Settembre 26, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Il DOJ si oppone alla richiesta del master speciale

Il resort Mar-a-Lago dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump si trova a Palm Beach, in Florida, l’8 febbraio 2021.

Marco Bello Reuters

Martedì notte il Dipartimento di Giustizia ha esortato un giudice federale a opporsi alla richiesta di nominare un maestro speciale per la revisione dei documenti sequestrati alla residenza in Florida dell’ex presidente Donald Trump all’inizio di questo mese.

Trump aveva citato in giudizio per bloccare il Dipartimento di Giustizia dall’indagare ulteriormente su qualsiasi materiale prelevato durante il raid fino a quando un cane da guardia speciale nominato dal tribunale non sarà in grado di analizzarli.

“Come questione iniziale, l’ex presidente non ha la legittimazione a chiedere assistenza giudiziaria o la supervisione dei documenti presidenziali perché quei documenti non gli appartengono”, ha scritto il DOJ presso il tribunale distrettuale degli Stati Uniti nel sud della Florida.

Non solo nominare un maestro speciale “non è necessario”, ma farlo “danneggerebbe in modo significativo importanti interessi governativi, compresi gli interessi di sicurezza nazionale”, hanno scritto i pubblici ministeri.

Tale danno potrebbe includere l’impedimento alla “revisione in corso del rischio per la sicurezza nazionale” da parte della comunità dell’intelligence che potrebbe essere stata causata da “una conservazione impropria di questi materiali altamente sensibili”, ha affermato il Dipartimento di Giustizia.

Documenti sequestrati dall’FBI a Mar-a-Lago

Dipartimento di Giustizia

La risposta è arrivata un giorno dopo che il Dipartimento di Giustizia ha rivelato a un giudice federale che è proprio così completa la revisione dei materiali sequestrati.

Una squadra delle forze dell’ordine ha identificato una “serie limitata” di materiali che potrebbero essere protetti dal privilegio avvocato-cliente, ha detto lunedì alla corte il Dipartimento di Giustizia. Tale privilegio si riferisce spesso alla dottrina legale che protegge la riservatezza delle comunicazioni tra un avvocato e il suo cliente.

READ  Gran Turismo 7 PS5, patch PS4 ripristina i server dopo 24 ore, Polyphony Digital commenta le microtransazioni

Il cosiddetto Privilege Review Team, separato dall’indagine che ha portato l’FBI a perquisire la residenza di Trump all’inizio di questo mese, sta seguendo un processo per “affrontare potenziali controversie sui privilegi, se presenti”, ha scritto il DOJ.

L’ufficio del direttore dell’intelligence nazionale, o ODNI, “sta anche conducendo una valutazione della comunità dell’intelligence del potenziale rischio per la sicurezza nazionale che risulterebbe dalla divulgazione di questi materiali”, secondo il deposito.

Il Dipartimento di Giustizia sta conducendo un’indagine penale sulla rimozione dei documenti della Casa Bianca e sulla loro spedizione alla residenza di Trump nel suo club Mar-a-Lago a Palm Beach quando ha lasciato l’incarico.

Per legge, i documenti presidenziali devono essere consegnati alla National Archives and Records Administration quando un presidente lascia l’incarico.

Prima che il Dipartimento di Giustizia pubblicasse la sua risposta a tarda notte, un gruppo di ex funzionari del governo ha chiesto al giudice di lasciare che presentassero una memoria come “amici curiae” – latino per “amici della corte” – argomentando contro le richieste di Trump.

Il gruppo comprendeva sei ex pubblici ministeri federali che prestavano servizio nelle amministrazioni repubblicane, nonché l’ex governatore del New Jersey. Christine Todd Whitman, che ha governato come repubblicana ma ha sostenuto il presidente Joe Biden su Trump nel 2020.

Questa è una notizia dell’ultima ora. Si prega di controllare di nuovo per gli aggiornamenti.