Maggio 24, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Il primo ministro neozelandese Jacinta Ardern ha annullato il suo matrimonio tra le nuove restrizioni di Omicron

SYDNEY, 23 gennaio (Reuters) – Il primo ministro neozelandese Jacintha Orton ha annullato il suo matrimonio poiché il Paese ha imposto nuove restrizioni per frenare la diffusione sociale della variante Covit-19 Omigran, ha detto domenica ai giornalisti.

La Nuova Zelanda imporrà le regole delle maschere a partire dalla mezzanotte di domenica e tratterà la folla dopo che nove casi di Omigran del governo 19 hanno mostrato che la comunità si è diffusa dal nord alle isole meridionali dopo un matrimonio.

Una famiglia tornò a Nelson, nell’Isola del Sud, dopo aver partecipato a un matrimonio e ad altri eventi ad Auckland, nell’Isola del Nord. Test positivo per la famiglia e un assistente di volo.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

La Nuova Zelanda, sotto la sua struttura di difesa Govt-19, passerà a un sistema rosso più mascherato. Eventi come eventi di ospitalità al chiuso come bar e ristoranti e matrimoni sono limitati a 100 persone. Orton ha affermato che il limite sarebbe ridotto a 25 persone se il pass per il vaccino non viene utilizzato.

“Il mio matrimonio non accadrà”, ha detto ai giornalisti. Artern non ha rivelato la data del suo matrimonio, ma circolavano voci che fosse imminente.

Il primo ministro neozelandese Jacintha Artern parla a una conferenza stampa sull’epidemia del virus Corona (COVID-19) a Wellington, in Nuova Zelanda, il 17 febbraio 2021. REUTERS / Praveen Menon

Quando i giornalisti gli hanno chiesto come si sentiva in merito all’annullamento del suo matrimonio con Clark Cafford, un partner di lunga data e presentatore del programma di pesca, Ardern ha risposto: “Questa è la vita”.

READ  Classifica del campionato PGA 2022: copertura in diretta, punteggio Tiger Woods, punteggi del golf oggi nel Round 1

Ha aggiunto: “Non sono diverso dalle migliaia di altri neozelandesi che hanno subito gli effetti più devastanti dell’epidemia, a volte l’incapacità di stare con una persona cara.

I confini della Nuova Zelanda sono chiusi agli stranieri da marzo 2020. Il governo ha posticipato i piani per la riapertura graduale da metà gennaio a fine febbraio a causa delle preoccupazioni per una possibile eruzione di Omigron nella vicina Australia.

Coloro che possono recarsi in Nuova Zelanda con le limitate eccezioni devono presentare domanda per soggiornare in strutture isolate gestite dal governo. La scorsa settimana il governo ha smesso di offrire nuovi seggi a causa dell’aumento del numero di persone che arrivano con Omicron.

Circa il 94% della popolazione della Nuova Zelanda di età superiore ai 12 anni è stata completamente vaccinata e il 56% di quelli idonei ha ricevuto colpi di richiamo.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Rapporto di Kirsty Needham; Cynthia Asterman, montaggio

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.