Maggio 25, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Frane e inondazioni uccidono almeno 117 persone a Petropolis in Brasile

PETROPOLIS, Brasile, 17 febbraio (Reuters) – Il bilancio delle vittime di smottamenti e inondazioni nella città di Petropolis, in Brasile, in epoca coloniale, è salito a 117 giovedì e si prevede che aumenterà ulteriormente a causa delle piogge più intense in quasi un secolo.

I forti acquazzoni pomeridiani, quando la città ha registrato circa 6 cm (2,36 pollici) di pioggia, hanno causato ancora più instabilità del suolo e interrotto gli sforzi per trovare sopravvissuti e ripulire i detriti. Secondo i meteorologi, nella regione sono previsti fino a 4 cm di pioggia durante la notte.

“Ci sono almeno sei bambini qui e potrebbero essercene altri dai vicini”, ha detto Fabio Alves, un residente, che ha notato che i soccorritori non stavano perquisendo quella zona. “Stiamo stimando più di 10 persone sepolte qui e abbiamo bisogno di aiuto”, ha detto.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Più di 700 persone hanno dovuto lasciare le loro case e rifugiarsi nelle scuole locali e in altri alloggi di fortuna. Il governatore di Rio de Janeiro Claudio Castro mercoledì ha paragonato i danni a una zona di guerra.

“Spero qui di trovare mia moglie. Sono sicuro che è qui. Il vicino del piano di sotto ha detto che era sul balcone quando la colata di fango ha colpito”, ha detto Marcelo Barbosa, un altro residente.

Vi sono informazioni contrastanti sul numero delle vittime della tragedia. La polizia ha detto che sono scomparse più di 100 persone mentre l’ufficio del pubblico ministero ha detto che almeno 35 persone sono disperse.

Durante il giorno, l’obitorio locale è stato costretto a utilizzare un camion frigorifero come riserva poiché altre vittime venivano portate mentre altri corpi erano ancora in attesa di essere identificati dalle loro famiglie.

Il capo della protezione civile di Rio de Janeiro, Leandro Monteiro, ha lavorato durante la notte, con scarsa illuminazione su un terreno fradicio, per trovare sopravvissuti. È tra gli oltre 500 soccorritori, insieme ai vicini e ai parenti delle vittime che sono ancora alla ricerca dei propri cari.

“Vivo qui da 44 anni e non ho mai visto niente del genere … Tutti i miei amici se ne sono andati, sono tutti morti, tutti sepolti”, ha detto la residente Maria Jose Dante de Araujo.

Gli acquazzoni, che solo martedì hanno superato la media dell’intero mese di febbraio, hanno provocato smottamenti che hanno allagato strade, distrutto case, spazzato via auto e autobus e lasciato squarci larghi centinaia di metri (iarde) sui pendii delle montagne della regione. Per saperne di più

È stata la pioggia più intensa registrata dal 1932 a Petropolis, una destinazione turistica sulle colline dello stato di Rio de Janeiro, popolarmente conosciuta come la “Città Imperiale” poiché era la vacanza estiva dei reali brasiliani nel 19° secolo.

“Non ho nemmeno parole. Sono devastato. Siamo tutti devastati per ciò che abbiamo perso, per i nostri vicini, per i nostri amici, per le nostre case. E siamo ancora vivi, e quelli che se ne sono andati?” ha detto la residente Luci Vieira dos Santos.

Il presidente brasiliano Jair Bolsonaro, che ha promesso di visitare la regione al ritorno da un viaggio ufficiale in Russia e Ungheria, ha promesso assistenza federale per aiutare la popolazione e iniziare a ricostruire l’area.

READ  Le entrate del terzo trimestre 2021 di Beyond Meat (BYND) non sono riuscite

Alla luce del disastro, il Ministero dell’Economia brasiliano ha risposto approvando agevolazioni fiscali sia per Rio de Janeiro che per Espirito Santo, dove anche gli acquazzoni hanno causato danni.

Da dicembre, forti piogge hanno provocato inondazioni mortali e smottamenti in gran parte del Brasile, minacciando di ritardare i raccolti e costringendo brevemente alla sospensione delle operazioni minerarie nello stato di Minas Gerais, appena a nord di Rio.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Reporting di Sebastian Rocandio a Petropolis e Rodrigo Viga Gaier a Rio de Janeiro; Rapporti aggiuntivi di Eduardo Simoes a San Paolo e Marcela Ayres a Brasilia; Scritto da Gabriel Araujo e Ana Mano; Montaggio di John Stonestreet, Alison Williams, Chizu Nomiyama e Diane Craft

I nostri standard: I principi di fiducia di Thomson Reuters.