Gennaio 29, 2023

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Jack Ma, fondatore di Ant Group, rinuncerà al controllo

Una delle società tecnologiche finanziarie più influenti della Cina, Gruppo di formicheha detto sabato che l’imprenditore miliardario, Jack Ma, ha pianificato di cedere il controllo dell’azienda.

Sig. Il ritiro di Ma dalla società da lui fondata arriva dopo che il Partito Comunista al governo ha intrapreso una repressione senza precedenti contro Big Tech. Pechino aveva fatto sì che Mr. Ma’s Ant Group e la sua consociata, il gigante dell’e-commerce Alibaba, i gioielli della corona del suo impero online, sono stati i primi obiettivi della campagna per frenare il potere dei giganti di Internet.

I funzionari cinesi avevano costretto Ant Group a annullare quella che sarebbe stata un’offerta pubblica iniziale di successo nel 2020 e successivamente. trovato Alibaba un pesante $ 2,8 miliardi per aver abusato del suo dominio. L’anno scorso, Ant Group ha dichiarato che avrebbe intrapreso un’importante revisione ordinata dal governo della propria attività per affrontare le preoccupazioni delle autorità di regolamentazione sulla concorrenza sleale e sulla quantità di dati che raccoglie sugli utenti.

Sotto Xi Jinping, il massimo leader cinese, Pechino ha cercato di esercitare un maggiore controllo statale sull’economia negli ultimi anni, anche frenando l’influenza dei magnati che hanno accumulato enormi ricchezze ma sono stati visti oltrepassare i propri limiti.

Sig. Una volta Ma è stato salutato in Cina come un modello di successo, ma ha dovuto affrontare crescenti problemi con il governo cinese, soprattutto dopo aver criticato le autorità di regolamentazione bancaria della nazione alla fine del 2019. Negli ultimi anni, è in gran parte scomparso dalla vista del pubblico.

Gruppo di formiche detto in un annuncio sabato che il sig. Ma non sarebbe più la “persona di controllo” che detiene il 34% delle azioni della società. Invece, sarebbe uno dei 10 principali azionisti.

READ  Il Regno Unito allenta la pressione sulle imprese dimezzando le bollette energetiche questo inverno

L’annuncio, che descriveva la mossa come parte di un piano di “ottimizzazione della corporate governance”, non forniva dettagli su quando le modifiche sarebbero state finalizzate e osservava che non avrebbero influenzato le operazioni quotidiane della società. Nell’attuale struttura di governance di Ant Group, Mr. Ma non ha un ruolo dirigenziale.

L’app di punta Alipay di Ant è un importante portale per oltre 1 miliardo di utenti in Cina che lo utilizzano per pagare i pasti, fare acquisti a credito e costruire i propri risparmi. Ma la sua influenza e le sue dimensioni ne hanno fatto un punto di preoccupazione per Pechino mentre le autorità esaminavano l’industria fintech alla ricerca di potenziali rischi per il più ampio sistema finanziario del paese. Poi, nel 2020, poco prima Ant doveva diventare pubblicaregolatori bruscamente fermato La sua offerta pubblica iniziale, stimata all’epoca in 34 miliardi di dollari, sarebbe stata la più grande IPO mai registrata.

Non è stato subito chiaro come Mr. Il ritiro di Ma da Ant Group potrebbe influenzare qualsiasi piano che il gigante fintech potrebbe avere per riprendere la sua offerta pubblica iniziale. Ma probabilmente sarà ritardato a causa dei requisiti di quotazione. La borsa di Hong Kong richiede un periodo di attesa di un anno dopo un cambio di proprietà; altri mercati richiedono due o tre anni.

Ant Group ha lavorato per ristrutturare le proprie società in accordo con le richieste delle autorità cinesi. Il mese scorso, i regolatori approvato un piano di aumento di capitale da 1,5 miliardi di dollari per la sua unità di prestito al consumo, consentendo a un braccio del governo di Hangzhou di diventare il suo secondo maggiore azionista. L’aumento di capitale supera un importante ostacolo normativo, consentendole di emettere fino a circa 500 miliardi di yuan, o 73 miliardi di dollari, di prestiti al consumo.

READ  Zelensky risponde al "folle" sondaggio Twitter di Elon Musk sulla pace tra Russia e Ucraina

L’approvazione è stata l’ultimo indicatore del fatto che il governo cinese è pronto ad allentare la sua linea dura nei confronti delle società Internet nel tentativo di far ripartire l’attività economica nel 2023.

Dopo un periodo prolungato di stretta “covid zero” blocchi e multe e regolamenti severi su Ant Group e altri giganti della tecnologia, Li Qiang, il nuovo n. 2 ufficiale, ha esortato i quadri in una riunione economica a dicembre a “sviluppare vigorosamente l’economia digitale” e migliorare la loro competitività globale.

Zixu Wang ha contribuito alla ricerca.