Gennaio 29, 2023

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

George Santos affronta le chiamate a dimettersi dai leader del GOP di Long Island

WESTBURY, NY – Funzionari repubblicani a Long Island, tra cui il rappresentante Anthony D’Esposito, mercoledì hanno chiesto le dimissioni del rappresentante George Santos, mentre deve affrontare molteplici indagini sulle sue finanze, spese elettorali e invenzioni durante la campagna elettorale.

Sig. D’Esposito, che rappresenta un distretto appena a sud di Mr. Santos, ha detto in una conferenza stampa che il suo collega repubblicano aveva violato la fiducia di “non solo gli elettori, ma le persone in tutta l’America”.

Sig. D’Esposito, che ha aderito all’evento tramite video dal suo ufficio di Washington, ha detto che “non si assocerà a lui al Congresso e incoraggerò altri rappresentanti della Camera dei Rappresentanti a unirsi a me nel respingerlo”.

Il presidente del partito della contea di Nassau, Joseph G. Cairo Jr., ha affermato che il sig. Santos, un repubblicano al primo mandato, aveva perso la fiducia dei repubblicani nel suo distretto, dicendo che Mr. La campagna di Santos è stata una campagna di “inganni, bugie, falsità”.

“Ha disonorato la Camera dei Rappresentanti e noi non lo consideriamo uno dei nostri membri del Congresso”, ha dichiarato il Sig. disse il Cairo. “Oggi, a nome del comitato repubblicano della contea di Nassau, chiedo le sue immediate dimissioni”.

I leader hanno delineato uno scenario in cui Mr. Santos verrebbe escluso dal funzionamento quotidiano del governo locale, escludendolo da riunioni ed eventi locali e sollecitando gli elettori a contattare altri rappresentanti con le loro richieste locali. Mentre tali mosse ostacolerebbero Mr. Santos, potrebbero anche limitare l’accesso di base dei costituenti e potenzialmente ostacolare la capacità di soddisfare le esigenze locali.

Sig. Santos, che è stato eletto per rappresentare il Terzo Distretto Congressuale, un conseguente distretto oscillante nel Queens e a Long Island, ha rifiutato di dimettersi mercoledì, scrivendo su Twitter che è stato eletto per servire gli elettori, “non il partito e i politici”.

READ  Il Comitato del 6 gennaio piega la sua autorità perché l'accusa Bonan serve come monito per altri testimoni riluttanti

“Rimango impegnato a farlo e mi dispiace sentire che i funzionari locali si rifiutano di lavorare con il mio ufficio per fornire risultati per mantenere la nostra comunità al sicuro e abbassare il costo della vita”, ha scritto. “NON mi dimetterò!”

Le chiamate del sig. Le dimissioni di Santos segnano la più dura denuncia del comportamento del deputato da parte dei repubblicani segnalazione sul New York Times scoperto che il sig. Santos aveva fatto false affermazioni sul suo background educativo e professionale e aveva sollevato domande sulla sua attività, le sue rivelazioni finanziarie e le spese della sua campagna.

Si aggiungono anche alla crescente pressione di fronte a Mr. Santos, che è attualmente oggetto di indagini da parte dei pubblici ministeri federali e locali sul fatto che i suoi rapporti finanziari o le bugie durante la campagna elettorale giustifichino un’accusa penale.

Solo questa settimana, Mr. Santos, 34 anni, è stato oggetto di due reclami etici formali. Martedì, due legislatori democratici ha sporto formale denuncia chiedendo alla commissione bipartisan per l’etica della Camera di indagare se Mr. Santos è entrato in conflitto con la legge quando ha presentato le informazioni finanziarie richieste in ritardo e senza dettagli chiave sui suoi conti bancari e affari.

Il giorno prima, un gruppo di sorveglianza, il Campaign Legal Center, ha invitato la Federal Election Commission a indagare sul membro del Congresso, accusandolo di utilizzare impropriamente i fondi della campagna per spese personali, travisando le sue spese e nascondendo le vere fonti del suo denaro elettorale.

I funzionari delle forze dell’ordine brasiliane hanno anche affermato che stavano rilanciando le accuse di frode contro il sig. Santos legato a un incidente del 2008 che coinvolgeva un libretto degli assegni rubato, dopo che il caso era stato divulgato nel rapporto del Times.

READ  La Camera degli Stati Uniti approva gli aiuti all'Ucraina, il divieto di petrolio alla Russia, i fondi scongiurano la chiusura del governo degli Stati Uniti

Sig. La chiamata di D’Esposito per Mr. Le dimissioni di Santos potrebbero creare una corsia affinché altri membri della Camera repubblicana si uniscano a lui, anche se nessuno lo ha fatto immediatamente.

Nelle settimane successive all’articolo di The Times, il portavoce della Camera, Kevin McCarthy, è rimasto in gran parte in silenzio sulla controversia in corso, sebbene nonvecchio giornalista per la CNN mercoledì che non si aspettava che Mr. Santos per ricevere incarichi per i comitati elettorali.

Sig. Santos ha sostenuto Mr. McCarthy nel suo lunga lotta per diventare oratore la scorsa settimana. Ma il sig. McCarthy non ha commentato pubblicamente i rapporti di CNBC e The Washington Times secondo cui qualcuno che lavora con Mr. La campagna di Santos ha impersonato Mr. Il capo dello staff di McCarthy per raccogliere fondi dai donatori.

Martedì, il leader della maggioranza repubblicana, il rappresentante Steve Scalise della Louisiana, ha affermato che la leadership del partito si occuperà delle domande su Mr. Santos “internamente”, ma ha riconosciuto che “c’erano preoccupazioni” che lui e altri volevano affrontare. La rappresentante Elise Stefanik di New York, la terza repubblicana della Camera, ha detto a un giornalista di Spectrum News che “questo si risolverà da solo”.

Altri repubblicani di base sono stati più espliciti nelle loro condanne. Il rappresentante Nick LaLota, un altro parlamentare di primo mandato che rappresenta parti di Long Island, il mese scorso ha chiesto un’indagine sull’etica della Camera. Sig. Martedì D’Esposito ha anche dichiarato a NBC News di sostenere l’indagine sull’etica.

Martedì, il rappresentante Dusty Johnson del South Dakota ha dichiarato alla CNN di non credere al sig. Santos dovrebbe essere seduto nei comitati della Camera “fino a quando non avremo una comprensione più profonda di ciò che è accaduto esattamente nella sua campagna”.

READ  Oggi 25 di domani: Cincinnati n. 2 tra i primi 10 nella classifica del calcio dell'Oklahoma State New College

Sig. Cairo ha detto di non aver parlato con Mr. McCarthy sperava che la leadership della Camera avrebbe sostenuto le richieste del distretto per Mr. Le dimissioni di Santos.

Erano il sig. Se il seggio di Santos diventasse vacante, si terrebbe un’elezione speciale per occuparlo. Sig. Il Cairo ha rifiutato di specificare se il suo partito avesse in mente potenziali candidati.

Sig. La rivolta del Cairo, in particolare, rappresenta una rottura significativa tra Mr. Santos e un’organizzazione che è stata parte integrante nell’aiutare il membro del Congresso ad assicurarsi il suo seggio, che copre un’ampia fascia della contea di Nassau e una sezione molto più piccola del nord-est del Queens.

Sig. Il Cairo era tra i circa 30 repubblicani locali e federali che hanno partecipato alla conferenza stampa per castigare Mr. Santos e ne ha chiesto le dimissioni. Il Comitato Repubblicano di Nassau ha confermato di aver rimborsato gli oltre 120.000 dollari che Mr. Santos aveva dato al comitato di contea.

Sig. Le affermazioni di Santos sui suoi antenati ebrei e sull’esperienza della sua famiglia con l’Olocausto, che da allora diverse organizzazioni dei media hanno messo in discussione, hanno suscitato particolare angoscia. Una volta descrivendosi come un “orgoglioso ebreo americano”, Mr. Da allora Santos ha ripreso quell’affermazione, dicendo invece che era “ebreo”.

Il dirigente della contea di Nassau, Bruce Blakeman, ha dichiarato che Mr. Le affermazioni di Santos erano oltre il limite, in particolare data la grande popolazione di sopravvissuti all’Olocausto e dei loro discendenti nella contea di Nassau. “È semplicemente tragico, oltraggioso e disgustoso”, ha detto.