Novembre 30, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Il petrolio cade sull’allarme COVID-19 di Pechino, preoccupazioni sull’inflazione Di Reuters

© Reuters. FILE PHOTO: Le piattaforme petrolifere sono viste alla perforazione di petrolio e gas di scisto Vaca Muerta, nella provincia patagonica di Neuquen, Argentina, 21 gennaio 2019. REUTERS / Augustin Marcarian / File Photo

Di Alex Lawler

LONDRA (Reuters) – Il petrolio è sceso lunedì di circa 2 dollari al barile a causa della riacutizzazione dei casi di COVID-19 a Pechino, che ha intaccato le speranze di un rimbalzo della domanda cinese, mentre le preoccupazioni per ulteriori aumenti dei tassi di interesse per controllare l’inflazione dilagante hanno aggiunto ulteriore pressione.

Il distretto più popolare di Pechino, Chaoyang, ha annunciato tre cicli di test di massa per sedare una “feroce” epidemia di COVID-19 emersa la scorsa settimana. Le prove di massa si sarebbero svolte fino a mercoledì.

è sceso di $ 1,86, o dell’1,5%, a $ 120,15 alle 09:07 GMT, mentre il greggio US West Texas Intermediate è sceso di $ 2,15, o dell’1,8%, a $ 118,52.

“L’attuale calo dei prezzi è esacerbato dagli avvertimenti di una diffusione ‘feroce’ del virus COVID a Pechino da parte dei funzionari, che mettono in dubbio l’immediata ripresa della domanda”, ha affermato Tamas Varga del broker petrolifero PVM.

La preoccupazione per ulteriori aumenti dei tassi, aggravata dai dati sull’inflazione statunitense di venerdì, che mostrano che l’indice dei prezzi al consumo negli Stati Uniti è aumentato dell’8,6% il mese scorso, ha anche spinto il petrolio al ribasso e ha pesato su tutti i mercati finanziari. [MKTS/GLOB]

I dati mettono in allerta i mercati sul fatto che la Federal Reserve potrebbe inasprire la politica per troppo tempo e causare un forte rallentamento. La prossima decisione politica della Fed è mercoledì.

READ  Playoff NBA 2022 - LeBron, Kevin Love e altri reagiscono al thriller Brooklyn Nets-Boston Celtics Game 1

Il petrolio è aumentato nel 2022 poiché l’invasione russa dell’Ucraina ha aggravato le preoccupazioni sull’offerta e la domanda di petrolio si è ripresa dai blocchi del COVID. Il Brent ha raggiunto i 139 dollari, il massimo dal 2008, a marzo, ed entrambi i benchmark petroliferi sono aumentati di oltre l’1% la scorsa settimana.

L’offerta rimane scarsa, con l’OPEC e i suoi alleati che non sono in grado di fornire pienamente l’aumento della produzione promesso a causa della mancanza di capacità in molti produttori, delle sanzioni alla Russia e della produzione in Libia più o meno dimezzata dai disordini.

“Le dinamiche domanda/offerta rimangono favorevoli ai prezzi”, ha affermato Jeffery Halley dell’agenzia di intermediazione OANDA, che considera improbabile un’estesa vendita di petrolio “a meno che i mercati statunitensi non si muovano per quotare in una recessione in piena regola” e non ci siano nuovi blocchi in Cina .