Gennaio 29, 2023

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Drone attacca il serbatoio dell’olio all’aeroporto all’interno della Russia – governatore

  • La regione di Kiev sta affrontando uno dei blackout più urgenti
  • Gli Stati Uniti chiedono l’aiuto dei dirigenti per gli asset energetici dell’Ucraina
  • Mosca: droni ucraini attaccano basi aeree in Russia, 3 morti

KIEV, 6 dic (Reuters) – Un attacco di droni contro un aeroporto nella regione russa di Kursk ha dato fuoco a un serbatoio di stoccaggio di petrolio, ha detto martedì un governatore, il giorno dopo che la Russia ha accusato l’Ucraina di audaci attacchi di droni contro due aeroporti militari all’interno del territorio russo . .

Roman Starovoyt, governatore della regione di Kursk al confine con l’Ucraina, ha dichiarato sull’app di messaggistica Telegram che non ci sono state vittime dell’attacco e che l’incendio è stato “localizzato”. Reuters non è stato in grado di verificare immediatamente i rapporti.

Il ministero della Difesa russo ha affermato in precedenza che i droni ucraini hanno attaccato due basi aeree a Ryazan e Saratov nella Russia centro-meridionale lunedì, uccidendo tre militari e ferendone quattro e danneggiando due aerei.

L’Ucraina non ha rivendicato direttamente la responsabilità di nessuno degli attacchi. Se fosse alle loro spalle, gli attacchi di lunedì sarebbero i più profondi all’interno della Russia da quando Mosca ha invaso l’Ucraina il 14 febbraio. 24.

Il New York Times, citando un alto funzionario ucraino, ha affermato che i droni coinvolti negli attacchi di lunedì sono stati lanciati dal territorio ucraino e almeno uno degli attacchi è stato effettuato con l’aiuto di forze speciali vicine alla base.

La società israeliana di imaging satellitare ImageSat International ha condiviso immagini che ha affermato di mostrare segni di bruciature e oggetti vicino a un aereo Tu-22M nella base aerea di Dyagilevo.

READ  Il GM uscente dei Pittsburgh Steelers Kevin Colbert dà il voto di fiducia al QB Mason Rudolph

Il ministero della Difesa russo ha affermato che gli attacchi di lunedì sono stati atti di terrorismo destinati a disabilitare gli aerei a lungo raggio e che i droni a bassa quota sono stati abbattuti. I decessi sono stati segnalati nella base di Ryazan, 185 km (115 miglia) a sud-est di Mosca.

Saratov dista almeno 600 km (370 miglia) dal territorio ucraino più vicino. I commentatori russi hanno affermato sui social media che se l’Ucraina potesse colpire così lontano all’interno della Russia, potrebbe anche essere in grado di colpire Mosca.

L’analista militare ucraino Serhiy Zgurets ha affermato che le basi aeree colpite lunedì erano le uniche strutture in Russia in grado di servire completamente i bombardieri utilizzati per lanciare attacchi contro l’Ucraina.

“È ancora troppo presto per dire di cosa si tratta qui, ma la capacità delle forze armate ucraine di raggiungere obiettivi militari in profondità nel territorio della Federazione Russa ha un significato molto simbolico e importante”, ha scritto su Espreso TV sito web.

Non ci sono stati commenti immediati da Kiev o Mosca sull’ultimo rapporto di un attacco di droni a Kursk.

NUOVO BRACCIO

La Russia ha risposto agli attacchi di lunedì con un “massiccio attacco al sistema di controllo militare” e altri obiettivi utilizzando armi aeree e marittime ad alta precisione in cui sono stati colpiti tutti i 17 obiettivi, ha affermato il ministero della Difesa russo.

L’Ucraina ha avvertito che ci sarebbero stati di nuovo blackout di emergenza in diverse regioni mentre riparava i danni causati da attacchi missilistici, ha affermato di aver distrutto case e interrotto l’energia elettrica.

Gli attacchi, che hanno riportato parti dell’Ucraina in un’oscurità gelida con temperature inferiori a zero gradi Celsius (32 gradi Fahrenheit), sono stati gli ultimi di settimane di attacchi che hanno colpito infrastrutture critiche.

READ  Le azioni chiudono in rialzo venerdì, il Nasdaq segna la terza settimana consecutiva di guadagni

Almeno quattro persone sono state uccise, ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelenskiy, aggiungendo che la maggior parte dei circa 70 missili sono stati abbattuti.

“In molte regioni, dovranno esserci blackout di emergenza”, ha detto lunedì in un discorso video. “Faremo di tutto per ripristinare la stabilità”.

La Russia attacca regolarmente le infrastrutture energetiche dell’Ucraina dall’inizio di ottobre in quello che dice essere un tentativo di degradare le sue forze armate. L’Ucraina afferma che tali attacchi sono diretti contro i civili e costituiscono crimini di guerra. La Russia lo nega.

Gli Stati Uniti hanno dichiarato che giovedì convocheranno un incontro virtuale con i dirigenti del settore petrolifero e del gas per discutere di come possono supportare l’infrastruttura energetica ucraina, secondo una lettera vista da Reuters.

Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha affermato che la Russia fallirà nella sua “attuale mossa di tentare, in effetti, di convincere il popolo ucraino ad alzare le mani”.

“Il punto è questo, a meno che e fino a quando la Russia non dimostri di essere interessata a una diplomazia significativa, non può andare da nessuna parte. Se e quando lo farà, saremo i primi ad essere pronti ad aiutare”, ha detto al Muro Consiglio dei CEO di Street Journal a Washington.

La Russia afferma che sta conducendo una “operazione militare speciale” in Ucraina per liberarla dai nazionalisti e proteggere le comunità di lingua russa. L’Ucraina ei suoi alleati accusano la Russia di una guerra non provocata per impadronirsi del territorio.

COMBATTIMENTO A DONETSK

L’esercito ucraino ha detto martedì che le sue forze hanno respinto gli attacchi russi in o intorno a sette insediamenti nella regione di Donetsk, inclusa la città di Bakhmut, nelle ultime 24 ore.

READ  Il sospetto di omicidio quadruplo dell'Idaho arriva nello stato dopo aver rinunciato all'estradizione dalla Pennsylvania

I soldati russi stavano tentando di tagliare le strade per Bakhmut da ovest e nord-ovest, ha detto su YouTube il consigliere presidenziale ucraino Oleksiy Arestovych.

Il governatore di Donetsk Pavlo Kyrylenko ha detto lunedì alla televisione ucraina che a Bakhmut erano rimaste solo circa 12.000 persone, dalle 80.000 prima della guerra, e non c’erano elettricità o gas.

Nella regione meridionale ucraina di Zaporizhzhia, lunedì almeno due persone sono state uccise e diverse case distrutte dagli attacchi missilistici russi, ha detto un funzionario dell’ufficio presidenziale.

Il video di Reuters ha mostrato due corpi accanto a un’auto danneggiata nel villaggio di Novosofiivka, a circa 25 km (16 miglia) a est della città di Zaporizhzhia.

“Entrambi i miei vicini sono stati uccisi”, ha detto Olha Troshyna 62 anni. “Erano in piedi vicino alla macchina … salutando il figlio e la nuora.”

L’aeronautica ucraina ha dichiarato di aver abbattuto oltre 60 degli oltre 70 missili lanciati dalla Russia lunedì.

Reporting da parte degli uffici Reuters; Scritto da Stephen Coates; montaggio di Raju Gopalakrishnan

I nostri standard: I principi di fiducia di Thomson Reuters.