Ottobre 6, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Gli atleti russi e bielorussi potranno partecipare come neutrali ai Giochi Paralimpici Invernali del 2022

A Londra, una sorella ricorda il fratello ucciso in prima linea in Ucraina. A Glasgow, un camionista riceve una telefonata dalla moglie a Lviv: la guerra è arrivata in patria. E in Connecticut, un professore universitario riflette sul disfacimento di Putin.

Per la diaspora ucraina, la guerra di Putin risuona profondamente. Abbiamo chiesto a ucraini, espatriati ed esperti politici di tutto il mondo pesare. Le opinioni espresse in questo commento sono le loro.

Olesya Khromeychuk è uno storico, scrittore e direttore dell’Istituto ucraino di Londra. Ha detto alla CNN che suo fratello maggiore, Volodymyr, è stato ucciso da schegge nel 2017 nel conflitto a Luhansk, nell’Ucraina orientale.

“Sono uno storico. Mi rendo conto che stiamo vivendo un momento che sarà in ogni programma della storia europea. Ora è il momento di decidere quale posto ognuno di noi vuole avere in quella storia. Sostieni l’Ucraina”, Khromeychuk disse.

Camionista ucraino e padre di due figli Oleksandr Bilyy, ha parlato con la CNN mentre stava attraversando il confine polacco con l’Ucraina. Le sue parole sono leggermente modificate per chiarezza.

“Giovedì mi sono svegliato a Glasgow (Scozia) alle 6:00, mia moglie mi ha chiamato dicendomi che i russi stavano bombardando la nostra capitale e il nostro paese. Quindi è tutto. Ho guidato il mio camion a Londra, ho ritirato la mia macchina e ho iniziato a guidare in Polonia – Sono arrivato lì sabato.

“La mia famiglia vive a Leopoli. Ho due bambini lì. Sono un camionista, faccio lavori dappertutto”.

“L’Ucraina è la mia patria e se gli ucraini non combatteranno per la nostra patria, chi lo farà? Non vogliamo vivere con lo stile di vita russo, vogliamo vivere con il nostro stile di vita”, ha detto il 39enne CNN.

Marci Riva è professore associato di storia intellettuale europea moderna presso l’Università di Yale, concentrandosi sull’Europa centrale e orientale del 20° e 21° secolo.

READ  Il libro di Saints Rookie QB Ian mira a catturare "un'incredibile opportunità" contro i delfini

“Questo non è più il maestro di scacchi, l’astuto grande stratega. Non è più un attore razionale, anche nel senso più freddo e cinico. Sembrava malato e sconvolto”, ha detto del film di Putin discorso lunedì scorso.

Non sembrava più un uomo che giocava a scacchi ad alto rischio, ora sembrava una scena di “Macbeth”. La mia intuizione era che un uomo anziano di fronte alla propria morte avesse deciso di distruggere il mondo intero. Molto probabilmente l’Ucraina sta combattendo per tutti noi”.

Leggi l’articolo completo qui: