse in precedenza, alcuni paesi e gruppi speravano che l’ambizione crescesse più velocemente.

“Questa bozza di accordo non è un piano per risolvere la crisi climatica, è un accordo in cui andremo tutti oltre le nostre dita e crederemo nel meglio”, ha dichiarato Jennifer Morgan, amministratore delegato di Greenpeace International, in una nota, citando un recente studio del clima. Tracker d’azione che mostra che il mondo si sta dirigendo verso un riscaldamento di 2,4 gradi, anche con le nuove promesse fatte prima della COP26.

“Il compito di questa conferenza è sempre stato quello di ridurre quel numero a 1,5°C, ma con questo discorso i leader mondiali lo stanno spingendo al prossimo anno. Se questo è il migliore, non sorprende che i bambini di oggi siano arrabbiati con loro”.

READ  Ordine di blocco dell'Austria per coloro che non sono stati vaccinati contro il COVID-19

Yamide Dagnet, direttore dei negoziati sul clima del WRI, ha affermato di aver innescato un linguaggio forte in 1,5 paesi vulnerabili al clima, ma che volevano un accordo per stabilire forti obblighi nei confronti di paesi specifici. Vedono anche l’obiettivo del 2022 come difficile da raggiungere senza importanti incentivi finanziari.

“Sarà molto difficile per loro … tornare a casa e dire che tutti i tuoi sforzi sono finiti … provare un altro aggiustamento tra un anno”, ha detto.

Sui combustibili fossili

La bozza di accordo invita i governi ad “accelerare la graduale eliminazione dei sussidi per carbone e combustibili fossili”. Ciò è evidente dal fatto che l’emissione graduale di combustibili fossili è essenziale se si vogliono ridurre le emissioni di gas serra. Ma aggiungere un linguaggio specifico a questo è un grande passo, poiché i sussidi al carbone e ai combustibili fossili non sono stati specificatamente menzionati negli accordi precedenti.

È probabile che la lingua venga osteggiata dai principali paesi produttori di combustibili fossili.

L'umanità deve scavare per il carbone per salvarsi.  Tieni anche le luci accese.

Ci sono alcuni avvertimenti, come la graduale riduzione del carbone e la cessazione dei sussidi ai combustibili fossili.

“Non fornisce una data per entrambi, dice che ‘accelera gli sforzi’ per entrambi”, ha detto a una conferenza Helen Mountford, capo di WRI Climate and Economy.

Prima che il leader della COP26 Sharma arrivasse a Glasgow, aveva dichiarato che una data di uscita definitiva dal carbone era una delle sue priorità.

Ci si chiede anche se la clausola sui combustibili fossili possa sopravvivere anche nei prossimi due giorni di negoziati.

Si riferisce ai combustibili fossili e tutti dicono che è incredibile, ma il mondo non sta davvero dicendo che il carbone dovrebbe essere espulso rapidamente e quindi decarbonizzato rimuovendo sia il gas naturale che il petrolio “, ha detto alla CNN Mark Maslin, uno scienziato del clima, all’University College di Londra. .

Quindi il problema qui è che abbiamo ricevuto improvvisamente una dichiarazione che riconosceva che i combustibili fossili sono il problema, ma in realtà non stiamo dicendo con parole forti che questo è ciò che dovremmo eliminare… queste sono le azioni delle nazioni. Paesi come l’Arabia Saudita, la Russia e l’Australia si stanno sostanzialmente ribellando a causa di un contesto indebolito “, ha aggiunto.

C’è stato qualche miglioramento nei combustibili fossili a Glasgow. Finora ventotto paesi hanno firmato un accordo per interrompere il finanziamento di progetti di combustibili fossili senza restrizioni all’estero entro il 2022. I progetti illimitati sono quelli che non catturano le emissioni di gas serra alla fonte prima di fuoriuscire nell’atmosfera. Buon inizio.

READ  Democratici in testa nella corsa anticipata per il governatore della Virginia

Dozzine di nuovi paesi hanno firmato per emettere carbone nella COP26, ma la scadenza è il 2030 per i paesi sviluppati e il 2040 per i paesi in via di sviluppo, un decennio più tardi di quanto previsto da Sharma e dai leader del clima. Cina, India e Stati Uniti, i tre maggiori emettitori del mondo, non hanno firmato. Sono anche i maggiori utilizzatori di carbone.

Chi paga cosa?

A lungo termine, la bozza delinea la necessità di mantenere la promessa fatta dalle nazioni più ricche del mondo un decennio fa di fornire 100 miliardi di dollari l’anno in aiuti per il clima ai paesi in via di sviluppo. Questo obiettivo doveva essere raggiunto entro il 2020, ma è fallito. Questo dovrebbe fare molto per aiutare i paesi in via di sviluppo a ridurre le emissioni, ma possono anche adattarsi agli effetti della crisi.

Una comunità sull'isola di Lagos viene inghiottita dal mare mentre le nazioni litigano su chi dovrebbe pagare per la crisi climatica

I paesi sviluppati sono storicamente responsabili di più emissioni rispetto ai paesi in via di sviluppo, ma molti paesi in prima linea nella crisi hanno dato poco contributo storico al cambiamento climatico. C’è la consapevolezza che il mondo ricco deve pagare per parte del cambiamento energetico e dell’adattamento.

“[The conference] Nota con grave preoccupazione che gli attuali finanziamenti per il clima per l’adattamento non sono sufficienti per rispondere agli effetti negativi del cambiamento climatico sullo sviluppo. [countries], ”Dice la bozza usando parole molto forti.

Ma non si va avanti quando dovrebbero essere erogati i 100 miliardi di dollari, puntando al 2023, che è l’ultimo triennio della scadenza e per cosa sta andando attualmente. L’ambasciatore statunitense per il clima John Kerry e il presidente della Commissione europea Ursula van der Leyen la scorsa settimana hanno previsto il 2022.

Tuttavia, la bozza non fornisce dettagli specifici e gli Stati Uniti, l’Unione europea e altri importanti attori si sono opposti all’idea.

“Questo è vago e ambiguo. La scadenza mancata per l’impegno di $ 100 miliardi non è stata riconosciuta – questa è una richiesta chiave dei paesi vulnerabili”, ha affermato Mohamed Ado, direttore del Climate Thinking Group di PowerShift Africa.

Ma per la prima volta, la bozza di accordo ha anche un linguaggio più specifico sul finanziamento di “perdite e danni” per i paesi in via di sviluppo, finanziariamente responsabili in termini di impatti della crisi climatica. Alcuni paesi più colpiti dalla crisi chiedono più soldi per far fronte ai danni e ai danni che stanno già subendo a causa del riscaldamento globale, che è l’idea alla base della compensazione climatica.