Agosto 10, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

In diretta: Boris Johnson combatte per la sopravvivenza; 2 Ministri del Gabinetto del Regno Unito si dimettono

Credito…Thierry Monasse/Getty Images

Quando un membro poco conosciuto del parlamento britannico si è ubriacato in un club esclusivo la scorsa settimana e poi è uscito barcollando in una calda notte londinese, pochi avrebbero pensato che avrebbe gettato il governo nel caos e minacciato la leadership del primo ministro Boris Johnson.

L’alcol e le notti tarde non sono affatto estranei nella politica britannica, quindi le azioni di Chris Pincher avrebbero potuto facilmente passare inosservate.

Ma una settimana dopo, uno scandalo in espansione ha messo in netto rilievo tre questioni fondamentali che il sig. Il governo Johnson: competenza, fiducia e, soprattutto, fiducia.

Martedì, le ricadute sono aumentate quando Rishi Sunak, il cancelliere dello scacchiere, e Sajid Javid, il segretario alla salute, hanno entrambi lasciato il governo in lettere al sig. Johnson che mascherava solo sottilmente la loro perdita di fiducia nella sua leadership.

Sig. Pincher, 52 anni, membro del parlamento di Tamworth nelle Midlands, non aveva quasi nessun profilo nazionale. Ma all’interno della politica britannica aveva coltivato la reputazione di feroce lealista di Mr. Johnson e un esperto nell’arte di persuadere altri legislatori del Partito conservatore a votare attraverso affari del governo. Per quegli attributi, il sig. Johnson lo ha nominato sottosegretario nel 2019 e poi, a febbraio, vice frustino, incaricato di organizzare gli affari del governo.

In quest’ultimo compito, hanno detto i suoi colleghi, è stato insolitamente efficiente, aiutando a organizzare un’operazione sotto il radar soprannominata, almeno da alcuni, “Operazione Salva Big Dog” che ha permesso al sig. Johnson sopravviverà il mese scorso, anche se per un pelo, un voto di fiducia dai suoi colleghi in Parlamento.

READ  Clarence Thomas afferma che la fuga di notizie dalla Corte Suprema ha eroso la fiducia nell'istituzione

Eppure c’era un problema. Sig. Pincher era già stato nell’ufficio della frusta, ma nel 2017 è stato costretto a dimettersi dopo l’accusa di aver fatto un passaggio indesiderato a un attivista conservatore, un ex vogatore professionista di nome Alex Story. Denuncia anche per comportamento inappropriato il sig. Pincher nel 2019 quando ha lavorato al Ministero degli Esteri.

Era il sig. La decisione di Johnson di riportarlo al governo è alla radice della crisi attuale.

Mercoledì scorso il sig. Pincher ha partecipato a un evento per i Conservative Friends of Cyprus al Carlton Club in uno dei quartieri più esclusivi di Londra, non lontano da Buckingham Palace. È stato accusato di aver palpato due uomini mentre era lì. I testimoni hanno detto che era così ubriaco che dovette essere messo su un taxi.

Il giorno successivo, contrito, scrisse una lettera su carta per appunti della Camera dei Comuni al sig. Johnson, offrendo le sue dimissioni da vice frustino. “Ieri sera ho bevuto troppo”, ha detto. “Ho messo in imbarazzo me stesso e le altre persone che è l’ultima cosa che voglio fare e per questo chiedo scusa a te e agli interessati”.

Quella non era la fine. Il governo ha insistito per giorni affinché il sig. Johnson non era a conoscenza di alcuna precedente accusa, ma poi è emerso che era a conoscenza della denuncia del 2019, eppure ha nominato il sig. Vice frusta Pincher. L’ex alto funzionario del Ministero degli Esteri, Simon McDonald, ha rilasciato martedì una lettera pubblica accusando Downing Street di distorcere i fatti.

I legislatori dell’opposizione hanno chiesto al sig. Pincher si è dimesso dal Parlamento. Ministri di governo, inviati a difendere il sig. La gestione della questione da parte di Johnson nelle interviste radiofoniche e televisive è apparsa a disagio.

READ  Precauzioni Monkeypox consigliate ai raduni estivi mentre Chicago riporta 5 nuovi casi - NBC Chicago

In tutto questo, il sig. Pincher è rimasto in silenzio, evitando i riflettori e negando sostanziali accuse contro di lui.