Maggio 24, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Il nuovo audio rivela che McCarthy ha affermato che Trump ha ammesso di essere responsabile dell’attacco al Campidoglio

Una lettura di quella conversazione, avvenuta l’11 gennaio 2021, era stato precedentemente segnalato dalla CNN. Ma due giornalisti del New York Times hanno ottenuto una registrazione audio della teleconferenza per il loro prossimo libro, “This Will Not Pass: Trump, Biden and the Battle for America’s Future”, e l’hanno condivisa con la CNN.

“Ma permettetemi di essere molto chiaro con voi e sono stato molto chiaro con il presidente. Ha la responsabilità delle sue parole e azioni. Nessun se, e né ma”, ha detto McCarthy ai repubblicani della Camera l’11 gennaio 2021, secondo l’audio ottenuto dalla CNN. “Gli ho chiesto personalmente oggi, ha la responsabilità di quello che è successo? Si sente male per quello che è successo? Mi ha detto che ha qualche responsabilità per quello che è successo. E deve riconoscerlo”.

In una chiamata separata il giorno prima, McCarthy ha detto: “L’ho avuto con questo ragazzo. Quello che ha fatto è inaccettabile. Nessuno può difenderlo e nessuno dovrebbe difenderlo”. Gli autori del libro affermano che quei commenti erano in riferimento a Trump.

La CNN ha contattato McCarthy per un commento.

I giornalisti del Times hanno anche rivelato un’altra registrazione bomba questa settimana, in cui si sente McCarthy dire ad altri leader repubblicani della Camera nei giorni successivi al 6 gennaio che aveva intenzione di consigliare a Trump di dimettersi. McCarthy ei suoi aiutanti avevano negato con veemenza che la segnalazione prima che l’audio fosse trapelato.

Un membro della leadership del GOP che ha chiamato McCarthy questa mattina per discutere il file audio rivelato dal New York Times giovedì sera ha affermato di non aver avuto l’impressione che McCarthy sia preoccupato che i commenti o le rivelazioni registrati possano danneggiare in modo significativo il suo futuro politico. Il membro ha detto alla CNN che McCarthy ha detto loro che Trump ha chiamato McCarthy giovedì sera per discuterne e che c’è la sensazione che finché Trump starà bene, McCarthy può gestire qualsiasi indignazione da parte di quelli sul suo fianco destro.

READ  USA - Panama: qualificazioni ai Mondiali 2022 - in diretta! | Calcio

Il membro ha sottolineato che è difficile sostenere che McCarthy non sia abbastanza Trumpy se Trump è ancora con lui.

“Non sembra essere preoccupato per questo”, ha detto il membro di McCarthy. “Capisce che deve essere affrontato, ma non ho la sensazione che sia preoccupato per questo.

La fonte ha anche difeso McCarthy e ha detto alla CNN che nei giorni successivi al 6 gennaio c’era stata una nebbia su cosa sarebbe successo dopo. Il membro ha detto che si è parlato molto del fatto che i senatori repubblicani avrebbero sostenuto la rimozione di Trump dall’incarico e la loro opinione è stata che la divertente richiesta di McCarthy a Trump di dimettersi proveniva da McCarthy che cercava di proteggere Trump dalla disgrazia dell’impeachment.

“La mia lettura sull’ascolto di quell’audio è che McCarthy aveva alcune informazioni che alcuni dei principali senatori stavano pensando di mettere sotto accusa il presidente … stavamo praticamente parlando delle diverse opzioni di ciò che potrebbe accadere”, ha detto la persona.

McCarthy ha rifiutato di collaborare con il comitato della Camera del 6 gennaio, che vuole interrogarlo sulle sue comunicazioni con Trump, il personale della Casa Bianca e altri nella settimana successiva all’insurrezione. McCarthy ha affermato di non avere nulla di rilevante da offrire alla giuria poiché ha già pubblicamente rivelato di aver avuto una telefonata con Trump il 6 gennaio.

McCarthy fece commenti pubblici simili in un’intervista radiofonica locale poco notata una settimana dopo l’insurrezione, di cui la CNN ha riferito all’inizio di quest’anno.

“Dico che ha la responsabilità”, ha detto McCarthy su KERN, una stazione radio locale a Bakersfield, in California, il 12 gennaio dello scorso anno. “Mi ha detto personalmente che ha delle responsabilità. Penso che molte persone lo abbiano”.

All’inizio di quest’anno, McCarthy eluse una domanda durante una conferenza stampa sul fatto che si ricordi di aver detto ai repubblicani della Camera che Trump si era assunto la responsabilità della rivolta del Campidoglio.

Ad oggi, Trump non ha mai accettato pubblicamente alcuna responsabilità per l’attacco. Lo stato d’animo di Trump – e se ha ammesso privatamente qualsiasi colpevolezza per l’insurrezione – è stato di vivo interesse per il comitato ristretto della Camera che indaga sull’attacco al Campidoglio del 6 gennaio.

READ  La Russia intensifica la campagna di censura, facendo pressione sui giganti della tecnologia

Il comitato ristretto vuole anche sapere perché McCarthy da allora ha cambiato la sua opinione su Trump e se Trump o uno qualsiasi dei suoi associati ha chiesto a McCarthy di cambiare tono sul ruolo del presidente nell’attacco e sulle loro conversazioni private.

Gli ultimi commenti di McCarthy hanno suscitato una reazione diffusa venerdì, anche dal presidente Joe Biden.

“Questo non è il Partito Repubblicano di tuo padre. Non è uno scherzo”, ha detto Biden durante un discorso in un parco di Seattle in occasione della Giornata della Terra. “Tutto quello che devi fare è guardare cosa è stato ascoltato stamattina, riguardo al nastro che è stato rilasciato.”

Biden ha suggerito che l’eventuale ritorno di McCarthy alla fedeltà a Trump fosse un’indicazione che il GOP rimane nella morsa dell’ex presidente.

“Scherzi a parte, questa è la festa MAGA ora”, ha detto Biden. In seguito ha aggiunto: “Questi ragazzi sono una razza di gatti diversa. Non sono come quelli con cui ho servito per così tanti anni”.

Questa storia è stata aggiornata con ulteriori sviluppi venerdì.

Lauren Fox e Kevin Liptak della CNN hanno contribuito a questo rapporto.