Novembre 30, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Il Dipartimento di Giustizia annuncia un consulente speciale per le indagini penali su Mar-a-Lago e il 6 gennaio relative a Trump



Cnn

Il procuratore generale Merrick Garland venerdì nominato un consigliere speciale sovrintendere alle indagini penali sulla conservazione delle informazioni sulla difesa nazionale presso l’ex presidente Donald Trump‘s Mar-a-Lago e parti dell’insurrezione del 6 gennaio 2021.

Entrambe le indagini implicano la condotta di Trump, che martedì ha dichiarato la sua candidatura nella corsa presidenziale del 2024, rendendolo un potenziale rivale del presidente Joe Biden.

“Sulla base dei recenti sviluppi, tra cui l’annuncio dell’ex presidente di essere candidato alla presidenza alle prossime elezioni, e l’intenzione dichiarata del presidente in carica di essere anch’egli candidato, ho concluso che è nell’interesse pubblico nominare uno speciale avvocato”, ha detto venerdì Garland al Dipartimento di Giustizia.

Jack Smithl’ex procuratore capo del tribunale speciale dell’Aia, dove ha indagato sui crimini di guerra in Kosovo, supervisionerà le indagini.

Smith “si è costruito una reputazione come procuratore imparziale e determinato”, ha detto Garland.

Trump ha cercato di dipingere le indagini come motivate politicamente, anche nel suo annuncio presidenziale di martedì, in cui ha affermato di essere stato vittima di una “arma” del sistema giudiziario.

Parlando al gala dell’America First a Mar-a-Lago venerdì sera, l’ex presidente ha definito la nomina del consigliere speciale un “annuncio spaventoso” e un “orrendo abuso di potere”.

L’indagine di Mar-a-Lago è esplosa in pubblico quando l’FBI ha eseguito un mandato di perquisizione nel resort di Trump in Florida ad agosto. Trump è andato in tribunale per ottenere un ordine che richiedesse che un terzo avvocato esaminasse i materiali sequestrati durante la perquisizione. I documenti contrassegnati come classificati sono stati esclusi da tale revisione da parte di una corte d’appello, consentendone l’uso nell’indagine penale. Gli investigatori hanno anche portato testimoni davanti a un gran giurì federale che è stato nominato a Washington nell’indagine.

I procedimenti contro coloro che hanno violato fisicamente il Campidoglio degli Stati Uniti sono stati l’aspetto più pubblico dell’indagine del Dipartimento di Giustizia del 6 gennaio, e quelli rimarranno sotto la competenza dell’ufficio del procuratore degli Stati Uniti a Washington, DC. Ma dietro le quinte, i pubblici ministeri hanno citato in giudizio decine di testimoni vicini all’ex presidente per documenti e testimonianze nell’indagine.

“Intendo condurre le indagini assegnate, e qualsiasi azione penale che ne possa derivare, in modo indipendente e secondo le migliori tradizioni del Dipartimento di Giustizia”, ​​ha dichiarato Smith in una dichiarazione venerdì. “Il ritmo delle indagini non si fermerà né cesserà sotto il mio controllo. Eserciterò un giudizio indipendente e porterò avanti le indagini in modo rapido e completo fino a qualunque esito i fatti e la legge impongano”.

Secondo più fonti, sia l’indagine di Mar-a-Lago che l’indagine del 6 gennaio su Trump mirano a raccogliere maggiori informazioni e portare testimoni in un gran giurì federale nelle prossime settimane. I pubblici ministeri hanno inviato diversi nuovi mandati di comparizione relativi a entrambe le indagini nei giorni scorsi, con date di ritorno rapido già dalla prossima settimana.

Alcuni dei testimoni perseguiti in questo round non avevano mai parlato con gli investigatori in questi casi prima, secondo alcune fonti.

Molti nell’orbita di Trump avevano creduto e sperato che le indagini fossero rallentate o addirittura interrotte, poiché non avevano avuto notizie dal Dipartimento di Giustizia per settimane dopo aver rispettato le scadenze del documento di citazione, hanno detto più fonti.

Alcuni dei mandati di comparizione emessi nell’indagine hanno indicato un’indagine ad ampio raggio che tocca quasi tutti gli aspetti degli sforzi per ribaltare la vittoria elettorale di Biden. Hanno segnalato che gli investigatori sono interessati al complotto per proporre elettori fraudolenti negli stati vinti da Biden, al lavoro svolto dagli alleati di Trump per promuovere accuse di frode elettorale infondate e al modo in cui il denaro è fluito per sostenere questi vari sforzi.

La squadra di Trump aveva discusso negli ultimi giorni della probabilità che il Dipartimento di Giustizia nominasse un consulente speciale, hanno detto alla CNN diverse fonti che hanno familiarità con i colloqui.

Gli avvocati di Trump avevano temuto la prospettiva, preoccupati che potesse trascinare le indagini che hanno combattuto continuamente in tribunale. E lo stesso Trump si è lamentato della questione, paragonando la prospettiva all’ex consigliere speciale Robert Mueller, che ha supervisionato le indagini sulla Russia.

L’ex presidente venerdì ha indicato di aver creduto che le indagini federali su di lui stessero rallentando o terminassero fino all’annuncio di Garland. Ha ripetutamente definito le indagini politiche e ha detto che non era una situazione giusta e non sarebbe stata un’indagine giusta, dicendo alla folla a Mar-a-Lago: “Diresti davvero che basta”.

I funzionari del Dipartimento di Giustizia hanno discusso per settimane se nominare un avvocato speciale, CNN precedentemente segnalato.

Questa storia è stata aggiornata con ulteriori dettagli.

READ  Elon Musk ha privato Twitter in un accordo da 44 miliardi di dollari