Novembre 30, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Il taglio della produzione di petrolio dell’OPEC+ mostra una spaccatura crescente tra Biden e i reali sauditi

WASHINGTON/LONDRA, 8 ottobre (Reuters) – La decisione dell’organizzazione OPEC+ di tagliare questa settimana la produzione di petrolio nonostante la rigida opposizione degli Stati Uniti ha ulteriormente teso le relazioni già tese tra la Casa Bianca del presidente Joe Biden e la famiglia reale dell’Arabia Saudita, un tempo uno dei più fedeli alleati di Washington in Medio Oriente . , secondo interviste con circa una dozzina di funzionari ed esperti del governo a Washington e nel Golfo.

Secondo queste fonti, la Casa Bianca ha spinto molto per impedire il taglio della produzione dell’OPEC. Biden spera di impedire che i prezzi della benzina negli Stati Uniti aumentino di nuovo in vista delle elezioni di medio termine in cui il suo partito democratico sta lottando per mantenere il controllo del Congresso degli Stati Uniti. Washington vuole anche limitare le entrate energetiche della Russia durante la guerra in Ucraina.

L’amministrazione statunitense ha esercitato pressioni sull’OPEC+ per settimane. Negli ultimi giorni, alti funzionari statunitensi dei team dell’energia, della politica estera e dell’economia hanno esortato le loro controparti estere a votare contro un taglio della produzione, secondo due fonti che hanno familiarità con le discussioni.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Amos Hochstein, il principale inviato per l’energia di Biden, insieme al funzionario della sicurezza nazionale Brett McGurk e all’inviato speciale dell’amministrazione nello Yemen Tim Lenderking, si sono recati in Arabia Saudita il mese scorso per discutere di questioni energetiche, inclusa la decisione dell’OPEC+.

Non sono riusciti a impedire un taglio alla produzione, proprio come ha fatto Biden dopo la sua visita di luglio.

I funzionari statunitensi “hanno cercato di posizionarlo come ‘noi contro la Russia’”, ha detto una fonte informata sulle discussioni, dicendo ai funzionari sauditi che dovevano fare una scelta.

READ  Riot Games pagherà 100 milioni di dollari in un caso di discriminazione di genere

Tale argomento è fallito, ha affermato la fonte, aggiungendo che i sauditi hanno affermato che se gli Stati Uniti volessero più petrolio sui mercati, dovrebbero iniziare a produrne di più.

Gli Stati Uniti sono il n. 1 produttore di petrolio e anche il suo principale consumatore, secondo i dati della US Energy Information Administration.

L’ufficio media del governo saudita CIC non ha risposto alle richieste inviate via email a Reuters di commenti sulle discussioni.

“Ci preoccupiamo prima di tutto degli interessi del Regno dell’Arabia Saudita e poi degli interessi dei paesi che si sono fidati di noi e sono membri dell’OPEC e dell’alleanza OPEC +”, ha detto mercoledì il ministro dell’Energia Prince Abdulaziz alla TV saudita.

L’OPEC soppesa i suoi interessi con “quelli del mondo perché abbiamo interesse a sostenere la crescita dell’economia globale e fornire forniture energetiche nel migliore dei modi”, ha affermato.

La gestione da parte di Washington dell’accordo nucleare iraniano e il ritiro del sostegno alle operazioni militari offensive di una coalizione a guida saudita in Yemen hanno sconvolto i funzionari sauditi, così come le azioni contro la Russia dopo l’invasione dell’Ucraina del febbraio 2022.

La spinta degli Stati Uniti per un tetto massimo del prezzo del petrolio russo sta causando incertezza, ha detto a Bloomberg TV il ministro dell’Energia, il principe Abdulaziz bin Salman, dopo il taglio dell’OPEC, rilevando la “mancanza di dettagli e la mancanza di chiarezza” su come verrà implementato.

Una fonte informata dai funzionari sauditi ha affermato che il regno lo considera “un meccanismo di controllo dei prezzi non di mercato, che potrebbe essere utilizzato da un cartello di consumatori contro i produttori”.

READ  Il QB dei Los Angeles Rams Matthew Stafford lancia intercetti selvaggi, seguito dal Big-Six

Una vendita diretta da Biden di 180 milioni di barili di petrolio a marzo dalla Strategic Petroleum Reserve statunitense ha esercitato pressioni al ribasso sui prezzi del petrolio. A marzo, l’OPEC+ ha dichiarato che avrebbe smesso di utilizzare i dati dell’Agenzia internazionale per l’energia (IEA), un osservatore petrolifero occidentale, a causa delle preoccupazioni guidate dai sauditi sull’eccessiva influenza degli Stati Uniti.

Giovedì Biden ha definito la decisione saudita “una delusione”, aggiungendo che Washington potrebbe intraprendere ulteriori azioni sul mercato petrolifero.

“Senti, è chiaro che l’OPEC Plus si sta allineando con la Russia”, ha detto mercoledì la segretaria stampa della Casa Bianca Karine Jean-Pierre. Non avrebbe spiegato come il taglio alla produzione avrebbe influenzato le relazioni tra Stati Uniti e Arabia Saudita. Al Congresso degli Stati Uniti, i Democratici di Biden hanno chiesto il ritiro delle truppe americane dall’Arabia Saudita e hanno parlato del ritiro delle armi.

“Pensavo che lo scopo principale della vendita di armi agli Stati del Golfo, nonostante le loro violazioni dei diritti umani, l’assurda guerra nello Yemen, il lavoro contro gli interessi degli Stati Uniti in Libia, Sudan ecc., fosse che quando sarebbe arrivata una crisi internazionale, il Golfo avrebbe potuto scegliere l’America rispetto a Russia/Cina ”, ha dichiarato su Twitter il senatore Chris Murphy, un democratico.

Venerdì il ministro di Stato saudita per gli affari esteri Adel Al-Jubeir, in un commento a Fox News, ha dichiarato: “L’Arabia Saudita non politicizza le decisioni petrolifere o petrolifere”.

“Con il dovuto rispetto, il motivo per cui hai prezzi elevati negli Stati Uniti è perché hai una carenza di raffinazione che esiste da più di 20 anni”, ha aggiunto.

READ  Google Pixel 6a: dove effettuare il preordine negli Stati Uniti

IL PRINCIPE CORONA E BIDEN

Settimane dopo l’insediamento di Biden alla presidenza, Washington ha pubblicato un rapporto che lega l’uccisione del giornalista Jamal Khashoggi nel 2018 al principe ereditario Mohammed bin Salman.

Il principe, figlio del re Salman, 86 anni, ha negato di aver ordinato l’uccisione, ma ha riconosciuto che è avvenuta “sotto la mia sorveglianza”.

Il principe è diventato primo ministro il mese scorso ei suoi avvocati hanno sostenuto in un tribunale degli Stati Uniti che questo lo rende immune da procedimenti giudiziari per la morte di Khashoggi.

Il viaggio di Biden a Jeddah, in Arabia Saudita, a luglio per un vertice del Golfo mirava a ricucire le relazioni, ma ha anche sollevato dure critiche a bin Salman per l’omicidio di Khashoggi.

Ben Cahill, ricercatore presso il Center for Strategic and International Studies, ha affermato che i sauditi sperano che i tagli alla produzione diano all’OPEC+ il controllo sui prezzi del petrolio e assicurino entrate petrolifere sufficienti per proteggere il loro paese dalla recessione.

“Il rischio macroeconomico sta peggiorando continuamente, quindi devono rispondere”, ha affermato Cahill. “Sono consapevoli che un taglio irriterà Washington, ma stanno gestendo il mercato”.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Reporting di Steve Holland, Timothy Gardner e Jarrett Renshaw a Washington; Dmitry Zhdannikov a Londra, Aziz El Yaakoubi a Riyadh, Ghaida Ghantous a Dubai e Ahmed Tolba al Cairo. Montaggio di Heather Timmons, David Gregorio e Jane Merriman

I nostri standard: I principi di fiducia di Thomson Reuters.