Maggio 25, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Guerra Russia-Ucraina: notizie in diretta e aggiornamenti

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha arringato i suoi alleati per trovare la volontà di adottare misure più dure contro Mosca, mentre l’Unione europea si preparava giovedì a discutere un altro round di sanzioni e un possibile divieto del carbone russo.

Le nuove sanzioni sarebbero parte della risposta alle atrocità, comprese esecuzioni e torture, che sembrano essere state commesse dalle forze russe prima che si ritirassero dalle aree fuori Kiev. La Russia ha negato la responsabilità, dicendo che le atrocità sono state fabbricate o sono state commesse dagli ucraini.

“Le truppe russe hanno cambiato tattica e stanno cercando di rimuovere le persone uccise dalle strade e dai sotterranei del territorio occupato”, ha affermato il sig. Zelensky ha detto nel suo indirizzo notturno di mercoledì. Non sarebbero riusciti a nascondere le prove, ha detto, “perché hanno ucciso molto. La responsabilità non può essere evitata”.

L’Europa e gli Stati Uniti hanno spostato per fornire più armi all’esercito ucraino e ostracizzare ulteriormente la Russia economicamente con nuove sanzioni, comprese le restrizioni alle sue principali banche e ai beni dei figli del presidente Vladimir V. Putin. La Russia sembra avvicinarsi al default del suo debito estero a causa delle restrizioni valutarie statunitensi.

L’Unione Europea sta valutando una serie di sanzioni che, se approvate, sarebbero le più dure dall’invasione russa. Il blocco sta anche valutando la messa al bando del carbone dalla Russia, il principale fornitore di energia da combustibili fossili in Europa.

Le deliberazioni sul divieto e altre sanzioni dovevano continuare fino a giovedì, e Unione Europea funzionari e diplomatici prevedevano che le misure sarebbero state approvate. Il processo ha rispecchiato le sfide del raggiungimento di un accordo tra tutti i 27 paesi membri sulle sanzioni, che includerebbero anche il divieto di navi russe dai porti dell’UE.

READ  Coachella - aggiornamenti dal vivo dal festival musicale della California

I ministri degli esteri della NATO, riuniti questa settimana, hanno discusso su come aiutare ulteriormente l’Ucraina a portare avanti la guerra senza intrappolare l’alleanza in un combattimento diretto con le forze russe.

La guerra, hanno detto, è tutt’altro che finita, notando che per quanto male si siano comportate le forze russe e nonostante la loro ritirata dalle aree intorno a Kiev, stanno facendo progressi lenti e brutali nell’est separatista.

“Mosca non rinuncia alle sue ambizioni in Ucraina”, ha affermato Jens Stoltenberg, segretario generale della NATO.

In altri importanti sviluppi:

  • Lo ha detto mercoledì Oleg Synegubov, l’amministratore statale della regione militare di Kharkiv un post su Telegram che l’esercito ucraino avrebbe evacuato due città a est perché lì i combattimenti stavano aumentando.

  • Nella regione orientale di Donetsk, almeno due persone sono rimaste uccise e cinque ferite quando le forze russe hanno attaccato a sito di aiuti umanitari nella città di Vugledar, secondo Pavlo Kyrylenko, governatore di Donetsk.

  • Nella regione orientale di Luhansk, le forze russe ora controllano il 60 per cento della città di Rubizhne, secondo il governatore Serhiy Haidai, che ha affermato che gli aggressori hanno intensificato la loro offensiva questa settimana.

Anuska Patil, Megan Specia, Cora Engelbrecht e Eric Schmitt reportage contribuito.