Settembre 26, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Guerra Russia-Ucraina: aggiornamenti in tempo reale e notizie sulla Crimea

Credito…Denis Sinyakov per il New York Times

KYIV, Ucraina — La penisola di Crimea pende dalla costa meridionale dell’Ucraina come un diamante, benedetta da un clima temperato, spiagge sabbiose, rigogliosi campi di grano e frutteti ripieni di ciliegie e pesche.

È anche un palcoscenico critico per l’invasione russa dell’Ucraina.

Collegata tramite un ponte alla Russia e che funge da sede della flotta moscovita del Mar Nero, la Crimea fornisce un anello vitale nella catena di approvvigionamento dell’esercito russo che supporta decine di migliaia di soldati che ora occupano una vasta fascia dell’Ucraina meridionale.

Per il presidente Vladimir V. Putin, è un terreno sacro, essendo stata dichiarata parte della Russia da Caterina la Grande nel 1783, contribuendo a spianare la strada al suo impero per diventare una potenza navale. Il sovrano sovietico Nikita S. Khrushchev lo diede all’Ucraina nel 1954. E poiché l’Ucraina era allora una repubblica sovietica, non cambiò molto.

Ma quando l’Unione Sovietica crollò quasi quattro decenni dopo, la Russia perse il suo gioiello. Sig. Putin ha quindi affermato di correggere un torto storico quando ha annesso illegalmente la Crimea nel 2014.

Credito…Tyler Hicks/The New York Times

Sig. Putin ha promesso all’epoca che non aveva intenzione di dividere ulteriormente l’Ucraina. Eppure otto anni dopo, a febbraio, decine di migliaia di soldati russi hanno preso d’assalto la penisola a nord, dando il via alla guerra in corso.

Negli ultimi giorni, obiettivi militari in Crimea sono stati attaccati e la penisola si trova ancora una volta al centro di una grande lotta di potere.

READ  Dow Jones Futures: il rally di mercato sente il "dolore" del capo della Fed Powell; Cosa fare adesso

Importanza militare

All’inizio della guerra, le truppe russe provenienti dalla Crimea si impadronirono di aree delle regioni di Kherson e Zaporizhia che rimangono la chiave dell’occupazione russa dell’Ucraina meridionale.

La Crimea, a sua volta, offre un supporto logistico chiave alla Russia per mantenere il suo esercito di occupazione, inclusi due collegamenti ferroviari principali su cui la Russia fa affidamento per lo spostamento di pesanti equipaggiamenti militari. Le basi aeree della Crimea sono state utilizzate per organizzare sortite contro le posizioni ucraine e la penisola ha fornito un terreno di lancio per missili russi a lungo raggio.

La penisola ospita anche la flotta russa del Mar Nero, che aiuta la Russia a mantenere il dominio sul mare, compreso un blocco navale che ha paralizzato l’economia ucraina.

Un posto al sole

La Russia è fredda: un quinto del Paese si trova al di sopra del Circolo Polare Artico. Ma può essere decisamente mite nella soleggiata città della Crimea di Yalta.

“La Russia ha bisogno del suo paradiso”, scrisse il principe Grigory Potemkin, generale e amante di Caterina la Grande, quando la esortò a rivendicare la terra.

La Crimea è il luogo in cui gli zar ei presidenti del Politburo tenevano le case per le vacanze. Prima che l’Occidente imponesse sanzioni alla Russia per l’annessione illegale della penisola, era un luogo in cui i ricchi europei dell’Est andavano a rilassarsi e festeggiare.

“I casinò ronzano e fanno rumore ovunque tra i vicoli con pergolati di pini della città”, a Articolo di viaggio del New York Times proclamato su Yalta nel 2006, aggiungendo: “Molto, se non tutto, va in questa boomtown sul mare”.

READ  La tubercolosi, come il gozzo, si trasmette attraverso la respirazione, dicono gli scienziati

Il turismo è diminuito drasticamente dopo il 2014. Ma quando Le esplosioni risuonarono in una base aerea la scorsa settimana vicino alla costa occidentale della Crimea, c’erano ancora visitatori nei resort vicini che scattavano foto e video mentre il fumo nero oscurava il sole.

Credito…Reuters

Legami con la Russia

“La Crimea è sempre stata parte integrante della Russia nei cuori e nelle menti delle persone”, ha affermato il sig. Putin ha dichiarato nel suo discorso del 2014 in occasione dell’annessione. Ma la sua è una lettura selettiva della storia.

Nel corso dei secoli, Greci e Romani, Goti e Unni, Mongoli e Tartari hanno tutti rivendicato la terra.

E forse nessun gruppo in Crimea ha assistito allo svolgersi della guerra con tanta trepidazione quanto i tartari, i musulmani turchi che emigrarono dalle steppe eurasiatiche nel 13° secolo.

Li avevamo brutalmente preso di mira da Stalin, che – in una prefigurazione della giustificazione del Cremlino per la sua attuale guerra – li accusò di essere collaboratori nazisti e li deportò in massa. Migliaia di persone sono morte nel processo.

Nel 1989, Mikhail Gorbaciov, l’ultimo leader sovietico, permise ai tartari di tornare in Crimea. E prima dell’annessione del 2014, costituivano circa il 12% della popolazione della Crimea, che contava circa 260.000 abitanti.

Nel 2017 Human Rights Watch ha accusato Mosca di intensificando la persecuzione della minoranza tartara in Crimea, “con l’apparente obiettivo di mettere a tacere completamente il dissenso nella penisola”.