Novembre 30, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Il cacciatore di uragani gira il video del “volo più duro” negli occhi di Ian

Nick Underwood vola attraverso gli uragani per vivere. Negli ultimi sei anni, l’ingegnere aerospaziale ha effettuato 76 passaggi attraverso più di 20 di essi, nessuno più duro di quello che ha subito mercoledì mattina.

“Questo volo… è stato il peggiore su cui sia mai stato”, ha detto Underwood in a twittare dopo essere volato nel centro dell’uragano Ian. “Non ho mai visto così tanti fulmini in un occhio.”

E ha ripreso tutto in video – nel giro di poche ore, una delle clip era stato visto 1,2 milioni di volte.

Underwood, 30 anni, stava girando intorno alle 6 del mattino di mercoledì quando l’aereo su cui era a bordo è volato su Ian mentre la tempesta di categoria 4 si avvicinava alla costa del Golfo della Florida. Fa parte di un equipaggio di cacciatori di uragani della National Oceanic and Atmospheric Administration che raccoglie dati che i meteorologi usano per prevedere dove andranno le tempeste come Ian e quanto saranno forti quando ci arriveranno. Dal 2016, Underwood ha effettuato più di sei dozzine di penetrazioni di uragani, o “penny”, attraverso 22 o 23 uragani: non è sicuro del numero esatto.

“Personalmente ho perso il conto”, ha detto al Washington Post. “Ho bisogno di aggiornare il mio foglio di calcolo.”

Nessuno di loro gli ha dato un passaggio più nodoso di quello che Ian ha offerto mercoledì mattina.

“Quando dico che questo è stato il volo più duro della mia carriera finora, lo intendo. Non ho mai visto le cuccette uscire così”, ha detto su Twitter, riferendosi ai letti dei membri dell’equipaggio nella parte posteriore dell’aereo che venivano sballottati. “C’era caffè ovunque. Non ho mai sentito un tale movimento laterale”.

READ  Jordan Poole ha decisamente afferrato e strattonato il ginocchio di Ja Morant; se intendesse fargli del male non è il punto

Circa nove ore dopo che Underwood è volato su Ian, l’uragano è atterrato vicino a Fort Myers come tempesta di categoria 4 con venti a 150 mph. All’inizio di giovedì, Ian si è indebolito in una tempesta tropicale mentre si muoveva a spirale verso nord-est, ma NOAA ha avvertito che lascerà inondazioni catastrofiche pericolose per la vita in alcune parti della Florida centrale. I meteorologi prevedono che Ian presto prenderà il via a nord, causando notevoli inondazioni nella parte settentrionale dello stato, nella Georgia sudorientale e nella Carolina del Sud orientale fino alla fine della settimana.

Underwood e i suoi compagni cacciatori di uragani sono decollati da Houston intorno alle 4 del mattino e hanno volato su Kermit, il loro Lockheed WP-3D Orione aereo turboelica, poco meno di due ore per raggiungere la costa della Florida. Prima di arrivare, le loro controparti militari hanno riferito di ciò che avevano incontrato dopo aver appena volato attraverso la tempesta, ha detto Underwood a The Post. “Hanno detto: ‘Ehi ragazzi, questa corsa non è stata divertente’ e quindi sapevamo in cosa ci stavamo cacciando”.

I cacciatori di uragani NOAA si sono assicurati tutto ciò che potevano, si sono legati e hanno fatto cadere Kermit a circa 8.000 piedi prima di entrare nell’uragano. Viaggiando attraverso le bande esterne della tempesta, hanno colpito una “grande quantità” di turbolenza.

Underwood ha iniziato a registrare mentre si avvicinavano alla parete oculare, la parte più forte della tempesta. Sussulti di turbolenza fecero volare cuccette, caffè, scarpe e lo stesso Underwood, insieme ad alcune parole scelte.

“Ti stai facendo rimbalzare. Parti di esso sono, sai, è divertente. È un po’ come essere sulle montagne russe ad un certo punto”, ha detto. “Ma poi altre volte, senti l’aereo tremare e vibrare, e questo può essere un po’ snervante”.

READ  Google Pixel 6a: dove effettuare il preordine negli Stati Uniti

Ciò che si è distinto per Underwood è stato il fulmine. Ha detto che non ne ha mai visto così tanto e ha indicato una foto che ha scattato durante la missione di mercoledì, una che sembra essere stata scattata durante il giorno.

“Sembra che fuori siano le 11 del mattino. Sembra che il sole sia sorto”, ha detto a The Post. “Ma era completamente buio, ed è solo un fulmine che era così vicino a noi e così luminoso da illuminare l’intero occhio”.

Nato e cresciuto in West Virginia, Underwood ha iniziato a lavorare alla NOAA nell’agosto 2016, ha detto. Due mesi dopo, è volato nel suo primo uragano, Matthew, che è diventato una tempesta di categoria 5 che ha rastrellato la costa atlantica della Florida. Sebbene le prime due ore della sua missione di debutto andassero bene, trascorse le sei successive ammalandosi come non lo era mai stato. Eppure, era agganciato.

“Riguardava la missione di raccogliere questi dati che, alla fine, salveranno vite e faranno risparmiare dollari. Questo è ciò che mi ha davvero attirato”, ha detto.

Da allora ci sono state molte tempeste. Irma, Maria e Harvey nel 2017. Firenze l’anno successivo. Dorian e Lorenzo nel 2019, seguiti da Laura, Eta “e tante altre tempeste” nel 2020. Prima di Ian, il volo più duro di Underwood è stato attraverso l’uragano Florence.

Underwood ha detto che gli piace il suo lavoro, ma ha sottolineato che i cacciatori di uragani non volano nelle tempeste solo per divertimento. Stanno raccogliendo dati su temperatura, pressione, umidità, velocità del vento e direzione all’interno di una tempesta, il tutto in modo che il National Hurricane Center possa inserirli in modelli di previsione.

READ  Esami universitari calcio, Calendario: Pronostici contro lo spread, contraddizioni per le prime 25 partite della 12^ settimana da oggi

Più dati significano previsioni migliori.

“E ciò significa che prima puoi avvertire le persone che devono togliersi di mezzo, che devono proteggere le loro case, qualunque cosa debbano fare”, ha detto Underwood. “E quindi l’intera missione riguarda davvero solo la protezione della vita e della proprietà”.