Maggio 24, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Il comitato del 6 gennaio ha messaggi di testo tra Ginni Thomas e Mark Meadows

Questi messaggi di testo, secondo le fonti, sono avvenuti tra l’inizio di novembre 2020 e la metà di gennaio 2021. Thomas ha recentemente rivelato di aver partecipato alla manifestazione pro-Trump che ha preceduto l’attacco al Campidoglio degli Stati Uniti il ​​6 gennaio 2021, ma afferma di “non aver avuto alcun ruolo “nel programmare gli eventi di quel giorno.

I messaggi di testo, recensiti dalla CNN, mostrano Thomas che supplica Meadows di continuare la lotta per ribaltare i risultati elettorali.

“Aiuta questo grande presidente a rimanere fermo, Mark !!! … Tu sei il leader, con lui, che sta per il governo costituzionale americano sul precipizio. La maggioranza conosce Biden e la sinistra sta tentando il più grande colpo della nostra storia, “Tommaso ha scritto il 10 novembre 2020.

La CNN ha riferito per la prima volta che i messaggi di testo erano in possesso del comitato. Il Washington Post prima ne descrisse il contenuto.

Thomas controllava regolarmente Meadows per incoraggiarlo a rivendicare frodi elettorali e lavorare per impedire che le elezioni venissero certificate. Meadows rispondeva spesso. Lo stesso giorno del testo precedente, ha scritto: “Rimarrò fermo. Combatteremo finché non ci sarà più battaglia. Il nostro paese è troppo prezioso per arrendersi. Grazie per tutto quello che fai”.

Il 24 novembre 2020, Meadows ha promesso di non aver finito di combattere per conto dell’allora presidente Donald Trump e ha evocato la sua fede come fonte di forza.

“Questa è una lotta del bene contro il male. Il male sembra sempre il vincitore fino a quando il Re dei Re non trionfa. Non stancarti di fare il bene. La lotta continua. Ci ho giocato la mia carriera. Beh, almeno il mio tempo a DC . su di esso. “

READ  Charlie Morton dei Braves è stato escluso dalla prima gara delle World Series a causa di un brutale infortunio alla gamba

Thomas ha scritto a Meadows il 19 novembre 2020: “Sembra che Sidney e il suo team siano stati inondati di prove di frode. Fai un piano. Rilascia il Kraken e salvaci dalla sinistra che abbatte l’America”. L’avvocato Sidney Powell, che ha lavorato su cause allineate a Trump cercando di sfidare i risultati delle elezioni del 2020, è stata anche definita da lei stessa “The Kraken” in riferimento all’antica creatura mitologica del mare.

Entro la fine di novembre, Thomas stava diventando sempre più frustrato dalla mancanza di progressi nel tentativo di trovare una strada per ribaltare i risultati.

Il 24 novembre 2020 ha scritto: “Non riesco a vedere gli americani ingoiare l’ovvia frode. Sto solo andando con un’altra cosa senza conseguenze fottute … l’intero colpo di stato e ora questo … cediamo alle persone che vogliono che Biden lo faccia essere unti? Molti di noi non possono continuare la farsa del GOP”.

La commissione è in possesso di un solo testo del mese di gennaio 2021, quattro giorni dopo la rivolta di Capitol Hill.

Thomas scrisse a Meadows di essere arrabbiata con l’allora vicepresidente Mike Pence per non aver preso le misure necessarie per bloccare la certificazione dei risultati elettorali.

“Stiamo vivendo quella che sembra la fine dell’America. La maggior parte di noi è disgustata dal vicepresidente e si trova in una modalità di ascolto per vedere dove combattere con le nostre squadre. Coloro che hanno attaccato il Campidoglio non sono rappresentativi delle nostre grandi squadre di patrioti . per DJT !! Tempi incredibili. La fine della libertà “, ha scritto Thomas.

READ  I Sixers superano i Raptors per 131-111 vittoria in Gara 1

I messaggi di Thomas riflettevano la convinzione che le sfide legali presentate da un gruppo di avvocati conservatori che aiutavano la campagna fossero valide. Ha tentato di convincere Meadows a riporre la sua fiducia nelle mani di Powell, che aveva trascorso le settimane successive alle elezioni sostenendo di avere montagne di prove di frode che non si erano mai materializzate.

Il contenuto dei messaggi di testo potrebbe essere di interesse per l’indagine della commissione, perché ha chiesto a Meadows in una citazione di consegnare “sia i documenti che la tua testimonianza di deposizione in merito a queste e altre questioni che rientrano nell’ambito dell’attività della commissione”.

La rivelazione dei messaggi di testo tra Thomas e Meadows, entrambi alleati chiave di Trump, arriva come progressisti e alcuni esperti di etica legale vedono il suo attivismo come un potenziale conflitto di interessi per il lavoro di Thomas su alcuni casi della Corte Suprema.

Meadows ha consegnato migliaia di messaggi di testo prima di smettere di collaborare con il comitato. I testi hanno dimostrato di contenere un tesoro di informazioni su ciò che stava accadendo alla Casa Bianca nei giorni precedenti l’insurrezione e su ciò che pensavano le persone nell’orbita di Trump.

Gli sms in possesso della commissione sono solo una parte della tranche di documenti che Meadows ha fornito alla commissione durante il breve periodo in cui ha collaborato alle indagini. Non rappresentano necessariamente la somma totale delle comunicazioni tra Thomas e Meadows durante quel periodo di tempo.

Esiste anche la possibilità che alcuni messaggi non siano stati consegnati a causa di richieste di privilegi.

READ  Il Primo Ministro israeliano annuncia il quarto Govt Jab per gli over 60 per affrontare Omigran

Meadows e Thomas sono amici di lunga data, entrambi attivi da decenni in cause conservatrici.

Sebbene Thomas sia stato attivamente coinvolto in politica, dice di essere stata attenta a distanziare la sua attività da suo marito.

“Ma abbiamo le nostre carriere separate e anche le nostre idee e opinioni. Clarence non discute del suo lavoro con me e non lo coinvolgo nel mio lavoro”, ha detto di recente il Faro Libero.
I lavori del comitato ristretto del 6 gennaio sono già passati davanti alla Corte Suprema. A gennaio, il tribunale non ha ostacolato il rilascio di migliaia di documenti dalla Casa Bianca di Trump nonostante l’ex presidente avesse fatto causa per mantenerli segreti privilegio esecutivo. Il voto sulla questione è stato 8-1, con solo Thomas dissenziente.

La CNN ha contattato direttamente sia l’avvocato di Meadows che Thomas per un commento e non ha ancora ricevuto risposta.

Un portavoce del comitato ha rifiutato di commentare.

Questa storia è stata aggiornata con ulteriori sviluppi giovedì.