Novembre 30, 2022

ToBe Magazine

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Tobe Magazine

Dipartimento di Giustizia Si dice che Trump abbia più documenti

Un alto funzionario del Dipartimento di Giustizia ha detto nelle ultime settimane agli avvocati dell’ex presidente Donald J. Trump che il dipartimento credeva di non aver restituito tutti i documenti che aveva preso quando ha lasciato la Casa Bianca, secondo due persone informate sulla questione.

L’intervento del funzionario Jay I. Bratt, che guida le operazioni di controspionaggio del dipartimento, è l’indicazione più concreta che gli investigatori rimangano scettici sul fatto che Mr. Trump ha collaborato pienamente nei loro sforzi per recuperare i documenti che l’ex presidente avrebbe dovuto consegnare agli archivi nazionali alla fine del suo mandato.

Non è chiaro quali passi potrebbe intraprendere il Dipartimento di Giustizia per recuperare il materiale che ritiene Mr. Trump tiene ancora.

E non è noto se il Dipartimento di Giustizia abbia raccolto nuove prove che il sig. Trump ha mantenuto il materiale del governo anche dopo il perquisizione giudiziaria in agosto del suo club privato e residenza in Florida, Mar-a-Lago, e di 18 mesi di precedenti sforzi del governo federale per convincere l’ex presidente a restituire ciò che aveva assunto al momento di lasciare l’incarico.

Il Dipartimento di Giustizia ha rifiutato di commentare.

La sensibilizzazione del dipartimento ha provocato una spaccatura tra il sig. Gli avvocati di Trump su come rispondere, con un campo che consiglia un approccio cooperativo che includerebbe il coinvolgimento di un’azienda esterna per condurre un’ulteriore ricerca di documenti e un altro che consiglia il sig. Trump per mantenere una postura più combattiva.

Il campo più combattivo, hanno detto le persone informate sulla questione, ha vinto.

Il governo ha trovato più di 300 documenti classificati in materiale che era stato conservato a Mar-a-Lago, compresi alcuni contrassegnati come contenenti le informazioni più sensibili che avrebbero attraversato la scrivania del presidente.

Ma il Dipartimento di Giustizia ha precedentemente segnalato dubbi sul fatto che il sig. Trump aveva consegnato tutto ciò che era in suo possesso. Poco dopo la perquisizione di agosto, è stato rivelato che l’avevano fatto gli investigatori federali trovato dozzine di cartelle vuote a Mar-a-Lago contrassegnato come contenente informazioni classificate. La divulgazione ha sollevato ulteriori dubbi sul fatto che il Dipartimento di Giustizia avesse effettivamente recuperato tutti i materiali classificati che potrebbero essere stati portati fuori dalla Casa Bianca.

READ  Classifica degli US Open 2022: copertura in diretta, punteggi del golf di oggi, aggiornamenti dal Round 4 al The Country Club

Le cartelle vuote sono state trovate durante la perquisizione di Mar-a-Lago insieme ad altre 40 cartelle vuote che affermavano di contenere documenti sensibili che dovrebbero essere restituiti “al segretario del personale/aiutante militare”, secondo un deposito del tribunale. Gli agenti hanno trovato le cartelle vuote insieme a sette documenti contrassegnati come “top secret” in Mr. L’ufficio di Trump. Gli investigatori ne hanno anche trovati altri 11 contrassegnati come “top secret” in un ripostiglio.

Il dipartimento ha anche segnalato in atti giudiziari che ha continuato a cercare di determinare se più materiale governativo rimane disperso. In un deposito del tribunale di settembre, il Dipartimento di Giustizia si è lamentato del fatto che la decisione di un giudice di vietare alle autorità l’accesso ai documenti sequestrati durante la perquisizione – successivamente parzialmente annullata da una corte d’appello federale – limiterebbe la loro capacità di determinare se i documenti mancassero.

L’ingiunzione, ha affermato il dipartimento nel deposito, “sembra impedire all’FBI e al Dipartimento di giustizia di rivedere ulteriormente i documenti per discernere eventuali schemi nei tipi di documenti che sono stati conservati, il che potrebbe portare all’identificazione di altri documenti ancora mancanti”.

Il dipartimento ha aggiunto che l’ingiunzione “vieterebbe al governo di utilizzare qualsiasi aspetto del contenuto dei documenti sequestrati per supportare l’uso del processo obbligatorio per individuare eventuali documenti aggiuntivi”.

Tra i potenziali reati citati dal dipartimento cercando il mandato di perquisizione per Mar-a-Lago era un ostacolo.

Funzionari del Dipartimento di Giustizia e rappresentanti del sig. Trump ha tenuto una serie di discussioni nelle ultime settimane. Dopo la telefonata del Sig. Bratt, che ha condotto le indagini del Dipartimento di Giustizia sul sig. La gestione dei documenti da parte di Trump, Mr. Trump inizialmente ha accettato di seguire il consiglio di uno dei suoi avvocati, Christopher M. Kise, che ha suggerito di assumere una società forense per cercare ulteriori documenti, secondo le persone informate sulla questione.

READ  McConnell difende il record dei diritti civili dopo aver provocato un commento sconsiderato

Ma altri avvocati del sig. La cerchia di Trump – che ha sostenuto di assumere un atteggiamento più contraddittorio nei rapporti con il Dipartimento di Giustizia – non era d’accordo con Mr. L’approccio di Kise. Hanno parlato il sig. Trump fuori dall’idea e lo hanno incoraggiato a mantenere una posizione aggressiva nei confronti delle autorità, secondo una persona che ha familiarità con la questione.

Non è chiaro in quale proprietà il sig. Kise voleva che fosse condotta una ricerca volontaria da parte di un gruppo esterno. Insieme al suo club Mar-a-Lago a Palm Beach, in Florida, Mr. Trump trascorre spesso del tempo nel suo club a Bedminster, New Jersey, e in un ufficio a Manhattan.

Il disaccordo tra gli avvocati su come rispondere al Dipartimento di Giustizia ha contribuito a creare una frattura all’interno di Mr. Il team legale di Trump e ha portato, in parte, alla minimizzazione di Mr. Il ruolo di Kise in Mr. Il team legale di Trump nelle ultime settimane.

Sig. Kise non ha risposto a più richieste di commento.

Taylor Budowich, portavoce di Mr. Trump ha criticato il Dipartimento di Giustizia.

“Il Dipartimento di Giustizia armato e l’FBI politicizzato stanno spendendo milioni e milioni di dollari delle tasse americane per perpetuare la caccia alle streghe dopo la caccia alle streghe”, ha detto.

Sig. L’apparente riluttanza di Trump finora a collaborare mette il dipartimento nella difficile posizione di dover decidere tra una serie di scelte difficili, tra cui se rinunciare a cercare di ottenere i documenti, emettere una citazione per loro, ottenere un altro mandato di perquisizione o spingere per il sig. Trump per attestare sotto giuramento di aver consegnato tutto il materiale in suo possesso.

Bob Litt, un avvocato di lunga data per la sicurezza nazionale, ha affermato che il Dipartimento di Giustizia ha una serie di opzioni oltre all’esecuzione di un altro mandato di perquisizione. Uno sarebbe quello di presentare una mozione nella disputa giudiziaria in corso sui documenti, chiedendo la restituzione dei documenti o una dichiarazione sotto giuramento del sig. Trump che ha restituito tutti i documenti. Così facendo, il sig. Litt ha detto che il dipartimento potrebbe sostenere Mr. Trump in un angolo.

READ  Annunciata la misteriosa trasmissione SEGA che svelerà un nuovo progetto

Il modo in cui procede il dipartimento, ha affermato, sarebbe probabilmente influenzato dal fatto che il dipartimento ritenga che i documenti in questione siano altamente sensibili.

“Potrebbero dire alla corte che invece di chiedere un mandato di perquisizione lo stiamo portando alla corte”, ha detto il sig. ha detto Litt. “L’obiettivo è convincere Trump a registrarsi perché ha una storia di dire cose fuori dal tribunale per le quali non lo farà”.

Le domande persistenti sui documenti mancanti sembrano far parte di a problema più grande Il Dipartimento di Giustizia e gli Archivi nazionali si stanno confrontando con la Casa Bianca di Trump, che ha regolarmente violato le leggi federali sulla tenuta dei registri.

La scorsa settimana, il National Archives ha detto a un comitato del Congresso che i membri del sig. L’amministrazione Trump non aveva ancora consegnato tutti i documenti presidenziali che esistono al di fuori delle casse del governo.

L’agenzia ha affermato che potrebbero esserci conseguenze legali per quelle persone che non restituiscono i documenti presidenziali, inclusi i messaggi relativi al lavoro da account di posta elettronica personali.

L’archivista statunitense ad interim, Debra Steidel Wall, ha detto al comitato del Congresso che l’agenzia si consulterà con il Dipartimento di Giustizia sull’opportunità di “avviare un’azione per il recupero dei documenti rimossi illegalmente”.

“Sebbene non ci sia un modo semplice per stabilire la responsabilità assoluta, sappiamo che non abbiamo la custodia di tutto ciò che dovremmo”, ha detto la sig. Wall ha scritto al rappresentante Carolyn B. Maloney, democratica di New York e presidente del comitato di sorveglianza.

Ben proteste, Glenn Tordo e Matt Puglia reportage contribuito.