Maggio 25, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Gli Stati Uniti sono “fuori dalla fase pandemica”, afferma Fauci

“Siamo certamente, in questo momento, in questo paese, fuori dalla fase pandemica”, ha detto Fauci al “NewsHour” della PBS martedì.

“Ovvero, non abbiamo 900.000 nuove infezioni al giorno e decine e decine e decine di migliaia di ricoveri e migliaia di decessi. Siamo a un livello basso in questo momento. Quindi, se stai dicendo, siamo fuori dalla fase pandemica in questo paese? Noi ci siamo”, ha detto.

I casi di Covid-19 negli Stati Uniti sono crollati drammaticamente negli ultimi due mesi quando l’onda Omicron si è ritirata.

Ma i casi giornalieri sono ancora due volte superiori rispetto alla maggior parte della scorsa estate.

I nuovi casi stanno aumentando nella maggior parte degli stati e i ricoveri hanno iniziato ad aumentare nell’ultima settimana.

Meno persone muoiono di Covid-19 ora rispetto alla maggior parte della pandemia, ma con più di 400 decessi al giorno, gli ultimi due mesi di Covid-19 sono stati più mortali della più recente stagione influenzale.

Fauci ha affermato che, sebbene il coronavirus non verrà sradicato, il livello di virus nella società potrebbe essere mantenuto molto basso se le persone venissero vaccinate a intermittenza, possibilmente ogni anno.

Attualmente, i funzionari sanitari locali sul campo negli Stati Uniti stanno ancora lavorando per ottenere più persone completamente vaccinate e potenziate contro Covid-19.

L’UE delinea la sua risposta alla prossima fase della pandemia

Secondo Fauci, anche la situazione del Covid-19 negli Stati Uniti non riflette necessariamente ciò che sta accadendo nel resto del mondo.

“Pandemia significa un’infezione diffusa in tutto il mondo che si diffonde rapidamente tra le persone”, ha affermato Fauci. “Quindi, se si guarda alla situazione globale, non c’è dubbio che questa pandemia sia ancora in corso”.

READ  Notizie recenti sulle tensioni in Ucraina, Russia: annunci dal vivo

La Commissione europea ha affermato mercoledì che la pandemia di Covid-19 non è finita e che “la vigilanza e la preparazione rimangono essenziali” in quanto ha pubblicato una serie di proposte per aiutare i paesi europei a gestire la fase attuale e prepararsi per quella successiva.

La Commissione ha invitato i 27 paesi nell’Unione europea “per rafforzare la loro sorveglianza, i sistemi sanitari e la preparazione generale alla pandemia”, nonché “intensificare la vaccinazione e il potenziamento” e “continuare i test e il sequenziamento mirati” per stimare accuratamente la circolazione delle varianti e rilevare nuove varianti.

Il commissario europeo per la salute Stella Kyriakides ha dichiarato mercoledì che si stima che tra il 60% e l’80% della popolazione degli Stati Uniti abbia avuto il Covid-19.

“Il modo in cui ci prepariamo oggi per la prossima fase determinerà la causa della pandemia nei prossimi mesi e anni”, ha affermato.

Guardando avanti

Negli Stati Uniti, uscire dalla pandemia non è un linguaggio che Lori Tremmel Freeman, amministratore delegato della National Association of County and City Health Officials, ha sentito nelle conversazioni all’interno dei dipartimenti sanitari locali, ha affermato mercoledì.

Ma c’è stato un sottile cambiamento sul campo con i funzionari sanitari locali che ora stanno tornando a concentrarsi su aree non Covid come la salute materna, le vaccinazioni infantili, la tubercolosi e l’HIV.

“Penso che siano stati apportati sottili cambiamenti ai dipartimenti sanitari a livello locale per normalizzare la risposta alla pandemia in un modo che consenta loro di tornare al lavoro principale dei loro dipartimenti di salute pubblica”, ha affermato Freeman. “Ma quelle parole che sono state usate sulla fine della pandemia non sono ben circolate nell’area della salute pubblica in questo momento”.

READ  Dow Jones Future Fall: risultati del rally del mercato azionario mentre Tesla cresce sempre

Jacqueline Howard, Deidre McPhillips e James Frater della CNN hanno contribuito a questo rapporto.