Novembre 26, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Florida Pair si dichiara colpevole per il furto del diario di Ashley Biden

Giovedì due residenti della Florida si sono dichiarati colpevoli davanti al tribunale federale di Manhattan per aver rubato un diario e altri effetti personali Presidente Bidensua figlia, Ashley Biden, e li ha venduti al gruppo conservatore Project Veritas nelle ultime settimane della campagna 2020.

Aimee Harris, 40 anni, e Robert Kurlander, 58 anni, hanno ammesso di aver preso parte a un cospirazione per il trasporto di materiale rubato dalla Florida, dove la sig. Biden viveva a New York, dove Project Veritas ha il suo quartier generale.

I pubblici ministeri hanno detto che il sig. Kurlander ha accettato come parte di un patteggiamento di collaborare con le indagini del Dipartimento di Giustizia come il diario è stato acquisito da Project Veritasle cui operazioni ingannevoli contro i gruppi liberali e le organizzazioni giornalistiche tradizionali lo hanno reso uno dei preferiti dell’ex presidente Donald J. Trump.

“Harris e Kurlander hanno rubato proprietà personali a un parente stretto di un candidato a una carica politica nazionale”, ha affermato in una nota Damian Williams, l’avvocato statunitense del distretto meridionale di New York.

In un atto giudiziario che espone le accuse, i pubblici ministeri hanno affermato che il sig. Kurlander aveva mandato un messaggio alla sig. Harris nel settembre 2020 affermando che Project Veritas era “in un affare impreciso e qui stanno prendendo quello che è letteralmente un diario e informazioni rubati” e tentando di trasformarlo in una storia che rovinerebbe la signora Harris. La vita di Biden “e cerca di effettuare le elezioni”.

In una dichiarazione, Project Veritas ha dichiarato: “La raccolta di notizie di Project Veritas è stata etica e legale. La legittima ricezione da parte di un giornalista di materiale in seguito ritenuto essere stato rubato è una routine, un luogo comune e protetto dal Primo Emendamento.

READ  The Lux of the Dodgers very soon celebrated the Versus Giants

Le eccezioni di colpevolezza hanno segnato la prima volta che sono state presentate accuse penali per il furto della sig. Il diario di Biden, che ha tenuto mentre si riprendeva dalla dipendenza.

“So che quello che ho fatto è stato sbagliato e terribile, e mi scuso”, ha detto il Sig. Kurlander ha detto in tribunale.

“Mi scuso sinceramente per qualsiasi azione e so che quello che ho fatto era illegale”, ha detto la sig. ha detto Harris.

Sig. Kurlander e la sig. Harris, che si è arreso alle autorità giovedì, è stato rilasciato dopo l’udienza.

Non è chiaro se il Dipartimento di Giustizia alla fine incrimini qualcuno che ha lavorato per il Progetto Veritas, che nei documenti del tribunale è stato indicato solo come un’organizzazione con sede a Mamaroneck, New York. Il gruppo non ha pubblicato il diario.

Ma i pubblici ministeri hanno detto che i due a un certo punto hanno rivelato a un agente di Project Veritas che la sig. Biden aveva immagazzinato più oggetti nella casa della Florida e che fossero tornati a casa per rubarli su richiesta dell’agente. I due in seguito si sono incontrati con l’agente in Florida e hanno dato la proprietà rubata aggiuntiva a quel dipendente, che l’ha spedita a New York, hanno detto i pubblici ministeri.

Da quando l’indagine è iniziata quasi due anni fa, gli investigatori federali si sono mossi in modo aggressivo, effettuare perquisizioni giudiziarie presso le case di due ex agenti di Project Veritas e del fondatore del gruppo, James O’Keefe.

I pubblici ministeri hanno ottenuto una miniera di e-mail che gli agenti di Project Veritas si sono scambiati nel periodo in cui ha acquistato il diario, e hanno intervistato diversi ex agenti, inclusi alcuni che hanno lasciato l’organizzazione dopo essere rimasti delusi dal sig. O’Keefe.

READ  Hochul dichiara lo stato di emergenza per la poliomielite a New York

Project Veritas, che ha ammesso di aver acquistato il diario, ha ripetutamente affermato che le sue azioni sono tutelate dal Primo Emendamento e che riteneva che il diario fosse stato legalmente ottenuto. Sebbene l’indagine sia iniziata durante l’amministrazione Trump, Project Veritas ha attaccato l’indagine come parte di una vendetta portata avanti da Mr. Dipartimento di Giustizia di Biden.

L’ufficio del procuratore statunitense a Manhattan ha avviato le indagini alla fine di ottobre 2020, dopo essere stato allertato dalla sig. Gli avvocati di Biden che Project Veritas avevano richiesto un colloquio con suo padre sul contenuto del diario, che includeva rivelazioni imbarazzanti su di loro.

SM. Biden aveva lasciato il diario a casa di un amico a Delray Beach, in Florida, nel 2020 e aveva programmato di tornare a recuperarlo quell’anno, secondo interviste e documenti del tribunale. L’amico ha permesso alla sig. Harris, che era in un’aspra disputa per la custodia e lottava finanziariamente, per rimanere a casa. SM. Harris ha appreso che la sig. Biden viveva lì e ha trovato le sue cose. Ha detto al sig. Kurlander, che ha informato una sostenitrice e raccolta fondi di Trump, Elizabeth Fago.

SM. Harris e il sig. Kurlander ha portato il diario ad a Trump raccolta fondi presso la sig. La casa di Fago, dove è stato diffuso, ha riportato il New York Times l’anno scorso. SM. Alla fine Fago ha aiutato a dirigere Ms. Harris e il sig. Kurlander al Progetto Veritas.

SM. Harris e il sig. Kurlander si è recato a Manhattan per mostrare il diario a Project Veritas, dicendo agli agenti del gruppo che lo avevano trovato e altri oggetti nella casa di Delray Beach dove la sig. Biden era stato da un amico.

READ  Giornata nazionale della firma 2022: aggiornamenti in tempo reale, classifiche di reclutamento del football universitario, classifiche di prima classe

Il progetto Veritas, che utilizza tattiche ingannevoli per irretire i bersagli, ha intrapreso uno sforzo ad ampio raggio per autenticare il diario. Come parte di questo sforzo, un agente ha cercato di ingannare la Sig. Biden durante una telefonata in cui confermava che il diario era suo.

Project Veritas ha successivamente contattato la Sig. Gli avvocati di Biden parlano del diario nel tentativo di ottenere un colloquio con suo padre prima delle elezioni. SM. Gli avvocati di Biden hanno detto al gruppo che l’idea che avesse abbandonato il diario era “ridicola” e hanno accusato il gruppo di “Sforzo esorbitante per assicurarsi un colloquio”, secondo le e-mail ottenute da The Times. SM. Gli avvocati di Biden hanno quindi contattato i pubblici ministeri federali a Manhattan.

Nel bel mezzo di questo scambio, un sito web conservatore, National File, ha pubblicato estratti dal diario il 18 ottobre. 24, 2020, e il suo contenuto completo due giorni dopo, con poca fanfara.

National File ha affermato di aver ottenuto il diario da qualcuno di un’altra organizzazione che non era disposta a pubblicarlo negli ultimi giorni della campagna. Sig. Si diceva che O’Keefe fosse furioso per il fatto che il diario fosse finito nelle mani del National File.

All’inizio di novembre 2020, giorni dopo l’elezione, Project Veritas ha organizzato per la sig. Gli oggetti di Biden devono essere portati al dipartimento di polizia di Delray Beach, dove un avvocato è stato catturato in un video dicendo che gli effetti personali potrebbero essere stati rubati. La polizia ha quindi contattato l’FBI