Maggio 27, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Il petrolio scende del 4%, sotto i 100 dollari al rilascio delle riserve, la Cina si blocca

Un martinetto per pompa di petrolio e gas è visto vicino a Granum, Alberta, Canada, 6 maggio 2020. REUTERS / Todd Korol / file foto

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

  • I membri dell’AIE rilasceranno 60 milioni di barili in 6 mesi
  • Continuano i lockdown per il coronavirus cinese
  • Il dollaro USA è sulla buona strada per salire per l’8° giorno al massimo da maggio 2020

NEW YORK, 11 aprile (Reuters) – Il prezzo del petrolio è sceso lunedì di circa il 4%, con il greggio Brent che è sceso sotto i 100 dollari al barile per i piani per il rilascio di volumi record di greggio e prodotti petroliferi da titoli strategici e per i continui blocchi del coronavirus in Cina.

I future sul Brent sono scesi di $ 3,82, o del 3,7%, a $ 98,96 al barile entro le 11:44 EDT (1544 GMT). Il greggio statunitense West Texas Intermediate (WTI) è sceso di $ 3,50, o del 3,6%, a $ 94,76.

Il WTI era sulla buona strada per la sua chiusura più bassa da febbraio. Il 25, il giorno dopo che le forze russe hanno invaso l’Ucraina, un’azione che Mosca chiama “operazione militare speciale”.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Il Brent era sulla buona strada per la sua chiusura più bassa dal 16 marzo.

Per compensare una carenza di greggio russo dopo che Mosca è stata colpita dalle sanzioni, i paesi membri dell’Agenzia internazionale per l’energia (IEA) rilasceranno 60 milioni di barili nei prossimi sei mesi oltre ai 180 milioni di barili che gli Stati Uniti hanno dichiarato che avrebbero rilasciato. leggi di più

READ  Perché l'offerta su Twitter di Musk ha scosso gli investitori di Tesla

“Il rilascio di riserve petrolifere strategiche del governo dovrebbe allentare una certa rigidità del mercato nei prossimi mesi, riducendo la necessità che i prezzi del petrolio aumentino per innescare una distruzione della domanda a breve termine”, ha affermato l’analista di UBS Giovanni Staunovo.

Bank of America ha mantenuto le sue previsioni per il greggio Brent a una media di $ 102 al barile per il 2022-23. Anche la banca d’affari svizzera UBS ha abbassato le sue previsioni sul Brent di giugno di $ 10 a $ 115 al barile.

Secondo gli analisti di JP Morgan, il rilascio dei volumi della Strategic Petroleum Reserve (SPR) è pari a 1,3 milioni di barili al giorno (bpd) nei prossimi sei mesi, abbastanza per compensare una carenza di 1 milione di bpd della fornitura di petrolio russo.

Quei rilasci SPR potrebbero portare i prezzi WTI per la consegna a breve termine al di sotto di quelli per i contratti a più lunga scadenza, ha affermato Robert Yawger, direttore esecutivo dei futures sull’energia di Mizuho. Quando i prezzi per i primi mesi sono inferiori a quelli per i mesi futuri, il mercato è in contango. Al contrario, all’inizio di marzo, la curva WTI in quello che Yawger ha chiamato “super-backwardation” con ogni mese almeno 1 $ al barile in meno rispetto al mese precedente fino a novembre 2023.

Sotto pressione anche i prezzi del greggio, il dollaro USA (.DXY) era sulla buona strada per rafforzarsi per l’ottavo giorno consecutivo contro un paniere di altre valute. Un dollaro più forte rende il petrolio più costoso per i detentori di altre valute.

Il mercato ha anche seguito gli sviluppi in Cina, dove le autorità hanno tenuto Shanghai, una città di 26 milioni di persone, rinchiusa sotto la sua politica di “tolleranza zero” per COVID-19. leggi di più

READ  La nuova immagine satellitare mostra ingenti danni al teatro Mariupol dopo il bombardamento

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskiy ha affermato che migliaia di truppe russe si stanno ammassando per una nuova offensiva nell’est e la Russia ha affermato che non interromperà le sue operazioni militari in Ucraina per ulteriori colloqui di pace. leggi di più

L’esecutivo dell’Unione europea (UE) sta elaborando proposte per un possibile embargo petrolifero dell’UE sulla Russia, hanno affermato i ministri degli esteri di Irlanda, Lituania e Paesi Bassi, sebbene non vi sia ancora un accordo per vietare il greggio russo. leggi di più

Il governo giapponese ha chiesto alle compagnie elettriche di aumentare le loro riserve di gas naturale liquefatto (GNL) e condividere le risorse energetiche, ha detto una persona che ha familiarità con il piano di emergenza, poiché le morti di civili in Ucraina spingono Tokyo a fermare le importazioni russe di carburante. leggi di più

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Rapporti aggiuntivi di Bozorgmehr Sharafedin a Londra, Florence Tan e Isabel Kua a Singapore e David Gaffen a New York; Montaggio di David Goodman, Mark Potter e David Gregorio

I nostri standard: I principi di fiducia di Thomson Reuters.