Maggio 27, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Israele chiede scuse dopo che la Russia ha detto che Hitler aveva radici ebraiche

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov partecipa a una conferenza stampa congiunta con il ministro degli Esteri eritreo Osman Saleh (non raffigurato) dopo i colloqui a Mosca, in Russia, il 27 aprile 2022. Yuri Kochetkov / Pool via REUTERS / File Photo

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

  • Israele convoca l’ambasciatore russo per “parlare duro”
  • Il ministro israeliano afferma che il commento di Lavrov “imperdonabile”
  • Il ministro russo suggerisce che gli ebrei sono “i più grandi antisemiti”

GERUSALEMME, 2 maggio (Reuters) – Israele ha denunciato lunedì il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov per aver suggerito che Adolf Hitler avesse origini ebraiche, accusando Lavrov di diffondere l’antisemitismo e sminuire l’Olocausto.

“Tali bugie hanno lo scopo di accusare gli stessi ebrei dei crimini più orribili della storia che sono stati commessi contro di loro”, ha affermato il primo ministro israeliano Naftali Bennett in una nota.

“L’uso dell’Olocausto del popolo ebraico per scopi politici deve cessare immediatamente”, ha aggiunto.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Il ministero degli Esteri israeliano Yair Lapid ha chiesto scuse a Lavrov per i suoi commenti, che sono stati fatti domenica in un’intervista alla televisione italiana, e ha chiesto all’ambasciatore russo “un discorso duro” sull’affermazione.

Lapid ha detto che affermare che Hitler era di discendenza ebraica era come dire che gli ebrei si erano uccisi e accusare gli ebrei di essere antisemiti era “il livello più vile di razzismo”.

Non ci sono stati commenti immediati dall’ambasciata russa o dallo stesso Lavrovhim.

Durante la sua intervista al canale italiano Rete 4, a Lavrov è stato chiesto come la Russia potesse dire di aver bisogno di “denazificare” l’Ucraina, quando il presidente del Paese, Volodymyr Zelenskiy, era ebreo.

READ  Lancio del James Web Space Telescope della NASA e il percorso oltre

“Quando dicono ‘Che razza di nazificazione è questa se siamo ebrei’, beh, penso che anche Hitler avesse origini ebraiche, quindi non significa nulla”, ha detto Lavrov, parlando attraverso un interprete italiano.

“Da molto tempo sentiamo il saggio popolo ebraico dire che i più grandi antisemiti sono gli ebrei stessi”, ha aggiunto.

Dani Dayan, presidente dello Yad Vashem, il memoriale israeliano dei sei milioni di ebrei uccisi nell’Olocausto, ha affermato che le osservazioni del ministro russo sono state “un insulto e un duro colpo per le vittime del vero nazismo”.

Parlando alla radio Kan, Dayan ha detto che Lavrov stava diffondendo “una teoria del complotto antisemita senza basi di fatto”.

L’identità di uno dei nonni di Hitler non è nota, ma ci sono state alcune speculazioni, mai supportate da alcuna prova, che potesse essere un ebreo.

Lapid ha respinto l’affermazione di Lavrov secondo cui elementi filo-nazisti avevano il potere sul governo e sull’esercito ucraini.

“Gli ucraini non sono nazisti. Solo i nazisti erano nazisti e solo loro si sono occupati della distruzione sistematica del popolo ebraico”, ha detto Lapid, il cui nonno è morto nell’Olocausto.

Un portavoce del governo tedesco ha affermato lunedì che il commento di Lavrov su Hitler era una propaganda “assurda”. leggi di più

Israele ha espresso ripetutamente sostegno all’Ucraina dopo l’invasione russa di febbraio. Ma diffidando delle relazioni tese con la Russia, un intermediario di potere nella vicina Siria, inizialmente ha evitato le critiche dirette a Mosca e non ha imposto sanzioni formali agli oligarchi russi.

Tuttavia, le relazioni sono diventate più tese, con Lapid il mese scorso che ha accusato la Russia di aver commesso crimini di guerra in Ucraina.

READ  Classifica del campionato PGA 2022: copertura in diretta, punteggio Tiger Woods, punteggi del golf oggi nel Round 1

Tuttavia, il presidente ucraino ha anche incontrato critiche in Israele cercando di tracciare analogie tra il conflitto nel suo paese e la seconda guerra mondiale. In un discorso al parlamento israeliano a marzo, Zelenskiy ha paragonato l’offensiva russa in Ucraina al piano della Germania nazista di uccidere tutti gli ebrei alla sua portata durante la seconda guerra mondiale. leggi di più

Yad Vashem ha definito i suoi commenti “irresponsabili”, dicendo che hanno banalizzato i fatti storici dell’Olocausto.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Reportage aggiuntivo di Dan Williams a Gerusalemme e Valentina Za a Milano Scrittura di Crispian Balmer Montaggio di Jeffrey Heller e Bernadette Baum

I nostri standard: I principi di fiducia di Thomson Reuters.