Gennaio 29, 2023

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Il Dow scende di 600 punti negli ultimi minuti di negoziazione mentre il rally di gennaio perde slancio

I commercianti lavorano sul pavimento della Borsa di New York durante il trading mattutino il 17 gennaio 2023 a New York City.

Michael M.Santiago | Immagini Getty

Mercoledì la media del Dow Jones Industrial è crollata di oltre 600 punti, poiché gli investitori hanno preso profitti su alcuni dei forti guadagni di gennaio del 2023 e una lettura deludente delle vendite al dettaglio di dicembre ha sollevato preoccupazioni per una recessione. Le azioni delle banche hanno portato le perdite.

Il Dow Jones Industrial Average è sceso di 612 punti, pari all’1,8%, mentre l’S&P 500 ha perso l’1,6%. Il Nasdaq Composite ha perso l’1,2% ed era in linea con il suo primo giorno di ribasso negli ultimi otto.

Yung-Yu Ma, chief investment strategist presso BMO Wealth Management, ha attribuito l’inversione di tendenza a una combinazione di volubilità e presa di profitto.

“Abbiamo avuto un inizio d’anno così forte, ma ora siamo nel mezzo di una stagione degli utili tesa, recentemente abbiamo ricevuto dati più deboli: vendite al dettaglio e l’Empire State Manufacturing Survey di ieri. Inoltre, la riunione della Fed del 1° febbraio si sta profilando, ” Egli ha detto. “Non ci sono molte ragioni per diventare aggressivi qui, ma tutti questi fattori suggeriscono che la cautela è giustificata a breve termine”.

Mercoledì il Dow Jones Industrial Average

Microsoft ha annunciato l’intenzione di licenziare circa 10.000 dipendenti, che ha danneggiato il sentiment degli investitori. Il titolo è sceso e ha trascinato il Dow verso il basso.

Anche gli investitori stavano digerendo l’ultima vendite al dettaglio dati, che hanno mostrato un calo dell’1,1% a dicembre, poco più dell’1% previsto.

READ  Il CEO di Ford afferma che il 65% dei concessionari statunitensi accetta di vendere veicoli elettrici

Hanno anche pesato il ultima lettura sull’indice dei prezzi alla produzione, che misura i costi degli input delle aziende. Il PPI ha mostrato un calo dello 0,5% per dicembre. Gli economisti intervistati da Dow Jones si aspettavano un calo dello 0,1%. Ciò ha brevemente dato sollievo agli investitori che avevano sperato in un calo dell’inflazione e che la Federal Reserve rallentasse la sua campagna di rialzo dei tassi.

Gli investitori hanno goduto di un forte slancio al rialzo per le azioni dall’inizio dell’anno, anche se molti lo hanno fatto cominciò a dubitare della forza del mercato. Il Dow è ancora in rialzo dell’1% per il mese, mentre S&P e Nasdaq sono ancora in rialzo rispettivamente del 3% e del 5%.