Maggio 24, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Innescato da Giannis Antetokounmpo, Al Horford segna 30 punti record in carriera nei playoff per salvare i Boston Celtics in gara 4

MILWAUKEE – Al Horford sapeva che si sarebbe vendicato.

Dopo Giannis Antetokounmpo schiacciato su di lui all’inizio del terzo quarto lunedì sera, la superstar dei Milwaukee Bucks ha ricevuto un fallo tecnico per aver detto qualcosa in direzione di Horford. Quando Horford risaliva il campo, si limitò ad annuire con la testa e disse “OK” mentre guardava nella direzione di Antetokounmpo.

“Non ho capito cosa ha detto, ma il modo in cui mi ha guardato non mi andava bene”, ha detto Horford. “Questo mi ha fatto andare”.

Il quarto successivo, Horford ha restituito il favore. Ha preso la palla sul perimetro e ha colpito Antetokounmpo con una finta di pompaggio. Antetokounmpo ha morso e Horford ha guidato alla sua destra, sollevandosi sul bordo per uno slam sul due volte MVP, lanciando un grande urlo nel processo.

È stato il punto di svolta di cui Boston aveva bisogno in quanto ha superato Milwaukee in una vittoria per 116-108 in Gara 4. La serie, ora pari a 2, torna a Boston mercoledì sera.

Horford ha disegnato un fallo tecnico dopo la sua schiacciata, poiché ha colpito inavvertitamente Antetokounmpo in faccia in una celebrazione immediata che lo ha fatto urlare da bordo campo a bordo campo. Milwaukee aveva un vantaggio di 10 punti alla fine del terzo quarto, ma lo slam di Horford ha dato un segno enfatico su un parziale di 10-0 che ha riportato i Celtics in gioco e alla fine hanno il controllo.

“I playoff sono emotivi, molto intensi”, ha detto Horford. “Stasera, le cose non stavano andando come volevamo. Le cose sono state difficili lì nel terzo per un po’. (Marco) Intelligente continuava a parlare in gruppo e continuava a dirci di rimanere con esso. Sicuramente solo tante emozioni a quel punto. Sì, ecco cos’era”.

Smart ha detto che la schiacciata dell’Horford è ciò che ha dato ai Celtics la spinta emotiva di cui avevano bisogno per superare quella che era diventata una partita combattuta.

“È un gioco importante in un momento importante”, ha detto Smart. “È una partita fisica. Eravamo dall’altra parte un paio di volte, quindi è stato bello avere quella”.

Horford aveva 16 punti ed era 6 su 6 dal campo nel quarto quarto in generale, abbattendo un paio di 3 punti e due tiri liberi. Ha concluso con 30 punti, un record di playoff per il 35enne che stava giocando la sua 132esima partita post-stagionale in carriera.

È arrivato dopo che ha messo a segno 22 punti e 16 rimbalzi nella sconfitta in gara 3 sabato, una sconfitta che Horford e l’intera squadra hanno subito più del solito.

“Sentivamo che alla fine di Gara 3 eravamo in grado di vincere la partita e non l’abbiamo fatto”, ha detto Horford. “Ero davvero bloccato. Ho capito il momento e cosa dovevamo fare come gruppo. Esci e avremmo fatto tutto il necessario stasera. Era uno di quei tipi di notti”.

La squadra ha seguito il vantaggio di Horford nel quarto quarto segnando 43 punti su 16 su 19 per scappare con la vittoria. I 43 punti del quarto quarto hanno pareggiato di più nell’ultimo quarto nella storia della franchigia dei Celtics (a pari merito con Gara 5 del primo turno del 2001 contro i Philadelphia 76ers), secondo ESPN Stats & Information. L’84,2% di tiri di Boston è stata la percentuale migliore in qualsiasi trimestre post-stagionale per la squadra almeno dal 1997-98.

I Bucks hanno trasformato il tiro libero tecnico dopo il tiro involontario di Horford su Antetokounmpo, e Horford ha colpito il suo per il fallo sul gioco. Milwaukee ha segnato i due canestri successivi per allungare il vantaggio, ma Horford era di nuovo lì, terminando un rapido 7-0 con una tripla.

Quando i Bucks sono tornati in vantaggio con un layup di Antetokounmpo a 6:02 dalla fine, Horford ha risposto con un altro 3 punti per dare a Boston il vantaggio per sempre. Dopo aver portato i Celtics sul 95-94, Horford è tornato indietro con un gioco da tre punti vecchio stile sul successivo possesso di Boston per dare alla panchina dei Celtics ancora più da festeggiare.

I Celtics hanno cavalcato quell’onda di emozione fino alla fine, ma tutto è andato davvero a rotoli con la schiacciata.

“Quello è stato un inferno di gioco,” Jayson Tatum disse. “Soprattutto ogni volta che Al fa tornare indietro le lancette del tempo e sembra com’era, porta tutti fuori dalla panchina. Al gioca con così tanta passione. Quando Al gioca con tale passione, tutti gli altri devono seguirlo”.

READ  Dow Jones Future Fall: risultati del rally del mercato azionario mentre Tesla cresce sempre