Maggio 27, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Guerra Ucraina-Russia in diretta: aggiornamenti sul rublo e ultime notizie

Il coreografo Alexei Ratmansky, l’ex direttore artistico del Bolshoi Ballet e ora artista in residenza all’American Ballet Theatre, stava preparando un nuovo balletto al Bolshoi di Mosca quando il presidente russo Vladimir V. Putin ha annunciato, giovedì mattina, che aveva lanciato un’invasione della vicina Ucraina.

Sig. Ratmansky, che è cresciuto a Kiev e ha ballato lì all’inizio della sua carriera, ha immediatamente deciso di lasciare Mosca e, con l’aiuto del Bolshoi, ha preso accordi per tornare a casa a New York via Varsavia, insieme al resto del suo team creativo internazionale.

“Era come se fossimo su un treno in rapido movimento, correndo verso il traguardo”, ha detto il sig. Ratmansky ha detto del periodo delle prove, in un’intervista di sabato. “Le notizie erano cattive, ma ero assolutamente combattuto tra creazione, amore e disperazione: tutte queste parole. Ho pensato, se inizia un’azione militare vera e propria, non sarò in grado di continuare, ma fino ad allora cercherò di ignorare le notizie e di essere professionale e fare solo il mio lavoro. ”

Il balletto, impostato su “L’arte della fuga” di Bach, doveva essere presentato in anteprima il 30 marzo, ma è stato posticipato a tempo indeterminato. Il capo dell’ufficio stampa del Bolshoi, Katerina Novikova, alla richiesta di un commento, ha indicato una dichiarazione su il sito del teatroche dice che è stato rinviato dopo “trattative con la squadra di staging”.

Il balletto non è stato ufficialmente cancellato. La dichiarazione dice: “Questo progetto è estremamente importante per il Teatro Bolshoi, una notevole quantità di lavoro è già stata fatta e speriamo di poter realizzare questo progetto”. Sig. Viene citato anche Ratmansky, che dice “quando verrà il momento, spero di tornare a Mosca per completare la produzione”.

READ  Altri conducenti sono rimasti bloccati sulla I-95 in Virginia dopo una tempesta invernale

Ma dopo aver assistito alla brutalità dell’invasione, ha detto che non era sicuro di quando sarebbe successo. Gran parte della sua famiglia vive in Ucraina. “Dubito che ci andrei se Putin fosse ancora presidente”, ha detto.

Mercoledì notte era andato a dormire nella sua stanza al Metropol Hotel, di fronte a una piazza del Bolshoi, preoccupato per le notizie inquietanti che stava vedendo sui media internazionali di truppe russe ammassate lungo il confine con l’Ucraina. Ma, ha detto, non si aspettava l’assalto su vasta scala che sarebbe seguito ore dopo. “Pensavo che nulla sarebbe cambiato”, ha detto, “dal 2014 c’è stato un conflitto con i separatisti lungo il confine”. Sua moglie, Tatiana, lo ha svegliato giovedì mattina chiamandolo da New York con la notizia. “La prima cosa che ho fatto è stata chiamare il Bolshoi e organizzare la partenza”.

Oltre a “L’arte della fuga”, Mr. Ratmansky ha un altro progetto ancora più grande che ora sembra improbabile che venga completato presto: una produzione sontuosa e storicamente informata del balletto Petipa del 1862 “La figlia del faraone”, per il Mariinsky Ballet di St. Pietroburgo.

“La figlia del faraone” doveva avere la sua prima a metà maggio, ma il sig. Ratmansky ha informato il Mariinsky che, vista la situazione, non sarebbe potuto tornare per finire il balletto ad aprile come previsto.

Sig. Ratmansky è ucraino e russo. I suoi genitori, sorella, nipoti e nipoti vivono a Kiev, così come la famiglia della sig. Ratmansky, che è ucraino.

Sig. Ratmansky rimane in frequenti contatti telefonici con la sua famiglia. I suoi genitori, ottantenni all’inizio, si rifugiarono nel seminterrato del loro edificio nel centro della città, prima di guidare fino a una piccola casa di campagna a circa un’ora dalla città. Altri membri della famiglia si stavano rifugiando in garage e scantinati sotterranei.

READ  Abbiamo appreso dall'Esposizione di basket universitario di livello Elite venerdì

Per ora sono tutti al sicuro e, Mr. Ratmansky ha detto: “cercando di mantenere il buon umore”.

Alla domanda se l’attuale conflitto avesse riportato alla mente ricordi del tempo di guerra per sua madre, che ha vissuto l’assedio di Leningrado, e suo padre, che ha dovuto essere evacuato da Kiev prima dell’invasione nazista e ha perso diversi membri della famiglia a causa dell’Olocausto, Ratmansky ha detto: ” non ne abbiamo parlato. Parliamo solo di ‘stai bene?’ ”

Le ripercussioni dell’invasione russa si fanno già sentire negli ambienti culturali russi. Il conduttore Valery Gergiev, che è vicino al Sig. Putin, ha ha cancellato i concerti alla Carnegie Hall. La Filarmonica di Monaco, di cui Gergiev è il direttore principale, ha minacciato di rescindere il suo contratto se non si è pronunciato contro l’invasione, come fece la Scala di Milano. Un tour del Bolshoi Ballet alla Royal Opera House di Londra quest’estate è stato cancellato. La Russia è stata persino disinvitata dal popolare gara musicale Eurovision.

“Entrambi questi progetti mi stanno molto a cuore”, ha affermato il Sig. Ratmansky ha detto dei suoi balletti. “Ma al momento, l’unica cosa che conta è che l’Ucraina sopravviva, mantenga la sua indipendenza e che le nostre famiglie rimangano in vita”.