Agosto 10, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Guerra Russia-Ucraina: aggiornamenti in tempo reale – The New York Times

Credito…Emile Ducke per il New York Times

KYIV, Ucraina — Nei primi mesi di guerra, Yulia Fedotovskyh ha trovato un meccanismo per aiutarla a dormire la notte: scorreva Telegram ogni sera e guardava le foto dei soldati russi morti bruciati e fatti saltare in aria.

Inizialmente, ha detto, guardare le immagini l’ha aiutata a sentirsi più al sicuro. Ma ora che il conflitto si trascina, ha detto di sentirsi esausta per la guerra. Cerca di evitare le notizie e non ottiene più gratificazione dalle fotografie.

“Scorrevo Telegram tutte le sere prima di andare a letto, altrimenti era difficile addormentarsi”, ha detto la Sig. Fedotovskyh, 32 anni, responsabile delle pubbliche relazioni per una società di tecnologia dell’informazione. In questi giorni, ha aggiunto, “mi rendo conto e ho accettato che posso morire in qualsiasi momento, e quindi vivo la mia vita”.

A quasi cinque mesi dall’inizio di una sanguinosa guerra in cui la Russia sta ottenendo costantemente guadagni territoriali, molti ucraini rimangono arrabbiati e ribelli.

La caduta di Lysychansk nel fine settimana, che ha consegnato alla Russia la provincia orientale di Luhansk, pesantemente contesa, è stata solo l’ultima di una serie di pesanti colpi tra cui alcuni dei peggiori attacchi a obiettivi civili dall’invasione russa alla fine di febbraio. C’è stato un attacco missilistico su un centro commerciale nella città di Kremenchuk che ha provocato almeno 20 morti. Uno sciopero in una località di villeggiatura vicino a Odesa che ha ucciso almeno 21 persone. Uno sciopero a un edificio residenziale della capitale che ha infranto la fragile patina di sicurezza di quella città.

READ  Decine ancora i dispersi mentre il bilancio delle vittime delle inondazioni in Sud Africa sale a 443

La rotta delle truppe russe dalla capitale alla fine di marzo ha dato agli ucraini un forte senso di orgoglio per il loro paese e le forze armate e la speranza che la vittoria potesse essere rapida. Con la guerra che mostra pochi segni di cedimento, tuttavia, le persone si stanno arrabbiando per le perdite ed esprimono frustrazione per il fatto che il governo ucraino stia minimizzando le sfide future nel tentativo di sollevare il morale.

Il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky, che ha affascinato il mondo con la sua determinazione e la sua inconfondibile maglietta verde, continua a rivolgersi agli ucraini con discorsi notturni intrisi di risolutezza e sfida.

“Bisogna fare qualcosa riguardo alla politica di informazione della popolazione”, ha scritto su Facebook Sergii Neretin, giornalista ed ex vice capo dell’Agenzia cinematografica statale ucraina.

Ha osservato che i funzionari ucraini avevano giustificato il ritiro delle loro forze dalla città orientale di Sievierdonetsk dicendo che avrebbe aiutato a difendere Lysychansk, la sua ultima grande roccaforte nella regione di Luhansk. Poi Lysychansk cadde.

“Quasi ogni giorno ci vengono fornite armi, sempre più potenti, e il filmato mostra come distruggono freddamente il nemico”, ha scritto. “Come dovremmo percepire le informazioni sui nostri risultati, potenza e fornitura di armi in futuro?” chiese. “Leggi tra le righe o prendili per parola?”

La guerra ha anche stimolato un’enorme crisi umanitaria, mandando milioni di persone a fuggire dalle loro case e colpendo gravemente i mezzi di sussistenza degli ucraini.

Solo il 5% degli ucraini dichiara di vivere comodamente con il proprio reddito attuale, secondo un sondaggio pubblicato questa settimana dal National Democratic Institute.

READ  I trapianti urbani minacciano i locali nel deserto della California meridionale

Tuttavia, la grande maggioranza degli ucraini mantiene comunque una forte fiducia nelle forze armate e nel sig. Zelensky, secondo il sondaggio.

Svitlana Kolodiy, 34 anni, esperta di crowdfunding, ha affermato di aver raccolto fondi per sostenere i soldati ucraini ed era rassegnata al fatto che la guerra sarebbe durata oltre la caduta.

E pochi ucraini sono interessati a scendere a compromessi con la Russia. Gli ucraini sono “dimostrabilmente disinteressati al commercio di terre per la pace”, ha rilevato il sondaggio NDI. L’89% degli intervistati ha affermato che l’unico scenario accettabile era la bonifica di tutto il territorio occupato dalla Russia, compresa la penisola di Crimea, che Mosca ha annesso nel 2014.

“Non ci sono compromessi con la Russia”, ha detto Mariana Horchenko, una dentista di 37 anni di Kiev. “Non dopo tutte le persone che sono state uccise.”