Novembre 30, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Elezioni Brasile 2022 in diretta: Lula in testa con il 90% dei voti contati ma probabile ballottaggio | Brasile

Eventi chiave

Con il conteggio quasi completo, una vittoria al primo turno sembra fuori portata per Lula, il che significa che è probabile che si scontrerà con Bolsonaro al ballottaggio il 30 ottobre.

Una vittoria per Lula in quel round non è affatto garantita.

L’economista politico Filipe Campante:

Ai miei seguaci non brasiliani: non commettere errori, le probabilità per la democrazia brasiliana sembrano sostanzialmente più basse in questo momento rispetto a 24 ore fa. Bolsonaro avrà una vera possibilità di vincere il ballottaggio, e in quel caso siamo in grossi guai.

— Filipe Campante (@FilipeCampante) 2 ottobre 2022

Andrew Downie riporta per il Guardian da San Paolo:

Due grandi vittorie al Senato nel sud del Brasile per il presidente brasiliano Jair Bolsonaro. Nello stato del Paraná, Sergio Moro ha vinto le elezioni con il 33,6% dei voti e anche nel Rio Grande do Sul, Hamilton Mourão, è tornato a casa con il 44,3%.

Ex generale dell’esercito, Mourão è stato vicepresidente di Bolsonaro, mentre Moro è stato il giudice che ha guidato l’indagine sull’autolavaggio che ha portato all’incarcerazione di Lula nel 2017.

Nominato Bolsonaro Moro come suo ministro della giustizia ma la sua immagine di crociato anticorruzione è stata danneggiata quando i tribunali più anziani hanno annullato la sua decisione di incarcerare Lula e liberato l’ex presidente.

Un indagine di The Intercept ha mostrato che Moro ha collaborato con i pubblici ministeri per pregiudicare la difesa di Lula.

Ha cercato di candidarsi alla presidenza ma la sua campagna non è mai decollata e dopo colloqui avanti e indietro con partiti in almeno due stati diversi ha deciso di candidarsi al Senato nel suo stato d’origine.

Mourão, nel frattempo, ha sconfitto il veterano del PT Olivio Dutra, ex governatore del Rio Grande do Sul.

Lula ora è in vantaggio di quasi il 4%, ma non si è assicurato abbastanza voti per evitare il ballottaggio con Bolsonaro. E il conteggio è quasi finito.

Mi scuso: ho sbagliato i calcoli in quell’ultimo post (e ora l’ho aggiornato). Affinché Lula vinca, dovrebbe ottenere quasi tutti i voti rimanenti, non più della metà dei voti rimanenti. È estremamente, estremamente improbabile che non ci sarà un deflusso.

Ci stiamo avvicinando al risultato finale, ma sembra ancora improbabile che Lula ottenga una vittoria assoluta. Se non ottiene più del 50% dei voti, i brasiliani torneranno alle urne il 30 ottobre per il ballottaggio.

È ancora tecnicamente possibile per lui vincere: avrebbe bisogno di quasi tutti i voti rimanenti.

Con oltre il 90% dei voti contati, Lula è ancora in vantaggio, ora di oltre il 3%.

Il ballottaggio sembra ancora il risultato più probabile. pic.twitter.com/meEgOYgIQV

— Helen Sullivan (@helenrsullivan) 2 ottobre 2022

Chi è Lula? L’ex lustrascarpe, operaio di fabbrica e l’uomo che Barack Obama una volta definì “il presidente più popolare della terra”.

Dal mio collega Tom Philips:

Dopo aver vinto il 2002 Brasile elezioni, Lula ha sfruttato la manna del boom delle materie prime per aiutare milioni di cittadini a sfuggire alla povertà ed è diventata un rispettato statista internazionale, aiutando il Brasile a conquistare la Coppa del Mondo 2014 e le Olimpiadi del 2016.

Lula ha lasciato il potere nel 2010 con un indice di approvazione vicino al 90%. Ma il decennio successivo fu brutale per la sinistra e il suo partito. Il PT è stato coinvolto in una serie di tentacolari scandali di corruzione ed è stato accusato di aver precipitato il Brasile in una selvaggia recessione. Il successore di Lula, Dilma Rousseff, è stato messo sotto accusa nel 2016 in quello che molti sostenitori hanno definito un “colpo di stato” politico.

Due anni dopo Lula è stato incarcerato dopo essere stato condannato con l’accusa di corruzione che è stata annullata l’anno scorso, aprendo la strada al suo clamoroso tentativo di rivendicare la presidenza.

Lula avrebbe trascorso 580 giorni dietro le sbarre, durante i quali il ex soldato di estrema destra Jair Bolsonaro è stato eletto, inaugurando un’era di distruzione dell’Amazzonia e isolamento internazionale.

Ma il veterano di sinistra sembra aver usato saggiamente il suo periodo di reclusione, progettando quello che solo pochi anni fa sembrava un impensabile ritorno al palazzo presidenziale di Brasilia.

Sabato, Lula ha detto che sarebbe sceso nelle strade di San Paolo la notte delle elezioni per fare festa. “Risuscitare dalle ceneri come siamo risorti”, ha detto, “è motivo di grande, grande gioia e celebrazione”.

Con oltre l’80% dei voti contati, Lula ha guadagnato un po’ di terreno in vantaggio su Bolsonaro.

Ma sembra altamente improbabile, anche se non ancora tecnicamente impossibile, che otterrà più del 50% necessario per vincere a titolo definitivo ed evitare un ballottaggio.

Il corrispondente del Guardian per l’America Latina Tom Phillips riferisce dall’esterno dell’hotel di Lula, dove è stato recentemente annunciato il suo vantaggio su Bolsonaro:

Ci sono state scene di gioia fuori dall’hotel di Lula quando è stata riportata la notizia. “Provo un’emozione inspiegabile. È come una finale di Coppa del Mondo”, ha detto Liliane Carvalho, un’attivista di 41 anni che indossa un berretto rosso decorato con lo slogan: “Make Lula President Again”.

Carvalho si è detta convinta che Lula si stesse dirigendo verso una vittoria al primo turno. Ma il principale sondaggista brasiliano, DataFolha, prevede ora che le elezioni presidenziali andranno al secondo turno il 30 ottobre.

Un sostenitore dell’ex presidente e candidato presidenziale Luiz Inacio Lula da Silva reagisce mentre le persone si radunano dopo che i seggi elettorali sono stati chiusi alle elezioni presidenziali, a San Paolo, in Brasile, il 2 ottobre 2022. Fotografia: Amanda Perobelli/Reuters

Il sondaggio Datafolha prevede il deflusso

La società di sondaggi Datafolha prevede che le elezioni andranno al secondo turno il 30 ottobre, il che significa che Lula non sarà riuscita a ottenere più del 50% dei voti in questo turno, un risultato sorprendente dato il pre-sondaggio che ha mostrato la sinistra leader che si assicura una vittoria confortevole.

Se ti unisci a noi, i brasiliani hanno votato domenica in un’elezione altamente polarizzata che potrebbe determinare se il paese riporterà una sinistra al timone della quarta democrazia più grande del mondo o manterrà l’estrema destra in carica per altri quattro anni.

Con il 70% dei voti contati, il capofila ed ex presidente Luiz Inacio Lula da Silva del Partito dei Lavoratori era appena davanti al presidente in carica di estrema destra Jair Bolsonaro.

Il vincitore deve assicurarsi più del 50% dei voti per evitare un ballottaggio. Se le elezioni andranno al ballottaggio, avverrà il 30 ottobre.

I recenti sondaggi di opinione hanno dato a da Silva (noto come Lula) un vantaggio imponente. L’ultimo sondaggio Datafolha pubblicato sabato ha rilevato un vantaggio dal 50% al 36% per da Silva tra coloro che intendevano votare. Ha intervistato 12.800 persone, con un margine di errore di due punti percentuali.

Lula prende il comando con il 70% dei voti contati

Dopo una prima ora di conteggio da mangiarsi le unghie – e con un’altra ora circa di tensione – Lula ha superato Bolsonaro alle elezioni presidenziali brasiliane.

Lula attualmente ha il 45,74% dei voti, contro il 45,51% di Bolsonaro.

Tom Philips del Guardian riferisce dall’esterno dell’hotel di Lula a San Paolo:

Ci aspettiamo che Lula superi Bolsonaro da un momento all’altro, ma questo non significa che sia finita. Lula ha bisogno di più del 50% per vincere a titolo definitivo, meno di quello, e dovrà combattere Bolsonaro in un ballottaggio alla fine di questo mese.

I sondaggi avevano previsto una vittoria assoluta per Lula, ma ora sembra possibile un ballottaggio.

Per essere dichiarato vincitore, un candidato alla presidenza in Brasile deve ottenere più del 50% dei voti.

I sondaggi alla vigilia delle elezioni suggerivano che Lula – che ha governato dal 2003 al 2010 – era allettante vicino a ottenere la maggioranza assoluta dei voti di cui aveva bisogno per evitare un ballottaggio al secondo turno contro Bolsonaro a fine ottobre. Un sondaggio ha dato a Lula il 51% contro il 37% di Bolsonaro, un altro ha dato loro rispettivamente il 50% e il 36%.

READ  Joe Biden ha successo su linee globali mentre il presidente affronta un pubblico globale altamente scettico nel suo primo G20