Novembre 30, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Il petrolio salta dopo che l’Arabia Saudita ha aumentato i prezzi del greggio

MELBOURNE (Reuters) – I prezzi del petrolio sono aumentati di oltre $ 2 all’inizio degli scambi lunedì dopo che l’Arabia Saudita ha aumentato drasticamente i prezzi per le sue vendite di greggio a luglio, un indicatore di quanto sia scarsa l’offerta anche dopo che l’OPEC + ha accettato di accelerare i suoi aumenti della produzione nel prossimo due mesi.

I future sul greggio Brent sono aumentati di $ 1,80, o dell’1,5%, a $ 121,52 al barile alle 2319 GMT dopo aver toccato un massimo intraday di $ 121,95, estendendo un guadagno dell’1,8% rispetto a venerdì.

I future sul greggio US West Texas Intermediate (WTI) sono aumentati di $ 1,63, o 1,4%, a $ 120,50 al barile dopo aver toccato il massimo di tre mesi di $ 120,99. Il contratto ha guadagnato l’1,7% venerdì.

L’Arabia Saudita ha alzato il prezzo ufficiale di vendita (OSP) del suo greggio leggero arabo di punta in Asia portandolo a un premio di $ 6,50 rispetto alla media dei benchmark di Oman e Dubai, rispetto a un premio di $ 4,40 di giugno, ha affermato domenica il produttore petrolifero statale Aramco .

La mossa è arrivata nonostante la decisione della scorsa settimana da parte dell’Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio e dei suoi alleati, chiamati insieme OPEC+, di aumentare la produzione a luglio e agosto di 648.000 barili al giorno, ovvero il 50% in più rispetto a quanto pianificato in precedenza.

“Pochi giorni dopo aver aperto i rubinetti un po’ più ampi, l’Arabia Saudita ha perso poco tempo aumentando il suo prezzo di vendita ufficiale per l’Asia, il suo mercato primario… vedendo effetti a catena sui futures aperti in tutto lo spettro del mercato petrolifero”, ha affermato SPI Asset Management ha detto il partner Stephen Innes in una nota.

READ  La Columbia Britannica vede aumentare il numero delle vittime delle inondazioni; Ottawa promette aiuto

L’Arabia Saudita ha anche aumentato l’OSP di Arab Light nell’Europa nord-occidentale a $ 4,30 sopra ICE Brent per luglio, da un premio di $ 2,10 di giugno. Tuttavia, ha mantenuto stabile il premio per i barili diretti negli Stati Uniti a $ 5,65 al di sopra dell’indice Argus Sour Crude (ASCI).

La mossa dell’OPEC + per anticipare gli aumenti della produzione è ampiamente considerata improbabile che soddisfi la domanda poiché diversi paesi membri, inclusa la Russia, non sono in grado di aumentare la produzione, mentre la domanda è in aumento negli Stati Uniti durante l’alta stagione trainante e la Cina sta allentando i blocchi COVID.

“Sebbene tale aumento sia assolutamente necessario, non è all’altezza delle aspettative di crescita della domanda, in particolare con il divieto parziale dell’UE sulle importazioni di petrolio russo”, ha affermato in una nota l’analista della Commonwealth Bank Vivek Dhar.

(Segnalazione di Sonali Paul a Melbourne; Montaggio di Sam Holmes)