Maggio 27, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

I legislatori del GOP hanno sovvertito gli Stati Uniti della Carolina del Nord, afferma il gruppo dei professori

Un prestigioso gruppo accademico nazionale ha accusato giovedì che il legislatore della Carolina del Nord ha interferito politicamente con le operazioni dell’Università della Carolina del Nord per più di un decennio, creando un clima accademico e razziale ostile nei suoi campus, incluso il fiore all’occhiello di Chapel Hill.

Un report dell’American Association of University Professors descrive in dettaglio come i legislatori repubblicani, dopo aver assunto l’Assemblea Generale nel 2010, hanno strappato il controllo del Board of Governors del sistema universitario e degli amministratori dei suoi 17 singoli campus, influenzando le nomine dei cancellieri e chiudendo i centri accademici dedicati a combattere la povertà, l’inquinamento e l’ingiustizia sociale.

Dopo aver esaminato le tensioni che circondano il rovesciamento della statua del soldato confederato a Chapel Hill noto come “Sam Silente”, così come il processo decisionale su un’offerta di lavoro al giornalista del New York Times Nikole Hannah-Jones, il rapporto conclude che il razzismo è istituzionalizzato nel sistema. In uno stato che è per circa il 20% nero, il 5% dei docenti dell’UNC sono neri.

Rispondendo al rapporto, Kimberly van Noort, vicepresidente senior del sistema universitario, ha affermato che si trattava di una “rappresentazione inesorabilmente cupa di uno dei sistemi universitari più forti, vivaci e produttivi della nazione” e “impossibile fare i conti” con il fiorente campus. Ha elencato i risultati tra cui la riduzione delle tasse scolastiche, il miglioramento dei tassi di laurea tra gli studenti a basso reddito e delle minoranze e gli investimenti in sei istituzioni storicamente al servizio delle minoranze.

Il rapporto dell’associazione, ha aggiunto, “non contiene dati empirici sulla vera salute del sistema universitario”.

In precedenza, l’amministrazione aveva tentato di affrontare le questioni razziali criticate nel rapporto, istituendo una task force per esaminare l’eredità della razza e del razzismo nel sistema di istruzione superiore pubblica della Carolina del Nord, che ha pubblicato la propria relazione nel 2020.

READ  Guerra Ucraina-Russia, Kiev News: aggiornamenti in tempo reale

Molti sistemi universitari statali sono stati sottoposti a pressioni politiche, specialmente negli stati con legislature a guida repubblicana che vedono le università come centri di indottrinamento liberale.

Pur riconoscendo che diversi sistemi universitari sono stati oggetto di interferenze politiche, l’associazione dei professori sostiene nel suo rapporto che la frequenza e l’intensità delle controversie all’UNC, insieme alla cattiva gestione da parte del sistema e dei consigli di amministrazione del campus, sono singolari.

L’associazione, un’organizzazione nazionale di vigilanza, non ha autorità ufficiali sulle università e le sue azioni sono in gran parte simboliche. Ma il rapporto – e una possibile sanzione ufficiale da parte del gruppo – potrebbe intaccare la reputazione del più antico sistema pubblico della nazione e uno dei più prestigiosi. Potrebbe anche danneggiare gli sforzi futuri per reclutare docenti.

Michael C. Behrent, professore di storia presso l’Appalachian State University di Boone, NC, che dirige il capitolo dell’organizzazione nella Carolina del Nord, ha affermato di sperare che il rapporto possa stimolare il cambiamento.

“Dobbiamo assicurarci che non ci sia un solo partito che controlli unilateralmente il consiglio di amministrazione e i consigli di amministrazione”, ha affermato.

Tim Moore, il presidente della Camera dei rappresentanti dello Stato, ha difeso il legislatore in una dichiarazione, affermando: “La nostra Costituzione statale conferisce al legislatore l’unica responsabilità di governare il sistema universitario e i membri repubblicani dell’Assemblea generale assicureranno sempre che le voci dei contribuenti di questo stato che finanziano l’UNC sono ascoltati nella sua governance “.

Il rapporto dell’associazione afferma che l’acquisizione repubblicana di entrambe le camere dell’Assemblea Generale nel 2010 – avvenuta per la prima volta in più di un secolo – ha segnato l’inizio di quella che chiama una “nuova era”.

Gli incaricati del Consiglio dei governatori del sistema universitario, così come gli amministratori dei singoli campus, sono diventati “più uniformemente repubblicani, più interessati alle ideologie politiche degli attori del campus e meno esperti di istruzione superiore rispetto ai loro predecessori”, afferma il rapporto.

READ  Senato Democratici sull'orlo della sconfitta nella legge elettorale nonostante le frenetiche pressioni

Per volere del legislatore, nel 2014 il sistema ha avviato una revisione di 237 centri specializzati del campus, culminata con la chiusura di tre centri.

Due di loro erano guidati da docenti critici nei confronti dei leader dello stato e uno, l’Institute for Civic Engagement and Social Change presso la North Carolina Central University di Durham, era stato finanziato dalle Open Society Foundations di George Soros, un frequente bersaglio dell’ira conservatrice.

Nel 2016, Pat McCrory, il governatore repubblicano uscente, ha firmato una legge che priva il suo successore democratico, Roy Cooper, del potere di nominare i consigli di amministrazione a livello di campus, con conseguente controllo legislativo repubblicano quasi totale del sistema universitario.

L’anno successivo, il Consiglio dei governatori si è mosso per vietare alla facoltà di giurisprudenza di Chapel Hill di partecipare a contenziosi, votando infine per vietare al suo Center for Civil Rights di assumere nuovi clienti, molti dei quali erano indigenti.

Il rapporto elimina anche l’ingerenza legislativa nelle nomine della dirigenza universitaria, compreso quello che definisce un metodo “altamente non ortodosso” per le ricerche dei cancellieri.

Piuttosto che la procedura tradizionale, in cui i comitati di ricerca universitari selezionano i finalisti, la nuova politica conferisce al presidente del sistema il potere di nominare due candidati alla carica di rettore, uno dei quali deve diventare finalista.

Sebbene all’epoca non fosse tecnicamente in atto, i critici hanno affermato che un intervento simile è stato utilizzato nella nomina nel 2021 di Darrell T. Allison come cancelliere alla Fayetteville State University, una delle sei istituzioni statali che servono principalmente studenti di colore.

Il rapporto dice che il sig. Allison, un ex lobbista della scelta della scuola, è stato aggiunto alla listaanche se non è stato scelto dal comitato di ricerca e i critici hanno affermato che non aveva le credenziali.

READ  I gambiani votano alle prime elezioni presidenziali dall'era Jammeh | notizie politiche

Ma la critica più schiacciante del rapporto riguarda questioni di razza.

Racconta la storia di Carol Folt, l’ex cancelliera di Chapel Hill che ora dirige la University of Southern California. Sotto la pressione del consiglio di amministrazione per trovare un posto per Silent Sam, che era stato abbattuto dai manifestanti, la sig. Folt ha invece annunciato che si sarebbe dimessa e avrebbe rimosso i resti della statua.

Il consiglio ha quindi accettato di pagare ai Figli dei veterani confederati $ 2,5 milioni per costruire un sito fuori dal campus per la statua. Uno studente laureato ha twittato che l’università stava restituendo la statua “ai razzisti”.

L’accordo è stato annullato da un tribunale.

Il rapporto criticava anche la gestione da parte dell’università di un’offerta di lavoro alla sig. Hannah-Jones, scrittrice per The Times Magazine e leader del 1619 Project, che ha cercato di riformulare la storia del paese mettendo le conseguenze della schiavitù e il contributo dei neri americani al centro della narrativa nazionale.

Sebbene il dipartimento di giornalismo di Chapel Hill abbia raccomandato alla sig. Ad Hannah-Jones, che è nera, verrà offerta una cattedra di ruolo, l’università, secondo quanto riferito dopo le pressioni di un potente donatore, invece le ha offerto un lavoro non di ruolo.

Dopo protesta pubblicagli amministratori in definitiva ha votato per concedere il suo incarico. Ma la signora Hannah-Jones ha rifiutato l’offerta e si unì alla facoltà della Howard University.

Il rapporto afferma che le controversie su Silent Sam e Hannah-Jones “hanno inviato un messaggio ai docenti di colore in tutto il sistema, facendoli sentire sgraditi, sottovalutati e insicuri”.