Maggio 25, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Il petrolio raggiunge i massimi da 7 anni, alimentato dall’accumulo di truppe russe vicino all’Ucraina

Il sole è visto dietro un martinetto della pompa del petrolio greggio nel bacino del Permiano nella contea di Loving, Texas, USA, 22 novembre 2019. REUTERS / Angus Mordant // File Photo

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

  • Brent, WTI ha raggiunto i livelli più alti in più di 7 anni
  • L’Ucraina accenna a concessioni alla Russia
  • Il capo dell’AIE fa pressioni sull’OPEC + per raggiungere l’obiettivo di fornitura dichiarato

NEW YORK, 14 febbraio (Reuters) – I prezzi del petrolio sono saliti lunedì ai massimi da oltre sette anni, mentre crescevano i timori che la Russia potesse attaccare l’Ucraina nel prossimo futuro.

Il greggio Brent è salito di 55 centesimi a $ 94,99 al barile alle 13:18 EST (1817 GMT), dopo aver toccato il suo massimo da ottobre 2014 a $ 96,16.

Il greggio statunitense West Texas Intermediate (WTI) è salito di 85 cent a 93,95 dollari al barile, dopo aver toccato i 94,94 dollari, il valore più alto da settembre 2014.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

I commenti degli Stati Uniti su un imminente attacco della Russia all’Ucraina hanno sconvolto i mercati finanziari globali.

La Russia potrebbe invadere l’Ucraina in qualsiasi momento e potrebbe creare un pretesto a sorpresa per un attacco, hanno affermato domenica gli Stati Uniti. La nazione ha ammassato migliaia di truppe vicino ai confini dell’Ucraina, ma Mosca nega di voler invadere e ha accusato l’Occidente di isteria. Per saperne di più

Il mercato petrolifero si è raffreddato brevemente dopo che l’ambasciatore ucraino Vadym Prystaiko ha affermato che l’Ucraina era pronta a fare alcune concessioni alla Russia. Tuttavia, i prezzi hanno ripreso il loro slancio al rialzo subito dopo. Per saperne di più

READ  La studentessa del SUNY di Potsdam Elizabeth Howel è stata uccisa vicino alla scuola, Michael Snow è stato arrestato

“Nonostante abbiamo parlato di ulteriori negoziati, il mercato non è del tutto convinto che il conflitto tra Russia e Ucraina sia fuori discussione”, ha affermato Phil Flynn, analista di Price Futures Group.

La Russia è uno dei maggiori produttori di petrolio greggio, con una capacità di circa 11,2 milioni di barili al giorno, ha affermato Nishant Bhushan, analista senior del mercato petrolifero di Rystad Energy.

“Qualsiasi interruzione dei flussi di petrolio dalla regione farebbe salire alle stelle i prezzi del Brent e del WTI ben al di sopra dei $ 100, in un mercato che lotta per soddisfare la crescente domanda di greggio mentre le economie si stanno riprendendo dalla pandemia”, ha affermato Bhushan.

Le forniture sono aumentate poiché l’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC) e i suoi alleati, un gruppo noto come OPEC +, hanno lottato per mantenere impegni mensili per aumentare la produzione di 400.000 barili al giorno (bpd) fino a marzo.

Il capo dell’Agenzia internazionale per l’energia (AIE) Fatih Birol ha esortato l’OPEC + a colmare il divario tra le parole e le sue azioni. Per saperne di più

L’AIE ha affermato che il divario si è ampliato tra l’obiettivo OPEC + e la produzione effettiva.

Gli investitori stanno anche osservando i colloqui tra gli Stati Uniti e l’Iran. Il ministro degli Esteri iraniano ha affermato che l’Iran ha “fretta” di raggiungere un rapido accordo nei colloqui sul nucleare a Vienna, a condizione che i suoi interessi nazionali siano tutelati. Per saperne di più

“Un accordo nucleare tra Stati Uniti e Iran potrebbe rilasciare 1,3 milioni di barili di approvvigionamento, ma questo non sarà sufficiente per allentare i vincoli di approvvigionamento”, ha affermato Pratibha Thaker, direttore editoriale dell’Economist Intelligence Unit per il Medio Oriente e l’Africa.

READ  Kraft ti pagherà per non fare la cheesecake durante le festività natalizie
Brent/gas
Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Reportage di Stephanie Kelly a New York; Rapporti aggiuntivi di Bozorgmehr Sharafedin a Londra e Florence Tan a Singapore; Montaggio di David Gregorio e David Holmes

I nostri standard: I principi di fiducia di Thomson Reuters.