Luglio 3, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Dopo la benedizione dell’UE, l’Ucraina giura di prevalere mentre combatte gli assalti russi

  • Johnson del Regno Unito si impegna a sostenere, avverte di “stanchezza dell’Ucraina”
  • Il vertice dell’UE dovrebbe restituire all’Ucraina lo status di candidato
  • La battaglia per Sievierdonetsk continua
  • Zelenskiy visita le truppe nel sud
  • Altri attacchi missilistici, bombardamenti in tutta l’Ucraina centrale e orientale

KIEV, 18 giugno (Reuters) – Con una benedizione per le sue ambizioni dell’UE e una promessa di incrollabile sostegno da parte della Gran Bretagna, sabato l’Ucraina ha promesso di prevalere su Mosca mentre combatteva gli assalti russi vicino a una città chiave dell’est e diverse località sono state colpite da proiettili e missili attacco.

I paesi dell’Unione Europea sono attesi in un vertice la prossima settimana per concedere all’Ucraina lo status di candidato all’UE a seguito di una raccomandazione dell’esecutivo del blocco venerdì, mettendo Kiev sulla buona strada per realizzare un’aspirazione considerata fuori portata prima del 20 febbraio della Russia. 24 invasione, anche se l’effettiva adesione potrebbe richiedere anni. leggi di più

Il primo ministro britannico Boris Johnson ha fatto una visita a sorpresa a Kiev venerdì e ha offerto addestramento alle forze ucraine. Tornato in Gran Bretagna sabato, ha sottolineato la necessità di evitare la “stanchezza dell’Ucraina” dopo quasi quattro mesi di guerra.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

“I russi stanno avanzando centimetro dopo centimetro ed è fondamentale per noi mostrare ciò che sappiamo essere vero, ovvero che l’Ucraina può vincere e vincerà”, ha detto ai giornalisti. leggi di più “Quando la stanchezza dell’Ucraina si fa sentire, è molto importante dimostrare che siamo con loro a lungo termine e diamo loro la resilienza strategica di cui hanno bisogno.”

READ  L'economia cinese perde forza con l'irruzione del COVID-19, abbassando i tassi c.bank

Sabato, sui campi di battaglia, Sievierdonetsk, un obiettivo primario dell’offensiva di Mosca per prendere il pieno controllo della regione orientale di Luhansk, era di nuovo sotto tiro di artiglieria pesante e missili mentre le forze russe attaccavano le aree fuori dalla città industriale, ha detto l’esercito ucraino.

Un rappresentante sostenuto dalla Russia ha affermato che una grande esplosione ha scosso l’area di Sievierdonetsk sabato e una grande nuvola di colore arancione potrebbe essere vista alzarsi nell’aria.

Rodion Miroshnik, della sedicente amministrazione separatista della Repubblica popolare di Luhansk, ha pubblicato su Telegram un video di quella che ha detto essere la nuvola, aggiungendo di non poter dire se l’esplosione sia avvenuta dentro o vicino alla città.

Il governatore di Luhansk Serhiy Gaidai ha affermato che gli attacchi russi alle città appena a sud di Sievierdonetsk sono stati respinti dalle forze ucraine, sebbene la situazione nei villaggi satellite sia “difficile”.

“I russi hanno gettato tutte le loro riserve in direzione di Sievierdonetsk e Bakhmut”, ha detto in un post online. “Stanno cercando di stabilire il pieno controllo del centro regionale e di tagliare l’autostrada Lysychansk-Bakhmut. Non stanno avendo successo, stanno morendo in massa”.

Gaidai ha detto che la città di Lysychansk è stata costantemente bombardata, ma è rimasta completamente in mano ucraina, sebbene fosse in corso un’evacuazione “tranquilla” e convogli umanitari venissero portati quotidianamente. Ha detto che un’autostrada chiave fuori dalla città era ora impraticabile a causa dei bombardamenti russi.

A nord-ovest, diversi missili russi hanno colpito un’officina del gas nel distretto di Izium e missili russi sono piovuti su un sobborgo di Kharkiv, la seconda città più grande dell’Ucraina, colpendo un edificio municipale e appiccando un incendio in un condominio, ma senza causare vittime. hanno detto le autorità.

SFIDA DI ZELENSKIY

Il presidente ucraino Volodymir Zelenskiy, la cui sfida ha ispirato gli ucraini e gli è valso il rispetto globale, ha dichiarato sabato di aver visitato i soldati sulla linea del fronte meridionale nella regione di Mykolaiv.

“I nostri uomini e donne coraggiosi. Ognuno di loro sta lavorando a pieno ritmo”, ha detto su Telegram. “Resisteremo sicuramente! Vinceremo sicuramente!”

Un video mostrava Zelenskiy con la sua maglietta color cachi che distribuiva medaglie e posava per i selfie con i militari. Non ha detto quando è avvenuto il viaggio. leggi di più

Le autorità ucraine hanno anche riferito di bombardamenti notturni di località più a ovest di Poltava e Dnipropetrovsk, e sabato hanno affermato che tre missili russi hanno distrutto un deposito di carburante nella città di Novomoskovsk mandando tre persone in ospedale.

La Reuters non ha potuto confermare in modo indipendente i resoconti del campo di battaglia.

Uno degli obiettivi dichiarati dal presidente russo Vladimir Putin quando ordinò alle sue truppe di entrare in Ucraina era fermare l’espansione verso est dell’alleanza militare della NATO e mantenere il suo vicino meridionale fuori dalla sfera di influenza occidentale.

Ma la guerra, che ha ucciso migliaia di persone, ridotto le città in macerie e mandato in fuga milioni di persone, ha avuto l’effetto opposto: convincere Finlandia e Svezia a cercare di aderire alla NATO e contribuire a spianare la strada alla candidatura dell’Ucraina all’adesione all’UE.

READ  Il Regno Unito ha confermato due casi di variante del virus corona Omicron

“Gli ucraini sono pronti a morire per la prospettiva europea”, ha affermato venerdì il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, annunciando la sua decisione di raccomandare l’Ucraina e la vicina Moldova come candidati all’adesione all’UE.

“Vogliamo che vivano con noi il sogno europeo”, ha detto, indossando un blazer giallo sopra una blusa blu, i colori ucraini.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Reporting da parte degli uffici Reuters; Scrittura di Tomasz Janowski e David Brunnstrom, montaggio di Frances Kerry e Paul Simao

I nostri standard: I principi di fiducia di Thomson Reuters.