Novembre 30, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Il primo caso della variante del virus corona Omicron è stato segnalato nella Cina continentale

Il caso è stato segnalato martedì nella città meridionale di Guangzhou, un giorno dopo che i funzionari sanitari della città portuale settentrionale di Tianjin hanno dichiarato di aver rilevato la prima infezione di Omigran in Cina, un caso di un viaggiatore straniero.

Tianjin è stato identificato come portatore asintomatico quando è arrivato il caso. L’individuo era già in isolamento, mentre la sequenza genetica ha confermato che aveva una variante omigran – la variante non è stata rivelata direttamente alla gente del posto.

Nel secondo caso, un uomo di 67 anni è entrato in Cina il 27 novembre a Shanghai ed è stato sottoposto a due settimane di isolamento centralizzato, durante le quali è stato ripetutamente testato nuovamente negativo. L’uomo ha quindi volato su un volo CA1837 dell’Air China da Shanghai a Guangzhou. Con tutti i posti economici tolti e solo sei posti rimasti in business class, i dipendenti di Air China hanno confermato alla CNN che l’aereo era quasi pieno.

La persona è poi entrata in isolamento domiciliare. È stato riesaminato il 12 – 15 dicembre dopo il primo arrivo in Cina e la mattina presto del 13 dicembre i risultati si sono rivelati positivi. È stato quindi confermato che la sequenza genetica è stata rivista dai Centri cinesi per il controllo e la prevenzione delle malattie. Secondo i funzionari, la variante Omigron.

A differenza del caso di Tianjin, la persona è stata identificata come avente un caso confermato, il che significa che ha dei sintomi. Le autorità dicono che è attualmente isolato e curato in ospedale. Dopo la sua diagnosi, 10.544 persone collegate a quella persona sono state testate per il virus – finora tutti i risultati sono stati negativi.

Le autorità cinesi non hanno rilasciato informazioni su quando, dove e come il virus si è diffuso a quella persona. In media, una persona impiega dai 5 ai 6 giorni per sviluppare i sintomi di un’infezione virale, anche se possono essere necessari fino a 14 giorni. Organizzazione mondiale della Sanità.

Non si sa molto della variante Omigran a rapida diffusione, compreso il suo periodo di incubazione. Gli scienziati sono preoccupati che questa variante possa avere un numero insolitamente alto di mutazioni, rendendola più contagiosa e meno suscettibile ai vaccini esistenti.

READ  "Quad-State Tornado" attraversa quattro stati in quattro ore, un raro uragano di dicembre

Il mese scorso, Omigron ha identificato due passeggeri che tornavano in stanze separate sullo stesso piano di un hotel isolato designato a Hong Kong, i principali scienziati ritengono che possa essere passato attraverso l’aria nel corridoio.

Davanti agli esperti cinesi di sanità pubblica e ai media statali Ha dato voce con fiducia Citando le dure misure di controllo delle frontiere della Cina e la sua capacità di rilevare e isolare rapidamente i casi delle vittime e i loro stretti legami, la capacità del paese di affrontare la nuova variazione.

In Cina, prima di lasciare l’aeroporto, tutti gli stranieri devono essere sottoposti a un test Covit, seguito da almeno due settimane di isolamento. Questo è spesso seguito da un altro lungo periodo di isolamento in casa. Durante tutto il processo, ai visitatori internazionali è impedito di interagire con la comunità più ampia fino al completamento del necessario processo di isolamento.

Ma l’ambiziosa strategia di tolleranza zero della Cina, composta da test di massa, blocchi improvvisi e ampio isolamento, comporta enormi costi economici e nessuna interruzione della vita quotidiana.

Pechino ospiterà le Olimpiadi invernali a febbraio. Con l’avvicinarsi dell’evento, le autorità stanno cercando misure più drastiche per prevenire esplosioni locali, che continuano a scoppiare con crescente frequenza. Il paese ha ora segnalato casi che si sono diffusi a livello nazionale ogni giorno nelle ultime otto settimane.

La Cina è

Martedì, sono stati segnalati 44 nuovi casi nella provincia orientale di Zhejiang, sede dei principali centri di produzione ed esportazione del paese, portando il totale a oltre 200 casi nell’ultima settimana.

Le autorità nelle aree colpite dal virus hanno rapidamente isolato decine di migliaia di residenti, fermato attività commerciali, eventi e gruppi turistici e cancellato voli, barche e servizi di autobus.

READ  Guarda la piovosa settimana di Natale dal fiume atomico di San Diego - NBC 7 San Diego

Le restrizioni ai viaggi nelle aree a medio e alto rischio rimarranno in vigore fino al 15 marzo del prossimo anno, subito dopo la fine delle Olimpiadi invernali, quando si concluderà l’assemblea legislativa annuale del Paese a Pechino.

L’eliminazione delle epidemie dalla capitale cinese è una priorità assoluta per il governo mentre la città si prepara allo sport. Tutti i voli da Ningbo, importante polo industriale, a Pechino sono stati cancellati, mentre è stato consentito un solo volo giornaliero dal capoluogo di provincia, Hangzhou, a Pechino.

Si registrano contagi anche in altre parti del Paese. Nel nord, 5 casi sintomatici e 4 infezioni asintomatiche sono stati segnalati nella Mongolia interna, mentre le province di Heilongjiang e Shanxi hanno riportato ciascuna un caso confermato.

Nella provincia meridionale del Guangdong, lunedì due persone sono risultate positive presso lo stabilimento di produzione di Tongguan, il che ha innescato un blocco locale.