Novembre 30, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Il giudice apre la strada alla deposizione di Trump nel caso di diffamazione

NEW YORK — Un giudice federale ha respinto la richiesta dell’ex presidente Donald Trump di sospendere il procedimento in un caso per diffamazione avviato contro di lui nel 2019 da un autore che aveva affermato di averla violentata decenni fa nello spogliatoio di un grande magazzino.

La decisione apre la strada a Trump, che smentisce l’affermazione, per essere deposto come previsto la prossima settimana.

Nella causa intentata contro Trump dall’ex editorialista della rivista Elle E. Jean Carroll, Trump ha recentemente vinto una sospensione temporanea dalla Corte d’Appello degli Stati Uniti per il 2° Circuito, che ha inviato il caso alla corte d’appello di Washington per decidere se Trump fosse un federale dipendente come definito dalla legge quando ha confutato pubblicamente la storia di Carroll.

Per conto di Trump, il Dipartimento di Giustizia ha già cercato di intervenire nel caso in quanto tecnicamente era un impiegato del governo degli Stati Uniti quando ha occupato la Casa Bianca e aveva protezione legale da contenziosi civili perché agiva nell’ambito del suo impiego Quando ha negato il resoconto di Carroll e ha fatto commenti denigratori su di lei.

Il giudice distrettuale statunitense Lewis A. Kaplan aveva respinto il tentativo di intervento del Dipartimento di Giustizia, che avrebbe avuto l’effetto di estinguere il caso perché probabilmente sarebbe stata applicata l’immunità da responsabilità. La sentenza di Kaplan è stata revocata il mese scorso dal 2° Circuito, ma la corte d’appello della DC potrebbe infine confermare la decisione originale di escludere il Dipartimento di Giustizia.

Nella decisione di Kaplan mercoledì, il giudice ha affermato che le deposizioni di Trump e Carroll sono essenzialmente tutto ciò che resta alle parti per completare il processo di scoperta preliminare. Carroll dovrebbe testimoniare venerdì, mentre Trump dovrebbe farlo il 18 ottobre. 19.

READ  Il nuovo audio rivela che McCarthy ha affermato che Trump ha ammesso di essere responsabile dell'attacco al Campidoglio

“Il completamento di quelle deposizioni – che sono già state ritardate per anni – non imporrebbe alcun onere indebito al sig. Trump, per non parlare di eventuali danni irreparabili”, ha detto Kaplan.

Carroll ha accusato pubblicamente Trump di averla aggredita sessualmente in uno spogliatoio di Bergdorf Goodman negli anni ’90, un’affermazione che l’ex presidente nega categoricamente. Lei dovrebbe archiviare ulteriori pretese presunta percosse e inflizione intenzionale di stress emotivo ai sensi dell’Adult Survivors Act di New York, che sta aprendo una finestra di tempo per gli accusatori di aggressioni sessuali per citare in giudizio per presunti eventi che hanno superato la prescrizione.

“Siamo lieti che il giudice Kaplan abbia concordato con la nostra posizione di non rimanere scoperti in questo caso”, ha affermato l’avvocato di Carroll Roberta Kaplan, che non è imparentata con il giudice nel caso. “Non vediamo l’ora di archiviare il nostro caso ai sensi dell’Adult Survivors Act e di andare avanti al processo con tutta la spedizione”.

Trump potrebbe ancora appellarsi alla decisione di mercoledì prima della sua deposizione la prossima settimana. Non è stato immediatamente chiaro se avesse intenzione di farlo. In una lunga dichiarazione, ha definito il sistema legale statunitense una “disgrazia infranta” e ha ripetuto alcuni dei commenti sul suo accusatore che sarebbero diffamatori.

“Non vediamo l’ora di stabilire che questo caso è, ed è sempre stato, del tutto privo di merito”, ha dichiarato l’avvocato di Trump Alina Habba in una nota.