Novembre 30, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Il Qatar vieta la vendita di birra negli stadi dei Mondiali

DOHA, Qatar — La minuscola ma favolosamente ricca nazione del Golfo del Qatar ha passato 12 anni a prepararsi per ospitare la Coppa del Mondo di calcio, una maratona di pianificazione e pazienza durante la quale ha ridisegnato un’intera nazione costruendo stadi e hotel, strade e marciapiedi, persino un scintillante nuovo sistema di metropolitana.

Tuttavia, non è stato fino a venerdì che ha finalmente deciso cosa fare riguardo alla vendita di birra durante il torneo, e la sua decisione – con costernazione del circa un milione di fan che arriveranno nei prossimi giorni – è stata quella di vietare la vendita di negli otto stadi dell’evento.

La decisione, annunciato dalla Fifal’organo di governo globale del calcio, è stato un brusco voltafaccia del Qatar, e l’ultimo punto di infiammabilità nello scontro culturale in corso inerente alla messa in scena del torneo in una piccola monarchia mediorientale conservatrice.

Da quando il Qatar ha sorprendentemente ottenuto i diritti di ospitare la Coppa del Mondo più di un decennio fa, gli organizzatori locali e i leader mondiali del calcio hanno insistito sul fatto che la birra – un appuntamento fisso negli eventi sportivi di tutto il mondo, ma strettamente controllata in Qatar – sarebbe stata disponibile per gli appassionati. Due giorni prima della prima partita dell’evento, però, quel messaggio è cambiato.

Invece, i funzionari del Qatar hanno deciso che le uniche bevande che saranno in vendita ai tifosi durante le partite durante il mese di Coppa del Mondo saranno analcoliche.

Non è chiaro cosa abbia spinto il divieto così vicino al torneo, ma l’improvviso cambiamento è stato in linea con la politica in continua evoluzione del torneo nei confronti dell’alcol e la sua disponibilità per i fan che assistono alle partite. I piani sono stati ripetutamente elaborati e poi rivisti, e poi rifatti di nuovo – un possibile segnale che la politica interna o persino l’influenza della famiglia reale stavano giocando un ruolo.

“A seguito di discussioni tra le autorità del paese ospitante e la FIFA, è stata presa la decisione di concentrare la vendita di bevande alcoliche sul FIFA Fan Festival, altre destinazioni per i fan e luoghi autorizzati”, ha affermato la FIFA. La decisione, ha affermato, richiederebbe “la rimozione dei punti vendita di birra dai perimetri dello stadio della Coppa del Mondo FIFA 2022 del Qatar”.

Ai membri del personale, secondo tre persone a conoscenza diretta di quel precedente cambiamento, è stato detto che la mossa ha seguito i consigli di sicurezza. Ma la convinzione che il cambiamento avesse avuto origine con lo sceicco Jassim bin Hamad bin Khalifa al-Thani – il fratello dell’emiro al potere del Qatar e il reale più attivo nella pianificazione quotidiana del torneo – suggeriva che non fosse negoziabile.

Ora la birra non sarà semplicemente nascosta alla vista: non sarà affatto disponibile per i fan.

Il divieto è l’ultimo e più drammatico punto di contesa tra FIFA e Qatar, che avevano cercato e vinto il diritto di ospitare la Coppa del Mondo come parte di un ambizioso sforzo per annunciarsi sulla scena globale. Nelle ultime settimane, i leader del governo del Qatar, compreso l’emirohanno montato una difesa sempre più stridente della loro nazione.

Ma la loro ultima inversione a U farà infuriare i fan; lasciare gli organizzatori che si affannano ad adeguarsi; e complicare l’accordo di sponsorizzazione da 75 milioni di dollari della FIFA con Budweiser.

Budweiser è stata una presenza onnipresente ai Mondiali sin dalla prima firma come sponsor della FIFA un anno prima della Coppa del Messico del 1986, e ancora una volta aveva pianificato di essere una presenza importante in Qatar.

Venerdì aveva già rilevato il lussuoso W Hotel in uno dei quartieri più esclusivi di Doha, dove aveva in programma di ospitare gli ospiti e offrire loro proiezioni dal vivo di partite e birra.

Ma non è stato in grado di fermare il divieto del Qatar sui suoi prodotti, il che ha anche suggerito che la FIFA, che ha affrontato anni di aspre critiche per la sua decisione di portare il suo campionato di punta nel paese, potrebbe non avere più il pieno controllo delle decisioni importanti relative al evento.

Un decennio fa, ad esempio, l’ente calcistico fece pressioni sul Brasile, che ospitava i Mondiali del 2014, proprio per il risultato opposto: appoggiarsi al governo brasiliano per modificare una legge che consenta la vendita di birra negli stadi, pratica vietata in Brasile dal 2003.

In Qatar la Fifa si è invece piegata alle richieste del Paese ospitante. Ciò ha sollevato la possibilità che altre promesse contrarie alle leggi e ai costumi locali, tra cui questioni come la libertà di stampa, le proteste di strada e i diritti dei visitatori LGBTQ+, non fossero così solide come hanno affermato il Qatar e la FIFA.

La Football Supporters’ Association, un gruppo di difesa dei tifosi con sede in Gran Bretagna, ha criticato la decisione.

“Ad alcuni tifosi piace una birra durante una partita e ad altri no, ma il vero problema è l’inversione di marcia dell’ultimo minuto che parla di un problema più ampio: la totale mancanza di comunicazione e chiarezza da parte del comitato organizzatore nei confronti dei tifosi”, ha detto il gruppo. detto in un comunicato.

READ  Gli esperti legali I giudici del seggio di Kyle Rittenhouse decidono il suo destino alla lotteria

“Se possono cambiare idea su questo in un attimo, senza alcuna spiegazione, i tifosi avranno comprensibili preoccupazioni sul fatto che manterranno altre promesse relative all’alloggio, ai trasporti o alle questioni culturali”.

Il divieto di consumo di alcol sembrava valere solo per i tifosi che assistevano alle partite. Birra e altre bevande, comprese uno champagne ufficiale della FIFA e una serie di vini selezionati da sommelier, saranno ancora disponibili nelle lussuose suite dello stadio riservate ai funzionari della FIFA e ad altri ospiti facoltosi.

Il Qatar ha affrontato il tema dell’alcol sin da quando la piccola nazione del Golfo ha ottenuto i diritti di ospitare la Coppa del Mondo nel 2010. L’alcol è disponibile nel paese, ma le vendite sono strettamente controllate. La maggior parte dei visitatori, anche prima della Coppa del Mondo, poteva acquistare birra e altre bevande alcoliche solo nei bar degli hotel di lusso ea prezzi insolitamente alti.

Gli organizzatori della Coppa del Mondo sembravano desiderosi di placare Budweiser e la sua società madre, la multinazionale belga Anheuser-Busch InBev, affermando: “Gli organizzatori del torneo apprezzano la comprensione e il continuo supporto di AB InBev al nostro impegno congiunto per soddisfare tutti”.

Inizialmente, l’unica dichiarazione pubblica dell’azienda è stata ironica dal suo account Twitter, che ha scritto: “Beh, questo è imbarazzante …” Il tweet è stato cancellato circa 90 minuti dopo, poco prima che venisse rilasciata la dichiarazione della FIFA.

Successivamente, un rappresentante della società ha dichiarato che avrebbe dovuto annullare alcuni dei suoi piani di marketing per la Coppa del Mondo “a causa di circostanze al di fuori del nostro controllo”.

La scorsa settimana, gli organizzatori del Qatar hanno cercato di minimizzare la crescente tensione sulle vendite di birra, un appuntamento fisso dei Mondiali da generazioni, affermando che i piani operativi erano ancora in fase di definizione e che erano ancora in corso modifiche nella “posizione di alcune aree dei tifosi. ” La sua dichiarazione ha anche rilevato che “i tempi di colata e il numero di destinazioni di colata” sono rimasti gli stessi in tutti e otto gli stadi.

Budweiser, che paga alla FIFA i 75 milioni di dollari per ogni ciclo quadriennale di Coppa del Mondo, aveva detto che stava lavorando con gli organizzatori “per trasferire i punti vendita in concessione nelle località come indicato”.

Il piano più recente significa che le tende rosse del birraio potrebbero non essere visibili in tutti gli stadi circostanti; Si stanno prendendo in considerazione sostituzioni bianche senza marchio. È probabile che i frigoriferi nei famosi colori rossi dell’azienda vengano sostituiti da quelli blu, il colore associato al marchio analcolico di Budweiser, Budweiser Zero.