Maggio 24, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Guerra Russia-Ucraina: ultime notizie

L’invasione russa dell’Ucraina sta mettendo sotto stress l’economia egiziana, sollevando preoccupazioni per il malcontento popolare nel paese più popoloso del Medio Oriente.

La sterlina egiziana è scesa di oltre l’11% lunedì, mentre la banca centrale del paese ha aumentato i tassi di interesse chiave di 100 punti base ciascuno in un incontro a sorpresa, il primo aumento dei tassi dal 2017. Gli analisti si aspettavano che la banca alzerebbe i tassi di interesse in una riunione programmata per giovedì.

In una dichiarazione, la banca centrale ha affermato di agire in risposta a “pressioni inflazionistiche globali” insieme a interruzioni della catena di approvvigionamento e aumento dei prezzi delle materie prime. Secondo la banca centrale, l’inflazione complessiva annuale ha raggiunto l’8,8% in Egitto a febbraio, il tasso più alto da oltre tre anni.

“Queste pressioni si sono amplificate con il recente conflitto Russia-Ucraina”, ha affermato la banca.

L’Egitto è il più grande importatore mondiale di grano, il che lo rende particolarmente vulnerabile allo shock della guerra in Ucraina. Decine di milioni di egiziani fanno affidamento sul pane sovvenzionato, con l’Egitto che ottiene fino all’85% del suo grano da Ucraina e Russia.

La scorsa settimana il governo egiziano ha imposto nuovi controlli sui prezzi del pane non sovvenzionato. Il governo ha fissato i prezzi lunedì tra mezzo chilo e mezzo chilo per pagnotta, a seconda del tipo di pane.

Il prezzo del pane è una questione politica centrale in Egitto. L’aumento dei prezzi dei generi alimentari è considerato una delle condizioni generali che hanno portato alla rivolta del 2011 che ha estromesso l’ex presidente Hosni Mubarak.

READ  Notizie Trump - in diretta: l'ex presidente affronta un feroce contraccolpo del GOP dopo aver approvato il dottor Oz della TV nella corsa al Senato

La più ampia economia egiziana è cresciuta negli ultimi anni, ma il tenore di vita è fortemente diminuito per la maggior parte dei 100 milioni di egiziani a causa dell’austerità del governo in combinazione con un programma di prestiti del FMI iniziato nel 2016.

Gli investitori stranieri si sono ritirati dall’Egitto da quando la Russia ha lanciato la sua invasione dell’Ucraina il mese scorso a causa delle preoccupazioni su come l’economia egiziana potrebbe soffrire a causa della guerra. Anche l’Egitto sta affrontando una perdita di entrate dai turisti russi e ucraini, una fonte chiave di valuta estera.

La sterlina egiziana è rimasta relativamente stabile per anni, in parte a causa degli interventi delle banche commerciali statali egiziane, affermano economisti e banchieri. Il governo non ha riconosciuto gli interventi.

“Il reddito delle persone non corrisponde a una vita dignitosa, ma stiamo facendo del nostro meglio per migliorarlo [economic] situazione”, ha detto il presidente Abdel Fattah Al Sisi in dichiarazioni televisive domenica sera, affermando che l’Egitto non deve affrontare carenze di prodotti di base o di grano.

La Banca centrale ha dichiarato di aver deciso di aumentare di 100 punti base il tasso sui depositi overnight, il tasso sui prestiti overnight e il tasso dell’operazione principale rispettivamente al 9,25%, 10,25% e 9,75%.

L’invasione ha interrotto le esportazioni di cereali dall’Ucraina attraverso il Mar Nero e ha anche sollevato dubbi sulla capacità di quel paese di piantare per il prossimo raccolto.

L’Egitto non è affatto il paese africano più fortemente dipendente dalle forniture alimentari russe e ucraine. Secondo le Nazioni Unite, Somalia e Benin si sono affidate interamente ai due paesi per le loro importazioni di grano dal 2018 al 2020. Sebbene siano disponibili altre fonti di grano, i prezzi mondiali sono aumentati dall’invasione.

READ  Si sentono esplosioni a Kiev mentre le truppe russe si avvicinano alla capitale dell'Ucraina