Agosto 10, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Il Regno Unito supera i 40 gradi Celsius per la prima volta: aggiornamenti in tempo reale sull’ondata di caldo

Due mesi fa, la Francia ha vissuto il maggio più caldo mai registrato, con livelli record in alcune città. Il mese scorso, la Francia è stata nuovamente colpita da un’ondata di caldo primaverile che ha colpito anche Spagna, Italia e altri paesi. Poi, questo mese, la Polonia e altre parti dell’Europa orientale hanno sofferto durante un periodo di caldo estremo.

Ora le temperature in tutta Europa stanno salendo ancora una volta, a tre cifre o quasi dalla Spagna alle isole britanniche e si stanno diffondendo verso est. Gli incendi sono alimentati dal caldo brucia in molti paesie gran parte del continente è nel tormenti di una lunga siccità.

E mancano ancora due mesi di estate.

Gli scienziati affermano che il caldo estremo persistente già quest’anno è in linea con una tendenza. Le ondate di calore in Europa, dicono, stanno aumentando di frequenza e intensità a un ritmo più veloce di quasi qualsiasi altra parte del pianeta, compresi gli Stati Uniti occidentali.

Il riscaldamento globale gioca un ruolo, così come nelle ondate di calore in tutto il mondo, perché le temperature sono in media di circa 2 gradi Fahrenheit (1,1 gradi Celsius) più alte di quanto non fossero alla fine del 19° secolo, prima delle emissioni di anidride carbonica e altri intrappolamenti di calore i gas si sono diffusi. Quindi il calore estremo decolla da un punto di partenza più alto.

Ma oltre a questo, ci sono altri fattori, alcuni che coinvolgono la circolazione dell’atmosfera e dell’oceano, che possono rendere l’Europa un punto caldo per l’ondata di caldo.

Credito…Emilio Fraile/Europa Press, tramite Associated Press

Non ci sono due ondate di calore esattamente uguali. Le attuali temperature torride che ha raggiunto in Inghilterra e Galles lunedì sono stati causati in parte da una regione di bassa pressione dell’aria di livello superiore che è rimasta bloccata per giorni al largo delle coste del Portogallo. È noto come “cutoff low” nel gergo degli scienziati atmosferici, perché è stato tagliato fuori da un fiume di venti occidentali, la corrente a getto di media latitudine, che circonda il pianeta ad alta quota.

READ  Le inondazioni del Kentucky ne uccidono almeno 28 - "È tutto finito"

Le zone di bassa pressione tendono ad attirare aria verso di loro. In questo caso, la zona di bassa pressione ha costantemente attirato aria dal Nord Africa verso di essa e in Europa. “Sta pompando aria calda verso nord”, ha detto Kai Kornhuber, ricercatore del Lamont-Doherty Earth Observatory, parte della Columbia University.

Dott. Kornhuber ha contribuito ad a studio pubblicato questo mese che ha rilevato che le ondate di calore in Europa sono aumentate di frequenza e intensità negli ultimi quattro decenni e ha collegato l’aumento almeno in parte ai cambiamenti nella corrente a getto. I ricercatori hanno scoperto che molte ondate di calore europee si sono verificate quando la corrente a getto si è temporaneamente divisa in due, lasciando un’area di venti deboli e aria ad alta pressione tra i due rami che favorisce l’accumulo di calore estremo.

Efi Rousi, uno scienziato senior presso l’Istituto di Potsdam per la ricerca sul clima in Germania e l’autore principale dello studio, ha affermato che l’attuale ondata di caldo sembra essere collegata a un tale “doppio getto”, che secondo lei è stato in atto in Europa per le ultime due settimane. Ciò avrebbe potuto portare alla creazione del limite minimo, il dott. ha detto Rousi, oltre a una zona di deboli venti sull’Europa che ha permesso al caldo di persistere.

“Sembra che questo stia davvero favorendo l’accumulo di questa ondata di caldo”, ha detto.

Potrebbero esserci altri motivi per cui l’Europa sta assistendo a ondate di calore sempre maggiori e più persistenti, sebbene alcune di queste siano attualmente oggetto di dibattito tra gli scienziati. La variabilità climatica naturale può rendere difficile l’individuazione di influenze specifiche, ha affermato il dott. ha detto Rousey.

READ  Esplorare mondi misteriosi in "The Hunt for Planet B"

Dott. Kornhuber ha affermato che il riscaldamento nell’Artico, che si sta verificando molto più velocemente di altre parti del mondo, potrebbe avere un ruolo. Poiché l’Artico si riscalda a una velocità maggiore, la differenza di temperatura tra esso e l’equatore diminuisce. Ciò porta a una diminuzione dei venti estivi, che ha l’effetto di far persistere più a lungo i sistemi meteorologici. “Vediamo un aumento della persistenza”, ha detto.

Ci sono anche indicazioni che i cambiamenti in una delle principali correnti oceaniche del mondo, la Circolazione Capovolgente Meridionale Atlantico, può influenzare il clima dell’Europa. Dott. Rousi ha pubblicato l’anno scorso un articolo che ha mostrato, utilizzando simulazioni al computer, che un indebolimento della corrente mentre il mondo si riscaldava causerebbe cambiamenti nella circolazione atmosferica portando a estati più secche in Europa.

Come in altre parti del mondo, un’ondata di caldo in Europa può rendere più probabile che altri si verifichino nella stessa area, perché un periodo di caldo estremo asciuga il suolo.

Quando c’è dell’umidità nel terreno, parte dell’energia del sole viene utilizzata per far evaporare l’acqua, portando a un leggero effetto rinfrescante. Ma quando un’ondata di caldo spazza via quasi tutta l’umidità del suolo, c’è poco da evaporare quando arriva la successiva ondata di aria calda. Quindi più energia del sole cuoce la superficie, aggiungendosi al calore.

Raymond Zhong reportage contribuito.